Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

THE DRAGON AND THE DAZZLE: UN SAGGIO IN INGLESE SUL GIAPPONE

Dragon Di Marco Pellitteri (che il sottoscritto ha un po’ trascurato, ahimè, scusasse, negli ultimi tempi) abbiamo parlato l’anno scorso a lungo in occasione della traduzione e cura del suo saggio biografico-critico su Walt Disney scritto da Michael Barrier.

Ora, alla vigilia dell’uscita di un altro interessantissimo saggio sui comics americani e sull’odio scatenato nei loro confronti mezzo secolo fa (ne parleremo appena possibile, intanto Luca Raffaelli, che l’ha letto in anteprima per scriverne su la Repubblica, assicura che si tratti di un’opera imperdibile), di Pellitteri si torna a parlare in occasione della traduzione in inglese, per la lettura nei paesi anglofoni e la distribuzione internazionale, di un suo monumentale saggio. Quello che in Italia era intitolato Il Drago e la Saetta, un‘analisi sociologica in 600 pagine circa di come l’immaginario pop giapponese (dai disegni animati ai fumetti, dai robot ai cyborg, dalla tecnologia alla moda) sia giunto in vari paesi occidentali, Italia in primis, in fasi storiche (dagli anni Settanta a oggi) e con strategie particolari (identificate nelle figure della macchina, dell’infante e della mutazione).

Garterbelt-hentai-art

Sotto, la copertina della versione italiana, adottata in vari corsi universitari e ancora disponibile presso la casa editrice Tunué, benemerita come sempre.

Copertina_pellitteri
Il saggio presenta un affresco teorico di grande ampiezza argomentativa e si configura come l’opera di assoluto riferimento per gli studi del settore. Sarà sicuramente interessante per chi conosce gli anime, da chi lo fa per lavoro ai grandi appassionati, cresciuti con i manga e i cartoon nipponici. Il testo aiuta inoltre a conoscere un punto di vista insolito per l’interpretazione di quella parte di mondo che esporta innovazione e creatività.

Il titolo inglese sarà The Dragon and the Dazzle: Models, Strategies and Identities of Japanese Imagination – A European Perspective. Il saggio ha meritoriamente ricevuto dalla Japan Foundation la sovvenzione per la traduzione in inglese e per la distribuzione internazionale.

Alcune caratteristiche:
Preface by Kiyomitsu Yui
With an essay by Jean-Marie Bouissou

750 pages (non so se mi esplico!!!); 120 b/w pictures;
With Bibliography and Endnotes;
Paperback, 17 x 23 cm;
Laminated full-colour cover

28 € | 39 USD | 25 UK £ | ¥ 3,490 Trono di ceramica

AG cover Marco Pellitteri (Palermo 1974), attento saggista e editor non solo su fumetti e arti annesse, si può definire un sociologo dei media.
Suoi contributi si trovano in riviste nazionali (fra cui Storia e problemi contemporaneii Liber, Il Pepeverde, LG Argomenti, Valore Scuola, Childhood and Society) e straniere (The Japanese Journal of Animation Studies, International Journal of Comic Art, Mechademia), in libri collettanei e atti di convegni in Italia e all’estero.

Pellitteri ha lavorato con l’università di Trento, il CERI di Parigi, l’Istituto IARD, l’AESVI. È autore dei libri Sense of Comics(1998), Mazinga Nostalgia (1999), Conoscere l’animazione (2004) e curatore del volume Anatomia di Pokémon (2002).

Per l’editore Tunué dirige da tempo le collane di saggistica «Lapilli» e «Le virgole».

Sigletta-teaser su “Pillole Jpop” di Marco Pellitteri su Radioanimati