Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

SILVER VINCE IL “PREMIO GIORGIO CAVALLO” 2008

Lupo_carter

Per il decimo anno consecutivo, viene riproposto il Premio Giorgio Cavallo per la satira e l’umorismo, realizzato dal Comu-
ne di Moncalieri
, per ricordare il grandissimo vignet-
tista moncalierese scomparso nel 1994.

Questo premio, che nelle intenzioni degli organizzatori è un Oscar alla carriera, dopo il successo delle scorse edizioni, con l’assegnazione tributata a Giuliano Rossetti, Alfredo Chiappori, Alberto Fremura, Sergio Staino, Enzo Lunari, Francesco Tullio Altan, Franco Bruna, Lido Contemori e Massimo Bucchi, propone quest’anno la personale di Silver con tavole del suo personaggio più popolare Lupo Alberto, accompagnate da vignette e strip di satira politica realizzate negli anni Ottanta, attualissime ancora oggi, dal titolo:

Lupo Alberto & le vignette.

Nella foto, il cui gentil scattatore ringraziamo in coro, il premiato Silver disegna Lupo Alberto nei panni di Nick Carter.
Tutte le immagini del Lupo e compari di questo post sono © Silver/MCK
.

Lupoalbertodeandrde9

Oggi, venerdì 12 settembre alle ore 18, presso la Famija Moncalereisa di via Alfieri 40, avverrà la consegna del premio e sarà inaugurata la mostra con oltre 120 opere dell’artista premiato.

La mostra, a cura di Dino Aloi e Claudio Mellana, rimarrà aperta fino al 10 ottobre con orario: da lunedì a venerdì dalle 16.00 alle 20.00

L’ingresso è gratuito, così come il catalogo edito da Il Pennino.

BIOGRAFIA DI SILVER

Guido Silvestri, in arte Silver, è il fumettista italiano padre del noto Lupo Alberto, nato dalla sua matita nel 1974 e che ancora oggi è personaggio attualissimo.

Nato a Modena il 29 dicembre 1952, il giovanissimo Guido Silvestri, come molti ragazzini della sua età legge i fumetti che arrivano dalla Gran Bretagna (come Andy Capp, di Reg Smythe, per citare un esempio).

Le caratteristiche dei fumetti dell’epoca vengono accomunate dal loro particolare umorismo, che oltre a far sorridere i più giovani sono capaci di attrarre il pubblico più adulto invitandolo, tra le righe, alla riflessione.

Guido Silvestri non frequenta scuole di fumetto: la sua passione viene coltivata con il passar del tempo.
Nel 1969 Silver si iscrive all’Istituto di Arte di Modena e nel 1970 comincia a collaborare nei ritagli di tempo con Franco Bonvicini, in arte Bonvi.

Le prime storie che disegna per Bonvi sono quelle di Capitan Posapiano. Poco dopo, nello studio arriva a dar man forte anche Claudio Onesti (Clod), il quale prende in consegna il Capitano per far passare Silver ad un personaggio più importante: Cattivik.

Intanto Bonvi porta avanti Sturmtruppen e Nick Carter (con Guido De Maria).

Cavallo1

E’ il 1973 e Guido Silvestri lascia scuola e famiglia e si trasferisce in casa Bonvicini. Inizialmente i fumetti dello studio di Bonvi appaiono su Tiramolla delle edizioni Alpe, poi cominciano a venir pubblicati sul Corriere dei Ragazzi ed Eureka, per poi approdare sul piccolo schermo, in quella fortunata e mitica trasmissione che era Supergulp, i fumetti in TV.

Quando Cattivik inizia ad essere pubblicato sul Corriere dei Ragazzi, Silver ne cura sia i disegni che i testi. Ereditato da Bonvi, Silver rende Cattivik graficamente più accattivante (gioco di parole, eh, eh!). Il Cattivik di Silver è diverso nella forma (non assomiglia più a un peperone, ma si assottiglia assumendo prima la silouette di una melanzana, poi quella di una pera) e le sue storie raggiungono un notevole livello grafico e narrativo, supportate da divertenti sceneggiature.

Nel frattempo Silvestri viene contattato dalla casa editrice Dardo per realizzare una nuova rivista di grande formato: Undercomics, curata da Bonvi e Alfredo Castelli.

A Silvestri viene proposto di curare una striscia completamente sua: mancavano solo venti giorni alla scadenza, e Silvestri tira fuori dal cassetto un suo vecchio progetto di una striscia intorno alla vita di una fattoria, abbozzata qualche anno prima.

Nei progetti di Silver la striscia doveva intitolarsi La fattoria dei McKenzie, e il lupo chiamato Alberto avrebbe dovuto essere solo un personaggio di contorno, comparendo di rado, mescolato insieme a tutti gli altri animali dai nomi comuni (Marta, Enrico, Cesira, Alcide…).

Attualmente, Silver collabora con Sorrisi & Canzoni TV e Corriere Salute, mentre continua con successo l’edizione di Lupo Alberto.

Lupoalbertorta


PREMIO GIORGIO CAVALLO 2008
SETTORE NON PROFESSIONISTI

SEZIONE 8/14 ANNI
1° premio assoluto (buono di Euro 250,00 da spendere in libreria) a Iulia Paduraru e Adelina Andor (Scuola media Raoul Follereau) per l’ottima battuta, originale e di stretta attualità.

2° premio (abbonamento ad una rivista di settore) a Marco Cantone (Scuola media Nino Costa) per la battuta arguta.

Sulla base del punteggio sono inoltre state segnalate le opere di:
Alice Pianta (Scuola media Nino Costa)
Tommaso Lombardo e Dama Nicolò (Raoul Follereau)

SEZIONE 15 ANNI/ILLIMITATO

1° premio assoluto (week-end in una città d’arte italiana) a
Ignazio Piscitelli, per l’ottima esecuzione e l’attualità del contesto

2° premio (buono di Euro 150,00 da spendere in libreria) a
Giuseppe Bertola, per il senso ironico e divertente dell’opera

Sulla base del punteggio sono inoltre state segnalate le opere di
Carmelo Cisano, Eleonora Caldirola

Il premio speciale per l’associazione o la scuola che ha partecipato con il maggior numero di opere, consistente in un laboratorio sul disegno con un professionista del settore, viene assegnato alla Scuola Media Nino Costa.

Per ulteriori informazioni: Ufficio Cultura, Irene Franco – tel. 011.6401318

Le immaginini sono ancora di Silver, eccetto quella di taglio religioso, con Gesù e Paolo VI, realizzata nel 1977. Per averla fatta, Giorgio Cavallo non fu indagata per vilipendio nei confronti del Papa come adesso accade a Sabina Guzzanti.