Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

IL GRANDISSIMO PAUL CAMPANI E SUO FIGLIO SUPERGULP!

GirandolaTV1

image014

Guido De Maria, Clod e tanti altri colleghi compaiono in un interessantissimo documento, ottimamente, montato. Lo vediamo in chiusura di post o giù di lì.

Parla di ascesa e caduta della Paul Film, amatissima casa di produzione modenese di film animati e spot pubblicitari che nel periodo del boom economico arrivò ad avere quasi un centinaio di dipendenti.

A guidarla fu il suo fondatore, il “genio della matita” Paul Campani, al quale abbiamo accennato martedì scorso all’incontro alla Biblioteca delle Oblate, con Pier Luigi Gaspa, a proposito di un fumetto partigiano toccante e coraggioso: quello che chiude l’ultimo numero uscito di Pam il partigiano.

Paul Campani 1

E oggi, anzi, oggi, domani e nel week-end, ritroviamo Paul in “Da Carosello a Supergulp!”
La gloria dell’animazione italiana attraverso gli studi modenesi

Un bella iniziativa a cura di Stefano Bulgarelli, Claudio Varetto, Fabio e Stefano Bignardi, Clod, D406 fedeli alla linea

In collaborazione con Infomotion s.r.l., Tecnologic s.r.l. di Campogalliano.

Sotto, nientemeno che Gioele e i suoi amici!

Un po’ di “ripasso”: Paul Campani, Secondo Bignardi, Bonvi, Renato Berselli e Guido De Maria hanno creato per gli Studi di animazione modenesi personaggi indimenticati, eroi di una nuova epica popolare entrata nelle case di tutti gli italiani grazie a Carosello e Supergulp!

La mostra copre oltre 25 anni di questa storia gloriosa compresa tra il 1957, data di nascita di Carosello, e il 1981 che segna l’ultima edizione di SuperGulp!

Francese_Bambini

L’attenzione è centrata sulla produzione sugli Studi di animazione modenesi che in quegli anni hanno fatto la storia dell’animazione italiana: Paul Film, Studio Bignardi, PlayVision e Cartoncine, uniti dal collante della creatività di Bonvi e De Maria.

Straordinari, numerosissimi e in larga parte inediti i materiali esposti. Spiccheranno disegni originali a matita di Paul Campani degli anni ’57-60, per la prima volta mostrati in pubblico – dall’Omino coi baffi, iconico testimonial della Bialetti, ad Angelino e Miguel son mi – le tavole originali di Nick Carter e di Sturmtruppen a firma Bonvi, i rodovetri di Giumbolo di Guido De Maria animato da Renato Berselli; i rodovetri dello Studio Bignardi per il Corto Maltese di Hugo Pratt, per il cortometraggio Ogni regno, per le sigle di Supergulp! e per le animazioni di Quark (RAI) su disegni di Bruno Bozzetto.

Sopra, Svanitella e Riccardone, di Paul.

D406_Da_Carosello_A_Supergulp_

Fido_Bau_Decal

Tre serate di proiezioni modenesi presso Manifattura tabacchi – Piazza delle Paltadore

E un incontro rimasto, questa sera,
Sabato 13 settembre ore 20.30
Da Carosello a Supergulp! “Ebbene sì, maledetto Carter!”
Conduce: Guido De Maria

Paul ha affermato più volte di non essersi considerato un artista, bensì “un commerciante”. Questa è la storia di quel periodo, di un Italia che vive l’ebrezza del benessere, del Carosello e dei giovani animatori che imparavano a fare i cartoni animati.

L’intero reportage compare su Converso Mag.

Riccardone_Figura