Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

LARA MOLINARI A PADOVA E… ALBERTO’S PAGES!

KIRN francis

Doveva accadere, prima o poi.
E salutiamo allegramente l’evento, come faranno di sicuro tutti gli appassionati di fumetti classici e in particolare di Funny Animals.

Alberto Becattini, detto Beka, ha aperto un blog personale, Alberto’s Pages, che s’inaugura oggi con una scheda del disegnatore Francis Kirn.
Sua l’illustrazione a matita dell’apertura.
CLIKKATE sul nome per leggere e visionare tutto del disegnatore forse più riconoscibile di Uncle Wiggily (Zio Virgilio).

Da oggi, estate, abbiamo quindi un giretto in più da fare nella nostra navigazione quotidiana.

Image002

E adesso, voltiamo pagina con la galleria Matita e China
via San Martino e Solferino, 16
Padova

C’è una bella esposizione da vedere, su già dallo scorso 15 Giugno e fino al 6 Luglio 2013.

Orari dal martedi al sabato, 10.00 – 12.30
15.30 – 19.30
Ingresso libero

Inaugurazione 15 Giugno 2013

Nei prossimi post (ri-prometto, spero non marinarescamente), Silvio Costa, Sauro Pennacchioli, altre scoperte e aggiornamenti di Alfredo Castelli, l’arrivo della bella Ondina fra noi e tutto quanto ci consente di portare avanti i discorsi intrapresi nella settimana passata.

Ma intanto parliamo di Lara.
A seguito del successo ottenuto a Torino, Genova e Milano la personale mostra della talentuosa Lara Molinari, illustratrice, fumettista, grafica, è sbarcata in territorio patavino, dove notoriamente al trasparente nettare si preferisce del robusto e rosso vino.

Per la prima volta a Padova, Lara, conosciuta dai lettori di Cartoonist Globale soprattutto per la fruttuosa collaborazione con Disney, espone alcune fra le sue piu belle opere originali presso gli spazi della galleria Matita & China.

Attraverso questa invasione di colori, sono ripercorse alcune fasi della sua carriera artistica: dalle piu classiche figure disneyane, alle personalissime opere dai colori vivi e le forme morbide che caratterizzano un nuovo filone di quadri ispirati alla fanciullezza e all’onirico.

In occasione della “puntata padovana” della mostra, è anche esposta un’illustrazione di grande formato creata appositamente per la mostra in cui gli eroi Disney vengono calati nel cuore e nell’atmosfera padovana.

Inutile dire che gli acquerelli Disney di questo post sono sue.

Ma prima, ci punge vaghezza la messa online di altre immagini inedite.

Queste tre sono scattate alla Mostra Mercato di Reggio Emilia da Gianfranco A., che ce le ha spedite.

Si comincia con Sergio Tisselli al tavolo da la… ehm, NON a quello da lavoro, durante il rinomato pranzo del Papersera.

Tisselli

Quindi, Silvia Ziche, mentre autografa un libro, con Frank Stajano sullo sfondo.

Silvia Ziche

IMAG0481

Infine, in evidenza nella pagina sta in tutto il suo splendore il post su Cannes e la polemica fumettistica che l’ha scossa scritto da Nestore Del Boccio settimane fa: di gran luga l’articolo con più commenti dell’ultimo anno.

Per tutto il week-end rimarrà in questa posizione, adesso che Nestore ha deciso di chiuderlo con un 255mo commento, si suppone esaustivo.

Buona lettura!

Anche di quanto segue!

Infatti, poiché a suo tempo avevamo dedicato dei post a Lara, ma non è detto che i novizi avventori del blog li abbiano visti, ne riscaldo uno di un paio d’anni fa.

Blog Nuova mostra di Lara

Sognare è un’arte è il titolo della bella mostra di Lara Molinari, che si tiene dallo scorso 19 novembre alla Galleria d’Arte L’Ariete a Torino, dove Lara è nata (pochi anni fa, peraltro).

