Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

UNA BOMBA NELLA REDAZIONE DI “CHARLIE HEBDO”

Charlie-Hebdo

CappuccioLa brutalità della cronaca reagisce ancora una volta sui propositi di nuovi post più atemporalmente culturali.
Questa volta si potrebbe trattare di intolleranza incendiaria islamica, ma le indaginio sono tutte da fare (ancora), trattandosi di fatti freschi.
O meglio… assai roventi!

La redazione del giornale satirico francese Charlie Hebdo, storica testata priva di pelosità papillare animata a suo tempo dall’impareggiabile gruppo comprensivo di Wolinski, Reiser, Gébé, Cabu e compagnia briscola, è stata distrutta da un incendio doloso la notte scorsa.

Il direttore Ribattezzato per l’occasione Charia Hebdo, il giornale è adesso in edicola con un numero speciale dedicato alle elezioni in Tunisia, vinte dal partito islamico Ennhadha, in cui il caporedattore sarebbe Maometto. Fortunatamente, nell’incendio nessuno è rimasto ferito.

Secondo i primi rilevamenti, il rogo sarebbe stato provocato da alcune bombe molotov, costruite artigianalmente alla vecchia maniera. Repubblica (da cui ricaviamo anche la foto, distribuita da afp) riporta che le molotov sono state lanciate all’una di notte attraverso una finestra e hanno avvolto nelle fiamme tutti i computer della rivista, provocando danni gravissimi. Il direttore, Charb, è certo che vi sia un legame con il numero sulle elezioni, sulle quali “non si può scherzare”.

Dalla copertina un profeta Maometto che assomiglia abbastanza al personaggio di Iznogud disegnato dalla buonanima di Tabary (tutti i suoi fumetti sono in ristampa da Panini Comics, annoto incidentalmente, poi ne parleremo), prometteva “100 frustate se non muori dalle risate”

Charb dichiara: “Avevamo ricevuto messaggi di proteste, minacce e insulti su Facebook e Twitter” (social network evidentemente frequentati da fondamentalisti intolleranti).

67481500_p

Lunedì scorso il settimanale satirico aveva divulgato un comunicato stampa nel quale spiegava la decisione di uscire in edicola con un numero fuori serie. Ciò avveniva “per festeggiare degnamente la vittoria del partito islamista Ennahda in Tunisia e la promessa del presidente del Consiglio nazionale di transizione che la charia sarà la principale fonte di legislazione per la Libia”.

Hebdo

Per evitare di apparire partigiani, ecco anche un po’ di immagini del settimanale indirizzati al mondo cattolico.

CharlieHebdo

Immagine7

Immagine10

Immagine11

Immagine9

Grazie a Claudio e a Giséle per la “soffiata”.
A proposito dell’arcomento, divulgato attraverso le agenzie stampa al mattino, sentiamo alcuni Califfi.