Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

CHARLES M. SCHULZ IN CARNE ED OSSA!

Charlesschulz1987

Chi non ha mai avuto l’opportunità di incontrare l’eccezionale Charlie M. Schulz di persona, e al massimo ne ha visto alcune foto sui giornali o nelle prefazioni dei suoi libri, adesso… può assaporare un’intervista vintage con lui. Meglio che niente…

Messa on line su YouTube meno di una settimana fa, non ha ancora avuto nessun commento, forse perché è passata inosservata, dato il distraente periodo estivo. Eppure, Schulz è uno dei fumettisti più noti e amati a livello planetario.

L’intervista è andata in onda sulla rete americana ABC nel maggio 1987; dov’eravate voi in quel mese?


.
Io ricordo distintamente una primavera milanese caldo-umida alle prese con le scadenze di Totem Comic e di Comic Art, usavo ancora una Lettera 22 Olivetti; e leggevo le strisce dei Peanuts su Linus, ancora in formato “quasi pocket”.
Linus
L’intervista, condotta da un giovane Charles Gibson, è andata in onda nel programma quotidiano Good Morning America.

All’epoca era uscito in libreria un nuovo volume di Charlie Brown e compagnia: Dogs Don’t Eat Dessert, con Snoopy come personaggio centrale.

L’intervista era stata pensata per promuoverlo.
In quel periodo, come Gibson accenna all’inizio della conversazione, Schulz era stato inserito nella Cartoonists Hall Of Fame.

Sottovalutato in Italia almeno negli ultimi tre lustri, dopo un buoom di successo a metà anni Sessanta, Schulz è stato indiscutibilmente un gigante del cartooning internazionale, e per fortuna anche i suoi più stupidi detrattori, adesso, sono disposti a riconoscerglielo.

Schulz.Barrier

Il creatore dei Peanuts è scomparso nel 2000, mentre anche la sua striscia spirava.

Ci mancano entrambi.

.
Foto: michaelbarrier.com
Sotto, un’altra intervista con Schulz, condotta da Charlie Rose e segnalata da Cius, autore di Quiff, attivo sul mondo delle comic strip nel blog Balloons. Grazie per la collaborazione!
.