Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

DISNEY ANNI D’ORO (ADESSO, IN EDICOLA!) E ALTRE NOTIZIE

Annidoro-6

Grazie ad Antonio Genna, che nel suo blog frequentato da appassionati disneyani (in particolare di film animati) recensisce nel dettaglio l’ultimo numero in edicola del sesto numero di Disney Anni d’Oro, nel quale sono ampiamente coinvolto (com’è noto), insieme ad Alberto Becattini, per la cura generale di Lidia Cannatella e con interviste di Alessandra Orcese.

E’ in vendita in edicola dallo scorso mese il sesto numero di “Disney Anni d’oro” (196 pagine, prezzo di copertina 6,90 €), bimestrale di casa Disney che ristampa le migliori storie a fumetti Disney delle annate 1970/80, aggiungendo interviste ed approfondimenti inediti interessanti per nostalgici e collezionisti.
Ecco più in dettaglio cosa contiene questo numero (#6 – Gennaio 2010), con una copertina disegnata per l’occasione da Giorgio Cavazzano.

© Disney per le immagini.

Mi permetto di copiarne ancora qualche rigo, come promemoria; note che riguardano due piatti forti del numero, inediti (uno in tutto il mondo e uno solo in Italia):
(…)
la storia “straniera” del numero, “Topolino e l’adolescente adulto” (1975; testi di Carl Fallberg, disegni di Al Hubbard), appartenente al ciclo di Ser Lock (“Mickey and the Sleuth”), ed accompagnata dall’inedito e dettagliatissimo storyboard originale disegnato da Carson Van Osten;
(…)
un portfolio conclusivo intitolato “La pinacoteca di Donald Duck”, con una selezione di illustrazioni inedite in Italia, realizzate negli anni 1940 dagli animatori dello Studio Disney, che propongono alcuni famosi capolavori artistici re-interpretati da Paperino.

A questo proposito, va precisato che le tavole (dipinti, illustrazioni) che si riferiscono a questa galleria non sono mai state pubblicate prima in Italia. Erano apparse nel 1945 in formato piuttosto piccolo, e prevalentemente in bianco e nero, nella rivista americana Life, in particolare nel numero del 10 aprile di quell’anno, del quale vi posto sotto la copertina.

Life cover

Queste “parodie” di ritratti con Paperino e sue derivazioni non vanno quindi confuse con quelle del ciclo germanico Duckumenta, realizzate negli anni Ottanta o con quelle del decennio successivo che sono state oggetto di sperimentazioni, a Milano, da parte dei talentuosi studenti dell’Accademia Disney.
L’inedito di Mickey and the Sleuth, invece, è uno storyboard molto dettagliato, paragonabile alla tavola che posto sotto (ma che non fa parte della storia che potete acquistare in edicola fino alla fine di marzo, quando uscirà il numero successivo di Disney Anni d’Oro, quasi in contemporanea con un’altra iniziativa editoriale interessante per gli appassionati e collezionisti di comics).

SLEUTH-1971 matita

Alcune tavole paragonabili a questa sono pescabili nella rete, dove sono rimaste impigliate come fossero cefali. Scoprirle è una bella esperienza, un po’ come rintracciare le

P04

Tra l’altro, il famoso sito di conversazione e critica disneyana, tramite uno dei suoi corifei, Paolo Castagno, compare in televisione venerdì prossimo (domani, se leggete oggi; sotto, nei commenti, Paolo spiega a che ora e dove), su Video 2000, ed è vedibile anche on line nel sito
http://www.tv2000.it/.

Purtroppo, non tutti riusciranno a vedere questo formato, che richiede un plugin del Media Player di Microsoft… piuttosto antiquato (a essere teneri) per le web
tv… Per fortuna, un auspicabile, salutare passaggio successivo su YouTube del servizio dovrebbe scavalcare gli ostacoli del caso”!

Il web, si diceva, è davvero un pozzo senza fondo, generoso con chi ha dei secchi capienti per sapervi attingere.
Per venire incontro ai lettori di Cartoonist Globale, prima di gettarli di nuovo nei flutti, espongo al sole due interessanti documenti appena pescati, come si fa con i polpi sul molo.
Entrambi gli originali sono appartenuti allo studioso Don Ault, ben noto anche Italia, inviati a lui e a sua moglie Lynda dai due massimi cartoonist disneyani statunitensi: Floyd Gottfredson e Carl Barks.
Spettacolari, no?
La striscia del grande Floyd è del 10 gennaio 1963. Sarebbe bello vederla tradotta nell’idioma del Petrarca

Ault gottfredson

Barks to Don

TEMPI SUPPLEMENTARI

Uno scatenato Fortunato Latella si è preso la briga, fraintendendo volutamente una mia frasetta, di tradurre il testo della striscia donata a Donald Ault da Floyd Gottfredson!
Tanta dedizione va onorata.
DRING sopra per ingrandirla.

Mickeymouse630110

TEMPI ULTERIORMENTE SUPPLEMENTARI

Giustamente, Rinaldo Traini mi fa notare che questa striscia, insieme a tutte le altre di quell’anno (e degli anni precedenti e successivi) era stata già tradotta in italiano. In particolare sul volume 96 della Collana New Comics Now edito nel 1984 dalla Editrice Comic Art. Da ricordare la pubblicazione cronologica delle opere di Gottfredson e degli altri autori disneyani (Al Taliaferro, Dick Moores, Manuel Gonzales etc.) da parte della stessa casa editrice, anche nella benemerita collana di allegati al quotidiano Il Messaggero negli anni Ottanta.
Onore al merito!