Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

TOM OREB, IL CASTORO BUCKY, E ALTRI “COMMERCIALS”

Ipana_dentifricio_bucky

Al palese scopo di irretire giovani generazioni di ignari utenti, per poi somministrar loro a tradimento i perversi germi della sovversione atomico-terroristica, continuo a proporre innocenti personaggi in gran parte inediti in Italia, protagonisti di oscuri “Caroselli” esteri, legati a prodotti ormai rimossi di aziende defunte e desmentegate da decenni.

Di turno è il castoro Bucky, creato dal (purtroppo) piuttosto oscuro Tom Oreb, un genio sottovalutato, con un tratto non troppo dissimile da quello dell’Alvin di cui abbiamo parlato qui e altrove, mentre i layouts di questi spot sono in gran parte opera di Vic Haboush.

Oreb_jiminy

La coppia ha lavorato insieme anche a vari altri commercials, fra cui quello con una versione stilizzata del Grillo Saggio che promuoveva le auto della linea Nash Cars. Il cortometraggio era disponibile su YouTube sino a qualche tempo fa, ma (forse per richiesta stessa della società), adesso è stato tolto. Sopravvive tra gli altri il meraviglioso disegno con il grillo che ripropongo sopra, e che proviene dalla collezione dello studioso, celebre scrittore di animazione e fumetti John Canemaker.

Resta, fra gli altri, quello con Fratel Coniglietto, Compar Volpone e Compare Orso, per la stessa società.

Godetevi questo reperto archeologico, al quale ne segue un altro… niente male!

Di Oreb, al quale My Space (per merito di chi? E’ scomparso da più di vent’anni. Non l’ho capito) ha dedicato qui un ampio tributo, vi propongo due pubblicità di questa pasta dentifricia dal nome decisamente ridicolo (Ipana), per aggiungere altri spot curiosi o rari prossimamente in altri post.

Una riflessione sulla costruzione semplice ma insinuante di questi short, che datano oltre quarant’anni, e un’altra sulla forza iconica del protagonista e dei suoi antagonisti sarebbero opportune.
Le lascio ai vostri neuroni.

Nella foto sotto, scattata preso la Disney nel 1958, si vedono da sinistra Vic Haboush, Tony Rizzo, Walt Peregoy (ricordate il suo design fondamentale nella Carica dei 101?) e Tom Oreb.

Ancora da My Space traggo questo avvio di biografia dell’autore, suggerendovi di proseguirne la lettura qui.

Tom Oreb (1913-1987) is widely regarded as one of animation’s greatest designers.

He could design characters and backgrounds with equal mastery and in a remarkable range of styles. His work is characterized by a consummate sense of draftsmanship, a graphic purity and an elegance of form that distinguishes his work from other designers of the period.

Tom Oreb was born in Los Angeles on October 26, 1913 to second-generation Croatian immigrant parents. He was the middle of five children (one other brother and three sisters).
He attended Manual Arts High School in downtown Los Angeles where he was mentored by Frederick Schwankovsky and was classmates and friends with Jackson Pollock, Philip Guston and Manuel Tolegian.

Oreb_rizzo

Symphonyslang

Nell’ultima immagine, un esempio della collaborazione fra Tom Oreb e Tex Avery nel cortometraggio della MGM Symphony in Slang (1951).

Ward Jenkins ha inserito qui un incredibile set di immagini tratte da questo corto. Roba di extra-lusso!

Adesso, per tutti, un esercizio yoga: provate a togliervi dalla testa il gingle di questa pubblicità del castorino canterellante nelle prossime sei ore!

Il © di Brer Rabbit, Jiminy Cricket, Brer Fox e Brer Bear è Disney.