Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

“ESOPO E LA VOLPE” AL MUSEO DELLA FIGURINA DI MODENA

Esopo

Venerdì scorso si è inaugurata a Modena una notevole iniziativa per gli amanti dell’illustrazione: una mostra visitabile sino al 13 aprile 2009 nei locali del Museo della Figurina, la cui collocazione non potrebbe esse più appropriata, data la presenza in città della leggendaria casa editrice Panini, celebre da decenni worldwide per le sue figurine.

Curata da Paola Pallottino, storica ed esegeta dell’Illustrazione, docente di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Macerata, si intitola Esopo e la Volpe – Iconografia delle favole dal IV a.C. al XX secolo.

12-1838-Grandville-volpecicogna

Figurine, volumi illustrati originali, i due fac-simile miniati del trecentesco manoscritto medievale Romulae Fabulae di Gualterius Anglicus e del Codice Bartolini 83 del 1449, nonché il più antico documento figurativo della favola La volpe e la cicogna, conservato su un’idria a figure rosse del IV secolo a.C., rinvenuta in una tomba di Corchiano e oggi custodita al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma.
Sono questi i ‘pezzi forti’ della mostra, organizzata e prodotta dal Museo della Figurina e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

1887_Crane_volpecicogna_p

La mostra, frutto dello studio ventennale della curatrice, presenta come unici protagonisti gli animali, connotati simbolicamente a metaforizzare vizi e virtù umane.

L’esposizione comprende una grande tavola sinottica, che presenta simultaneamente cinque favole: Il lupo e l’agnello, Il corvo e la volpe, Il lupo e la gru, La volpe e la cicogna e La cicala e la formica nel loro svolgimento cronologico, attraverso riproduzioni tratte da manoscritti e opere a stampa, per favorire l’immediato raffronto fra i contenuti e la loro evoluzione nei secoli, grazie ad una lettura articolata su ascisse e ordinate.

.

18--le-renard-et-les-raisins

Contestualmente viene messo in evidenza il contributo artistico offerto dai fantasiosi miniatori, dagli anonimi xilografi delle prime edizioni figurate e dai grandi illustratori come Marcus Gheeraerts, Francis Barlow, Thomas Bewick, Grandville, Gustave Doré, Walter Crane, Boutet de Monvel.

La mostra si conclude con una sezione interamente dedicata alle figurine, la cui iconografia, spesso aggiornata alle rielaborazioni favolistiche di La Fontaine, svela una sorprendente originalità.

Accompagna l’esposizione un catalogo bilingue pubblicato dalla Franco Cosimo Panini e corredato, oltre che dal testo critico di Paola Pallottino, da una inedita bibliografia sull’argomento e da una ricchissima sezione dedicata alla fortuna iconografica delle favole esopiche. Impreziosisce il catalogo, l’allegato in ampio formato della riproduzione con la tavola sinottica in mostra.

È prevista anche un’attività didattica mirata, con materiale predisposto e laboratorio per i bambini.
Continua infine la collaborazione tra il Museo della Figurina e un gruppo di studenti dell’Istituto d’Arte Venturi, coordinati dalla professoressa Antonella Battilani, interpreti in chiave contemporanea degli stimoli offerti dalle favole di Esopo, che a distanza di 2500 anni sprigionano ancora un fascino duraturo.

.
19-recto-LE-FAVOLE-DI-LA-FONTAINE

.
Nella sua recensione dell’iniziativa sul
Messaggero.it, Fiorella Iannucci intervista la curatrice chiedendole quale il suo artista preferito. «Grandville – risponde senza esitare Paola Pallottino -. E’ lui a dare un’interpretazione metaforica delle favole. E’ il primo a umanizzare la cicala e la formica: quest’ultima è raffigurata in veste di massaia a difesa delle proprie provviste sulla soglia di casa, l’altra è una zingara con la chitarra a tracolla. Strabiliante: Platone nel Fedro racconta come in origine le cicale fossero creature umane che, sedotte dal canto delle Muse, trascurassero di mangiare e di bere fino a morirne. E che dire della sua interpretazione della favola della Volpe e la cicogna? Al posto delle due scene simultanee tradizionalmente adottate (…), Grandville ricorre ad un delizioso artificio figurativo per evocare il pasto della volpe: la scena è semplicemente ricamata sulla tovaglia di una tavola imbandita, sulla quale troneggia l’ampolla della cicogna. Un genio. Tutti hanno rubato a Grandville, cinema d’animazione compreso».

Cicala

.
Tra le immagini, oltre alla bellissima illustrazione di Gradville, considerato da alcuni osservatri, fra i quali Enrico Gianeri – Gec un ispiratore di Walt Disney, ce n’è una della serie Favole, pubblicata nel 1901, che serviva come pubblicità del cioccolato Suchard.
Un’altra, del 1904, litografata da J.E. Goossens (Parigi-Lille) era invece impiegata come pubblicità per i grandi magazzini Au Bon Marché di Parigi.

Da non trascurare quella tratta dal volume Fables de La Fontaine, pubblicato a Parigi da Hachette nel 1929, opera di Félix Lorioux.

Per chi vuole recarsi alla mostra, l’indirizzo è:
Museo della Figurina
Corso Canalgrande, 103 – 41100 Modena
Tel: 059-2033090 Fax: 059-2033087
Email:
museo.figurina@comune.modena.it

Orari
Dal martedì al venerdì 10.30-13; 15-18.
Sabato, domenica e festivi 10.30-18. Chiuso il lunedì.

Ingresso gratuito.
.

Per leggere articoli correlati a questo (o comunque interessanti per chi l’ha scelto) basta fare CLICK sui loro titoli, sotto.