Nova100
09 Dicembre 2013

UN BURATTINO DI NOME PINOCCHIO, A FIRENZE!

MAC SUPPORTS WINDOWS

Tumblr_mxb6moAwXU1rsta72o1_500

Grazie a chi ha scattato questa foto, rinvenuta in rete, il © è suo.

Dentro il MAC si possono anche far girare dei DVD. Ed ecco l’aggancio.

4318

Veniamo al nostro amico burattino e a un appuntamento che lo riguarda!

Ma non era una marionetta?

Cerrrrrrrto, ché, stòmo a guardà ‘r sottile?

Guardiamo piuttosco cosa ci sarò alla Libreria IBSVia de’ Cerretani 16/RFirenze

QUANDO???

Ma Mercoledì 11 dicembre 2013 alle ore 18.00, che Diamine!!!

Vi sarò la presentazione della edizione in DVD del film
Un burattino di nome Pinocchio di Giuliano Cenci (1972)
Edizioni Rai-Eri

4247676

Il tutto alla presenza del’autore, Giuliano Cenci; con Massimo Becattini (regista del documentario incluso nel DVD); Alberto Becattini e svariati altri addetti ai lavori molto noti ai visitatori di questo blog!

A sorpresa!

Pinocchio-giuliano-cenci

Esportato in più di 20 paesi nel mondo, per realizzare questo film Cenci impiegò oltre sette anni di lavoro e una selezionata équipe di oltre 50 artisti e tecnici.

Fra questi cìè anche il nostro long time friend Italo Marazzi, da almeno un paio di decenni insegnante di animazione presso la Scuola Internazionale di Comics, a Firenze.

Tornando alla pellicola: dapprima venne presentata in anteprima da Corrado Mantoni (sopra in uno sketch del 1965 con Ernesco Calindri e Sandra Mondaini), alla presenza di numerosi facoltosi imprenditori, i quali supportarono il finanziamento del kolossal animato su Pinocchio fino a quando, una volta ultimato, il film trovò l’interessamento del produttore Goffredo Lombardo, direttore della Titanus, per il lancio mondiale del lungometraggio.

Al Pinocchio di Cenci, ispirato ai modelli classici di Attilio Mussino, presero parte attori quali Renato Rascel, autore con Vito Tommaso della colonna sonora edita dall’RCA (sopra il brano, da You Tube, con alcune immagini anche inappropriate), nonché vi parteciparono anche gli eredi Collodi, i nipoti Mario e Antonio Lorenzini in qualità di consulenti, che reputarono la versione animata di Cenci l’unica ad aver rispecchiato perfettamente lo spirito collodiano.

Il film, realizzato tra il 1966 ed il 1971, alla sua uscita nelle sale cinematografiche di gran parte del mondo, fu considerato dal pubblico e dalla critica uno dei migliori cartoons in “full animation” mai prodotti in Europa.

Fu realizzato interamente a Firenze, ad un costo pari al valore attuale di diversi milioni di euro. Ancora oggi rappresenta una delle più importanti conquiste del cinema d’animazione italiano, destinato non solo ai ragazzi, ma anche a tutti coloro che apprezzano la delicata poesia del disegno animato.

Dai negativi originali, recentemente ritrovati, è stato possibile ottenere, attraverso un completo restauro delle immagini e del sonoro curato dalla Cineteca Nazionale, una nuova copia digitale del film che restituisce appieno la straordinaria qualità tecnica originale del lavoro.

Finalmente oggi, dopo 40 anni dalla sua uscita, il “Pinocchio” di Giuliano Cenci esce in DVD nella versione restaurata, insieme al trailer originale del 1972, al documentario di Massimo Becattini Firenze a cartoni animati – Nascita e avventure del “Pinocchio di Giuliano Cenci e alla autobiografia di Giuliano Cenci.

Sotto, qualche parte del film, non restaurata, ovviamente…

Rascel è anche il narratore, la voce fuori campo.

La parte settima!
Con Alidoro.