Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

PAUL CAMPANI, GIOELE E… SORPRESA!

Si tratta ancora di notazioni sparse che servono come archivio per le “chiacchiere” seminariali sui Maestri dell’Universo.

.
Cominciamo con “I Testoni e Cuticagna” (sequenza censurata nelle riedizioni per l’home video di Musica maestro), doppiato dal Quartetto CETRA.
Ambientato su due colline verdeggianti del vecchio West, racconta le liti tra due famiglie che si sparano a vicenda da una casa all’altra e stanno attenti ad ogni “invasione di campo” da parte della famiglia rivale. Le due famiglie si sterminano a vicenda, sopravvivono alla reciproca strage solo Carolina Testoni e Beppe Cuticagna. Con massimo risentimento dei parenti, che li osservano dalle nuvole, i due giovani si innamorano e si sposano, costruendo una casa nella vallata circondata dalle due colline. La vita matrimoniale però porterà i due a continuare la lunga tradizione familiare di scontri violentissimi, non più combattuti con fucili, ma con ferri da stiro e vasellami vari.

.

Proseguiamo con un’altra pietra miliare di Milton Caniff, autore della categoria spirituale di Noel Sickles, come sappiamo, sempre indicato da Hugo Pratt come il capostipite di quella linea grafica adottata in Italia da lui, da Paul Campani, dal Dino Battaglia dell’immediato dopoguerra, da Mario Faustinelli e così via.

Cose note.

In realtà ho citato Sickles ad arte, solo perché in possesso di un suo schizzo-dedica per una fan, la piccola Virginia Hilsheimer (della quale ignoro tutto) e intendevo mostrarvelo, dopo alcune strisce a matita della serie caniffiana e alcune sue donnine che si avvalgono della sua meravigliosa inchiostrazione.

Picture 15

Ragazze caniffiane

Eccolo qua sotto. Ma prima, la briciola di professionalità rimasta in fondo al paniere impone di citare quantomeno il titolo del libro: Male Call, raccolta di strisce singole, autoconclusive. Nate come tali, perché…

Each strip stands alone — as Caniff writes in his introduction, “A continuity wouldn’t work with guys moving around all the time” — and is a single gag, generally based on 1) the sex appeal of Miss Lace, and 2) some piece of generally Army-culture minutia. (Sometimes just one or the other, but usually both.) It’s still funny, a lot of the time, even now, but the jokes are receding into the background as the references become harder to follow. Eventually — maybe in twenty or fifty years — Male Call would have to be published with annotations to explain the jokes.

Sickles35

Come si nota, il disegno di Sickles sopravvissuto è remoto assai, luglio 1935. Proprio il mese del quale sto in questo momento traducendo alcune pagine per Gli Anni d’Oro di Topolino, collana (a mio avviso) quasi miracolosa per tutta una serie di circostanze che eviterò di esporre adesso, e che dalla prossima settimana, trentunesimo volume, imbocca una strada di imperdibilità ancora più clamorosa.

Torna di scena Ub Iwerks, sotto in foto con Walt Disney, alla fine degli anni Venti, e con lui le sue strisce integrali di Mickey Mouse del 1930 che negli States, sinora, insieme a quelle di Win Smith sono state ampiamente censurate, tagliate, strapazzate.

Walt e Ub Iwerks

Di Male Call: The Complete War Time Strip 1942-1946, acquistabile tramite Amazon qui (usata ve n’è ora una copia anche a soli 9 dollari, ma non so se quando leggerete sarà già stata presa, temo di sì), parla nel suo blog nomato The Antick Musings of G.B.H. Hornswoggler, Gent. il compassato Andrew Wheeler.

K6

Questo è Walt, caricaturato dal regista Jack Kinney. Rarità e curiosità per collezionisti (come questa) non mancheranno nei prossimi volumi, in particolare nelle appendici (e nello straordinario trentottesimo tomo, quasi tutto di testo e immagini, con i soli fumetti di Gottfredson non con Mickey Mouse da lui mai realizzati).

001_big-2

Queste figure allegate a chewing-gum e tanti altri cimeli attendono solo di essere mostrati, inseriti in questo blog o su carta.
Averci il tempo di lavorare a tutto ciò!!! Ma ci si prova, con l’aiuto di qualche amico/collega.

Male-Call

MissLace due

In queste ultime vignette, ecco Al Capp, curiosamente autocaricaturatosi proprio in compagnia di Caniff, il quale interviene in queste vignette disegnando il giovanotto biondo in uniforme che presenta al creatore di Li’l Abner. E’ il colonnello Phil Cochran, già disegnato da Caniff e proposto a Capp per partecipare a una sua serie a fumetti, adesso che è disoccupato.

Cose curiose, belliche, delle quali si possono solo scrivere briciole, non discorsi completi e compiuti, in un blog fatto in fretta e furia come questo, sempre trafelatamente, con la lingua di fuori come quella di Papy Papero che si essica sventolando in corsa.

Entra Caniff da Capp

Parlano

Capp e Caniff

Il riferimento a Hugo Pratt è scontato (e anche piuttosto vecchiotto).
Questi e altri personaggi sono stati fonte d’ispirazione grafica per il papà di Corto Maltese: le loro somatiche, il modo di impaginare gli elementi compositivi delle vignette, la pennellata ricca e necessariamente sintetica (ma efficace).

Lo rivelano anche le immagini sotto che, con un doppio CLIC sopra, si possono esaminare al meglio.

Chi volesse conoscere i personaggi della serie Terry and the Pirates, sotto trova un compendio della folla che ne ha popolato le vignette, con tanto di legenda.
A seguire, un’insolita illustrazione con i characters di Steve Canyon.

Folla Terry

Corniff gente

Horizons

Feeta

Lady

Donne Milton Caniff

Chi vuol vedere il grande Caniff al lavoro può farlo con questa stroboscopico-calidoscopica ripresa in diretta (un po’ noiosa per chi non conosce bene l’Inglese e non è interessato direttamente ad approfondire la personalità del Maestro) dove si vede il grande fumettista che disegna in diretta Dragon Lady per il suo fan Charlie Roberts. Nel frattempo conversa del più e del meno con Shel Dorf, che va pesantemente ringraziato (vedi
http://www.ShelDorfTribute.com), anche se si ha un po’ l’impressione che abbia abbandonato la telecamera da una parte e questa abbia proseguito a girare senza controllo. Meglio così, intendiamoci…

I video sono stati girati l’11 maggio 1983.

CANIFFCHECK0001

PARALIPOMENI
Non solo Pratt, a quanto pare (e d’altronde lo sappiamo bene) aveva preso molto dal tratto di Caniff.
Ecco un’illustrazione, speditaci da Romano Felmang, in perfetto stile caniffiano, risalente agli anni Cinquanta.

Da Felmang

.

.