Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

COMPLIMENTI A “MAMMA!”, E UN CORSO DI SATIRA A FRIGOLANDIA

Bianijpg

Bella questa immagine rough del nostro prediletto Mauro Biani (suo il ©), eh?

Quanti (e poi quanti!) giovani virgulti del disegno e quante matricole della penna “Bic NerodiChina” vorrebbero essere eletti a satirici del suo calibro!?

Bene, volendo, da oggi una possibilità del genere sembra esistere. Ce lo comunica Giorgio Franzaroli, firma ormai storica di Frigidaire (e non solo).

Intanto, va segnalato un primato: quello del blog più clikkato del mese scorso secondo la classifica di Wikio. E’ proprio quello del “foglio” satirico Mamma!, assente fino ai mesi precedenti e incluso nella classifica da Matteo Stefanelli, che la fiancheggia curandola, e che si aggiudica con il suo Fumettologicamente il secondo posto fra i blog fumettistici più stimati.
Congratulations ad ambo!

Cartoonist Globale retrocede di due posti (evvabbe’, io manco sapevo che ci fosse questa “lizza”), ma sempre onoratissimo del terzo , aaah!

Corso satira

Seconda locandina

Tutto quello che c’è da sapere per partecipare è manoscritto sopra.
Un po’ di infos in più si trovano nelle pagine di
Frigolandia, la nazione dove fa fresco (da cui il nome) anche quando tira l’afa.

Una volta che vi sono andato in corriera, guardavo di sguicio sul teleorologio da polso (una novelty della quale Dick Tracy sarebbe invidioso) un commento di Marco Travaglio. Uno di tanto tempo fa, non l’ultimo, che commenta le bestialità scritte da vari giornalisti amanti della moneta tintinnante sulla Sentenza Dell’Utri ultima scorsa.

Toh! Combinazione, è proprio qua sotto.

Ascoltarlo è istruttivo, come sempre, specialmente adesso che gli spazi di informazione sono sempre più soffocati causa colpe e doli collettvi. Si veda in proposito la manifestazione di protesta e di STOP (quasi) di tutta l’informazione del prossimo 9 luglio.
L’interrogativo è: anche i giornalisti palesemente più venduti dei giornali sui quali scrivono taceranno per far finta di non esserlo, nell’ennesima esibizione di trasformismo?
Aspettiamo con ansia di constatarlo.

Alla condanna a sette anni in appello comminati al braccio destro del Presidente del Consiglio (e al processo ormai lontano al senatore Giulio Andreotti) si ispira anche Gipi con il suo vide sulla “Settimana Mafia”.

Tornando al corso, vi insegnano Bicio Fabbri e il già citato Giorgio Franzaroli, premiati più volte come satiri e vignettisti, insieme a Vincenzo Sparagna, giornalista e direttore di Frigidaire.

Costoro seguiranno gli allievi nell’elaborazione di lavori e idee, e li informeranno dall’interno sulle forme migliori per avvicinarsi alla satira scritta e soprattutto disegnata.

Il corso è aperto a persone di qualsiasi livello e professionalità, che vogliano iniziare o anche solo approfondire le loro conoscenze.
A disposizione dei partecipanti anche la ricca biblioteca di riviste italiane e internazionali, nonché tutte le pubblicazioni storiche del Il Male, Frigidaire, ecc.

I lavori migliori saranno pubblicati sul nuovo Frigidaire mensile già in edicola dallo scorso giugno.

Le lezioni si svolgeranno per lo più all’aperto nel parco di Frigolandia rinfrescati dal vento estivo delle colline umbre, intervallate da pause nella piscina del vicino camping, o da libere passeggiate nei boschi. Non mancherà, come nella migliore tradizione Frigolandese, ottimo cibo e vino del posto.

Il costo del corso è di € 300 incluso vitto e alloggio.

Per iscrivervi si può versare l’importo indicato in due modi:
a) sul conto corrente postale n. 71802482, intestato a:
Associazione Repubblica di Frigolandia, Località La Colonia/Montecerreto, 06030 Giano dell’Umbria (PG) Codice IBAN:
IT 10 W 07601 03000 000071802482

b) sul conto corrente bancario di Frigolandia srl, codice IBAN:
IT 18 P063 1538 3400 0000 0080451

Poi inviate una e-mail dell’avvenuto pagamento a frigilandia@gmail.com

Spot più spudorato di questo avrei mai potuto far?

Il leader antipopulista dei Gem Boy, Carletto FX (se non vado errabondo): il re repubblicano del ridoppiaggio, l’imperatore democratico delle parodie e’ tra i fieri abbonati della rivista Mamma, assai ardua da reperire.