Chi non ce la facesse a precipitarsi colà, la può comunque visionare, sfogliandone pagina per pagina una sorta di catalogo virtuale delle opere, a questo indirizzo.

Non si tratta esattamente della mostra di Lara (il catalogo si riferisce a una mostra precedente di un anno a quella in oggetto), ma serve a dare un’idea precisa della nuova linea grafico-pittorico dell’artista.

Il catalogo cartaceo, tirato in 1500 copie, tuttavia esiste, è bellissimo e si avvale di una prefazione di Matteo Paoletti.
Come procurarselo?
Ci informeremo (ma io ringrazio Lara che me ne ha spedita una copia; la copertina è quella che apre questo primo post decembrino).

Lara_molinari

Molinari Chi è abituato a seguire (e ad apprezzare) lo stile disneyano assai dettagliato impostato da Lara in una ventina di anni di attività presso la casa editrice di Via Sandri, a Milano, stenterà a riconoscerne i contorni in questi quadri-illustrazione dedicati al mondo dell’infanzia, ma godibilissimi da qualsiasi fascia di età.

Non è la prima volta che Lara, la quale è anche illustratrice pubblicitaria e fashion designer, è protagonista di una rassegna di questo tipo. Anzi, pochi mesi prima era stata, con opere di questo tipo, in visione alla sala incontri del Teatro Ariston di Sanremo.
Dal 18 giugno all’11 luglio 2008, la fumettista aveva presentato una mostra dal titolo Sognare giocando, con 42 opere in mostra (fra le quali quella riprodotta immediatamente sotto, che costituiva anche la copertina di quel catalogo).

Cover Lara

Ha scritto di lei quanto segue il gallerista Pietro Vasco.

Molinari_photo “Così sognano i bambini…
Lara ha rappresentato e raffigurato il mondo onirico del bambino con tale realismo e verità da colpire, nell’adulto”… Il fanciullino che è in noi” (Giovanni Pascoli). L’appartenenza a questa caotica civiltà dei consumi, oberata ad annichilita dalla corsa al benessere materiale, ha dimenticato la serenità dell’infanzia. La gioia pura dello scoprire un giocattolo, di accarezzare una bestiola, immergersi in un prato in fiore, di addormentarsi, cullati da un morbido peluche.

Questa gioia è allontanata, accantonata, dimenticata, sommersa dall’assillo quotidiano della meritocrazia, in ufficio, tra gli amici, in famiglia. Lara è un adulto che non ha dimenticato i sogni ed i giochi dell’infanzia. Li ha coltivati com amore, da bambina, ed arricchiti grazie alla sua natura meditativa, li ha coltivati e raffigurati nella sua vita artistica, particolarmente nella sua lunga permanenza nel mondo Disney, ma non solo.De Vinci
Ha maturato in modo ottimale la capacità di trasferirii nel colore, nelle immagini, ed offrire all’adulto esausto di oggi, finestre aperte su quel mondo infantile che, ognuno di noi, pensava di avere ormai sepolto per sempre. La sua pittura sembra quasi “inconsapevole”, in realtà è il risultato di ricerche e di regole apprese durante la sua carriera artistica, è frutto di continue sperimentazioni.

Attraverso la sua arte avviene un contatto diretto, concreto con la realtà, in questo modo l’animo viene liberato da ogni oppressione e la sua pittura diventa un sogno nella realtà. Ecco perché Lara piace ai giovani, ma, soprattutto, all’uomo maturo.

Si scopre un nuovo motivo per respirare a pieni polmoni, per allontanare, almeno per qualche minuto, le scorie dei pensieri quotidiani e consumistici e rendersi conto che, esiste ancora, in ogniuno di noi, una base di serenità e giocosità su cui costruire un futureo meno aberrante.

Drappalio di Settmello

Sopra, uno scatto di Lara risalente a due anni e mezzo fa, quando la bravissima illustratrice era all’opera con il Drappalio di Settimello, da pubblicarsi su Topolino. L’ambito premio del Palio della Torricella è apparso nella rubrica degli appuntamenti italiani da non perdere del settimanale Disney.