Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

IL BUON VECCHIO ZIO ALFY E IL BUON VECCHIO ZIO MARTY CELEBRATI A LUCCA, di Stefano Priarone

Cover

Uno ha compiuto felicemente i trent’anni di vita editoriale, l’altro (sceneggiatore, editor, autore completo, studioso del medium), è l’autentico Renaissance Man del fumetto italiano.
Stiamo parlando di Martin Mystère alias Il Buon Vecchio Zio Marty (BVZM) e del suo creatore Alfredo Castelli, alias Il Buon Vecchio Zio Alfy (BVZA), che sono stati celebrati durante la scorsa Lucca Comics.

Nato appunto nel 1982, Martin Mystère ha preceduto la moda “mysteriosa” adesso imperante (nella finzione fumettistica conduce da oltre trent’anni il programma televisivo Mystère’s Mysteries che può ricordare l’attualmente famosissimo Voyager condotto da Roberto Giacobbo).

Sheovan & Castelli

A Lucca sono stati presentati vari volumi mysteriano-castelliani.

Al Museo del Fumetto (che non c’entra con Lucca Comics, ma è nella stessa zona) era possibile acquistare un elegante cofanetto con un team-up fra Dago, Martin Mystère e Diabolik alle prese a Lucca con uno strano artefatto.

MM, Dago e Diabolik a Lucca 2012

La storia di Dago (ambientata ovviamente nel passato) era dei classici autori della serie Robin Wood e Carlos Gomez, mentre il team-up (molto particolare come scopriranno i lettori) fra Martin Mystère e Diabolik era scritto dal BVZA (che in passato ha sceneggiato alcune belle avventure del personaggio delle sorelle Giussani) e disegnato da Giancarlo Alessandrini (nelle parti con Martin Mystère) e da Lucio Filippucci (nelle parti con Diabolik).

Nata (come la prima parte con Dago) da un’idea di Angelo Nencetti, direttore del Museo del Fumetto di Lucca, è una storia avvincente nella quale si cita anche il Commissario Avanzo della miniserie televisiva degli anni Novanta ambientata a Lucca Delitti privati, dove era interpretato da Ray Lovelock (e fra gli attori c’erano anche Edwige Fenech e Vittoria Belvedere).

A chiudere il volume, la ristampa di La spada nella roccia, splendida storia del 1992 di Castelli e Alessandrini che vede il BVZM alla fiera del fumetto dove incontra un famoso supereroe (di cui non sveliamo l’identità).

Berlino 2 (3)

Torta Castelli

Una parodia del personaggio è invece quella del bel volume cartonato Myster Martin: Martin e la pietra dodecafonica dell’Associazione Amici del fumetto (www.cronacaditopolinia.it) scritto da Daniela Zaccagnino, splendidamente disegnato da Elena Mirulla e colorato da Giulia Priori. La vicenda vede Myster Martin invitato su un’isola misteriosa assieme all’amico uomo di Neanderthal Java e seguito a distanza dalla moglie Diana.

Myster Martin

Peccato che non appaia la sexy Angie, che ben si sarebbe prestata nei disegni sensualmente mangosi della Mirulla (forse perché la storia è scritta da una donna).

Ma il piatto forte è stato il volume Castelli di carta, con il quale si è inaugurata la collana I libri di Amys.

Amys sta per Associazione Culturale Nipoti di Martin Mystère, ed è un gruppo di fan del cosiddetto Detective dell’Impossibile; esiste da circa dieci anni e i membri di riuniscono periodicamente per i cosiddetti MM Fest ai quali intervengono in genere autori della serie.

Foto CASTELLI

Il volume, curato da Luca Salvadei, che durante la presentazione aveva il look di Mister Jinx, un simpatico nemico di Martin Mystère del quale si considera l’alter ego, e impaginato da Paolo Mignone (con una cover di Daniele Caluri elaborata da Luigi Casarotto e Daniele Busnelli) ha avuto una lunga gestazione (se ne parlava già a metà degli anni Duemila), ma la lunga attesa è sicuramente valsa la pena.

Si tratta di una serie di omaggi (dagli articoli alle storie a fumetti, ai ricordi personali) ad Alfredo Castelli, da oltre quarant’anni fra i protagonisti del fumetto italiano. Troppi i collaboratori per citarli tutti, ma si va dai fan ai grandi professionisti (con i quali spesso Castelli ha collaborato) come Giancarlo Alessandrini, Lucio Filippucci, Mario Gomboli, Carlo Recagno, Leo Ortolani, Vincenzo Beretta, Giancarlo Berardi, Moreno Burattini e moltissimi altri.

LUCA BOSCHI

È presente (con due bellissime tavole disegnate) anche il titolare di questo blog e pure chi scrive, con vari contributi, fra i quali in versione riveduta e corretta due miei articoli (rispettivamente sulle storie di Zagor di Castelli e su quelle di Zona X) usciti negli ormai lontanissimi anni Novanta sulla prozine Dime Press (abbastanza impietoso il confronto con il me stesso ventenne: scrivevo molto meglio allora…).

Fra l’altro c’è una one pager con un altro team-up, stavolta fra Sheovan (il mio alter ego demoniaco) e Castelli disegnata dal bravissimo Mauro Masi (è in libreria da Tempesta Editore il libro Masinfonia che raccoglie una serie di sue storie brevi).

Masinfonia

Scritta quasi sette anni fa ha riferimenti di cultura pop datati (come ho messo nella nota che è stata allegata), come la chiusura della serie televisiva Buffy The Vampire Slayer (serie che continua nei fumetti, a Lucca Comics allo stand di BD era disponibile il primo volume della nona stagione).

Purtroppo, non ho rivisto con attenzione l’articolo sulle storie di Zagor e c’è un riferimento che se era corretto nel 2006, quando lo avevo messo, non lo è più adesso: il record di major tennistici vinti non è più di Pete Sampras (con 14) ma di Roger Federer (con – finora – 17): questo articolo mi consente di fare ammenda.

Una Lucca davvero mysteriana: allo stand Rizzoli era presente l’edizione italiana del primo volume del Barks della Fantagraphics e per l’occasione avevo parzialmente riscritto il mio articolo su >Paperino e il mistero degli Incas (la storia delle uova quadre, per intenderci), citando l’omaggio al classico barksiano fatto da Castelli e Alessandrini nello storico numero 100 di Martin Mystère.

Nella conferenza a Lucca (dove ha anche presentato la nuova App per IPad di Martin Mystère, completamente gratuita) un commosso Castelli ha commentato l’iniziativa: “Non piango solo perché non sono la Fornero o Niki Vendola”.

La serata del 2 novembre si è chiusa con una cena fra Castelli, il gruppo degli Amys e vari collaboratori della serie con tanto di torta con la copertina del volume.
Cento di questi mysteri, BVZA e BVZM!

Invitati
CASTELLI DI CARTA promo - BOSCHI