Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

AIUTIAMO GLI ITALIANI A CASA LORO!

27540908_1275745512527717_6628283191315345941_n

La buona scuola: i licei si fanno pubblicità per accaparrare nuovi iscritti, puntando sul razzismo dei genitori.

Italiani a Tenerife

Intanto, a Tenerife, dove si è tenuta una manifestazione contro gli italiani (che rubano, truffano, evitano di rispettare i contratti… portano alta la bandiera della feccia, insomma) compaiono scritte sui muri come questa.
A qualcuno ricordano qualcosa?

Riporto un pezzetto delle riflessioni di Giorgio Cremaschi su MicroMega, a proposito del fatto che nessuno o quasi usa la parola fascismo per rubricare fatti e atteggiamenti (di politici, pseudo-opinionisti, o semplici cittadini ignoranti al telefono di un tal Cruciani e di svariati altri conduttori che danno spazio e credito alle sparate di poveri nevrotici frustrati, resi cronici da pratiche prolungate di sfoghi sui social).

DVHVMRyWsAE2PCP

Cremaschi:

Salvini e Casapound affermano che in Italia non c’è nessun rischio fascista e che chi usa questa parola lo fa solo per ragioni strumentali. Non è una novità, dal 1945 i fascisti si sono sempre mascherati in vario modo, spesso reagendo sdegnosamente a chi ricordava loro chi realmente fossero. Negli anni 70 mettevano le bombe e mai le rivendicavano.

Ci pensava lo stato a coprirli e ad indirizzare altrove l’opinione pubblica. L’uccisione nella questura di Milano dell’anarchico Pinelli, assieme a Valpreda accusato innocente della bomba fascista di Piazza Fontana, aprì la via ad una lunga trama di stragi, insabbiamenti e depistaggi di stato.

ww2-david-low-cartoons-hitler-props-mussolini

Il potere in Italia ha sempre fatto leva sui fascisti, li ha fatti crescere e usati quando voleva diventare più autoritario, li ha colpiti quando voleva mostrarsi più democratico. I mass media che indirizzano l’opinione pubblica verso i migranti, quando viene sfasciato lo stato sociale e dilagano disoccupazione e povertà, rinverdiscono quella caccia alle streghe che anche altre volte hanno scatenato.

Non a caso oggi è stata creata la categoria dell’insicurezza “percepita”, quando tutti i dati statistici mostrano come delitti tremendi come quello di Macerata non possono portare ad alcuna generalizzazione, anzi negano che la popolazione italiana sia oggetto di un’aggressione criminale generalizzata da parte dei migranti.

benito_mussolini_as_a_pelican_by_shenziholic

Non ci sono italiani che non trovano lavoro perché glielo hanno rubato i migranti, mentre tanti sono in mezzo ad una strada perché le multinazionali chiudono e migrano indisturbate a saccheggiare altrove. La popolazione residente sta calando, perché sono più gli italiani che emigrano perché non trovano un lavoro decente, rispetto a coloro che vengono qui e che diventano schiavi sfruttati, da italiani naturalmente. Si dovrebbero combattere la disoccupazione, il degrado e lo sfruttamento del lavoro.

Ma i razzisti parlano di sostituzione etnica addossando agli schiavi la colpa della schiavitù. Nulla di tutto ciò che è diventato senso comune è vero, ma è percepito così. Percepito come? Attraverso i mass media.

Benito Scemolini

Affinché ogni giorno sia un “giorno della memoria”, per ricordare il nostro disgraziato passato di italiani, riflettiamo su un tentativo fascista di golpe che non andò a segno, naturalmente, perché il Capitale non ha interesse a instaurare in Italia un regime fascista.

Certo i gruppuscoli fascisti non prenderanno mai il potere. Quando ci provarono nel 1970 con Junio Valerio Borghese, i loro protettori della Nato li convinsero a fermarsi e ad uscire dai ministeri dove erano entrati. I fascisti oggi non devono prendere il potere, ma aiutare il potere a fascistizzarsi.

Cosa che sta facendo benissimo, basti pensare alle leggi di polizia di Minniti. Il potere, italiano e UE, per continuare con le politiche liberiste di devastazione sociale, deve imporre un sistema sempre più autoritario ed intollerante. Se gli sfrattati si organizzano, lottano, magari contrastano la polizia che li vuole sbattere fuori di casa, allora questa è inaccettabile violenza degli antagonisti e dei centri sociali. Invece se un fascista spara nel mucchio ai neri, questo è disagio sociale. Se i poveri si ribellano vengono repressi, perché per il palazzo i poveri devono solo odiarsi tra loro. D’altra parte come farebbe il 10%, che diviene sempre più ricco impoverendo il restante 90, come farebbe a comandare e a distogliere da sé l’indignazione popolare, se non volgendola verso i migranti oggi, domani verso chissà chi.

A questo servono i fascisti.

535821613