Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

PAUL KARASIK CON UN EISNER AWARD IN MANO!

Eisner_awrads

Ebbene, sono proprio felice che il mio amico e collega Paul Karasik (a destra nella foto), anche compagno di esplorazioni fumettistiche in fiere e anfratti più o meno oscuri in Italia e all’estero (ma profittevolmente presente anche a Reggio Emilia e a Rapallo) abbia vinto un Eisner Award (quello che ha in mano) alla San Diego Comic-Con appena conclusasi, come autore dell’opera nella categoria Best Archival Collection.

Il libro in questione è I Shall Destroy All the Civilized Planets, che contiene una sua scoperta interessante a proposito della vita e delle opere di un cartoonist americano oscuro e a suo modo antiprofessionale, l’incredibile Fletcher Hanks.

Di questo fumettista si sapeva ben poco fino a un paio di anni fa.

Fletcher_h_stardust

Quando era ancora in Italia, Paul mi parlò con entusiasmo delle ricerche in corso sulla vita e le opere di questo strampalato autore tramite Internet. E mi disse del contatto con il figlio, omonimo del padre e celebre capitano di aviazione (che parlava malissimo del padre, descrivendolo come abusive father and spouse). Qui una breve biografia con svariate immagini e foto su Fletcher Hanks Jr., che Paul ha fatto in tempo a contattare per svelare il mistero e riportare alla luce i fumetti del padre, perché è scomparso proprio quest’anno (era nato nel 1917 a Oxford nel Maryland, vicino a Baltimora).

Tra l’altro, Fletcher figlio, detto “Christy”, una decina di anni fa aveva anche scritto e stampato in proprio un libro riguardante la sua carriera di aviatore con il titolo The Saga of CNAC #53 (1998), del quale riproduco sotto la bella copertina pittorica.
Nella pagina apposita leggo:

About_art_2

Copies of this excellent documentary are still available.
Fletcher Hanks (fletcher@atlanticbb.net)
P.O. Box 560
Oxford, Maryland 21654
(410)226-5494

Non so se questa offerta è ancora valida e se qualcuno risponderà alle mail e alle telefonate di richiesta, adesso che Fletcher è di nuovo in volo.

Torniamo in tema, però. Fletcher Hanks (senior) era uno sciagurato alcolista che non si preoccupò di lasciare ben presto la famiglia al suo destino, introno al 1930. Negli anni seguenti si guadagnava da vivere facendo dei dipinti murali nelle case dei ricchi, mentre disegnava anche, occasionalmente, questi strani fumetti fantastici o di science fiction che vagamente richiamano l’ingenuità un po’ perversa e geniale dei lavori coevi di Basil Wolverton.

Poi, un giorno, verso il 1970, in una notte d’inverno, Fletcher Hanks (senior) fu trovato morto in un parco a New York City, assiderato.
Strana e perigliosa, ma anche dissoluta e spiazzante, nonché tormentata è a volte la vita del fumettista, oh yeah!

Hanks_copertina

Del libro di Paul, l’aviatore Fletcher “Christy” ha scritto:
There has been an unusual book published, by the name of “Fletcher Hanks”. It has no prose as it is a comic book about my father’s comics in the 1930s. He is considered the father of the weird and fantastic comic books. He preceded Superman and other imaginative cartoons.

Nancy_summer_camppg

Starting on page 107, it tells about my relationship with my father who injured me, while in a drunken state, when I was three that left me autistic. I was not accepted at school until I was nine. This is the first time the story of my miserable childhood has been told as it would have affected my career. I think my career is now over at 90 years so I agreed to tell it to Paul Karasik, the cartoonist and author. I thank him for dedicating the book to me.

Paul, che ha in cantiere anche un libro didattico su Ernie Bushmiller e Nancy (la nostra Zoe di Arturo e Zoe, dell’Intrepido e del Monello), ha annunciato alla Con che un secondo volume sull’autore assiderato è in preparazione, e che con il primo appena premiato costituirà The Complete Fletcher Hanks.
Il titolo del volume 2, previsto per il 2009 sempre per i tipi della Fantagraphics, sarà You Shall Die By Your Own Evil Creation.

Titoli apocalittici, pressoché biblici.

A questa pagina un profilo del figlio di Fletcher Hanks, che parla anche del suo tristo padre.

A quest’altra pagina, invece, che riguarda il London Times, Paul parla del suo Maestro Will Eisner, grandissimo cartoonist ma anche efficiente organizzatore del business fumettistico.

Sopra, una copertina americana di un albo speciale Giant della coppia Arturo e Zoe, pubblicato dalla Western Printing con la collaborazione della Dell Comics.

Sotto, una rara introduzione alla serie televisiva che, sotto l'”ombrello” di Archie, presentava un ampio numero di personaggi del King Features Syndycate, trasportati dalle vignette in televisione. Fra questi ci sono anche Nancy e Sluggo.

Si tratta di un estratto da logoro vhs, comunque, giusto a titolo informativo…
Tra gli altri compaiono Moon Mullins, la strega Brumilda, gli “emarginati” Alf & Sandy di Howard Post, tutto il gruppo di Dick Tracy