Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

IL COMPANATICO E I GAROFANI AL CA.CO. FEST

Il motto di oggi

Bene, quindi, si volta pagina e si arma la prora, in questo mare di lacrime di coccodrillo (Zenone, nello specifico, del grandissimo Frank, che saluto se ci legge), verso nuove avventure!

6a00d8341c684553ef0147e06d649e970b-pi

Ci sono varie manifestazioni interessanti in questi giorni, nella nostra fantastica Italia piena di magagne.

Una di quelle che il sottoscritto raccomanda caldamente a tutti ce la segnata il reporter solerte Sebastiano, il quale ancora una volta ci informa che ritorna il fumetto underground a Bari…
Dopo averci raccontato (a voce, anni fa) della sua esperienza personale in una delle prime edizioni di questo Ca.co.Fest, festival di animazione, fumetto, illustrazione, editoria indipendente, che si svolge colà da ben 6 anni, adesso ci segnala (ieri, per la verità) alcuni elementi del ricco programma.
Purtroppo bisogna sbrigarsi, restano solo oggi e domani!

In sostanza, dicono gli organizzatori:

Dal 22 al 25 aprile 2017 coloriamo Bari con mostre, proiezioni, workshop, incontri, feste dedicati al mondo dell’illustrazione, del disegno, del fumetto, dei muri coloratissimi e disegnati e dell’editoria indipendente.

Riprendiamo il format della scorsa edizione, il tutto inizierà con prefestival che invaderà tutta la città di Bari: diventiamo a tutti gli effetti una mostra itinerante pronta a colorare la più grande città dell’Est italiano: il festival partirà con una serie di anteprime nei locali più attivi del capoluogo Pugliese in modo da rendere la festa ancora più lunga e coinvolgere sempre più persone in un grande abbraccio fumettoso.

8feb2bacecfd9015267dfa0816de4c

draw-matelotte

Locali, Birrerie, Librerie si riempiranno di fumetti, parole e disegni facendo da apripista al più classico festival che vedrà poi la due giorni all’interno dell’Ex Caserma Liberata, ormai luogo di adozione del festival.

Troverete i banchetti degli editori indipendenti e degli illustratori: stampe, fumetti, libri, quadri saranno lì a testimoniare il fermento italiano e europeo e mondiale. Poi come sempre ci saranno le sonorizzazioni di corti d’animazione, i concerti e le proiezioni fino a tarda notte per i più piccoli e i più grandi.

Siamo molto contenti delle scorse edizioni del CacoFest che vediamo ormai crescere e diventare sempre più un festival di tutti, un appuntamento importante e riconosciuto dai baresi, un punto d’incontro tra le tante realtà che amano l’illustrazione, il fumetto e che vive il proprio amore in modo gioioso. D’altra parte vogliamo aggiungere sempre più Bari in una rete di festival che sia riconosciuta dagli artisti come un luogo importante per incontrare gli appassionati e confrontarsi con un nuovo pubblico proprio per questo rinnoviamo la collaborazione con il Ra.ta.tà festival di Macerata con cui condivideremo una mostra e molti artisti e con il neonato UE’ a Napoli che prolungano la connessione su tutto lo scheletro italiano

Questo il sito di riferimento del festival: http://cacofest.blogspot.it/

Qui tutte le info sugli artisti http://cacofest.blogspot.it/p/i-fumettisti.html

La sensazione è che questa notevole manifestazione sia quasi clandestina. Così poco scandalosamente pubblicizzata nel settore (e fuori) che anche chi sarebbe ansioso di andarci prima di tutto non ne sa nulla, men che meno ne conosce i contenuti, a meno che non faccia parte di un giro ristretto.

Un vero peccato, la manifestazione si presenta interessantissima, a cominciare dal poster, realizzato da CAROLIN SURY, che molte manifestazioni fumettistiche sarebbero orgogliose di avere, al posto di tante ciofeghe che si vedono in giro. L’autrice è così definita: illustratrice, pittrice, fumettista, ideatrice della locandina del Ca.Co.Fest. Sury è co-fondatrice de la Dernier Cri, il gruppo di illustratori e pazzi per il disegno che da Marsiglia ha conquistato il mondo!

04de3c523e1800cde8058b7399e2da

129bf5f0beb89ad13ef2d08ee6f2e8

257a7ecce23e28f39e444e8a49d7e6

Gli artisti in menu sono provenienti da tutto il mondo:
Caroline Sury, Boris Pramatarov, Elías Taño, OFICINA ARARA, UOCHI TOkI, Blatta Production, Antoine Caramalli, Diego Miedo, Sam Rictus, AweR, Simona Galizia, Claudio Losghi, Elsa Tranchesi, Massimiliano di Lauro, Jacopo Starace, Laura Nomisake, Jazz Manciola, Dottor Pira, Pablo Cammello,Boblu, Luca De Santis Uolve, Signor Tost, Tiziana Salvati, Paolo Copi Farahel, Jime Ghirlandi, Christian Damato, Martoz, Jorge Parras, Hippo Style.

2f8f595ecb1476d2b729d0b9825586

Per ragioni affettive, il mio preferito su tutti resta il DOTTOR PIRA, che condivide con il sottoscritto la passione per i fumetti strambi e lunatici realizzati in Italia nei decenni, da autori che non si ponevano nemmeno il problema di essere politicamente corretti o meno, e che scrivevano e disegnavano secondo il loro talento, incuranti dei lettori destinatari.
In sostanza, quegli autori e quei fumetti ai quali si deve la nostra corretta (e invidiabile) formazione culturale.

Il Dottor Pira è un fumettista e scenografo italiano. Realizza fumetti dalla metà degli anni Novanta. Ha creato I Fumetti della Gleba, una serie a fumetti pubblicata su su internet e fanzine, che secondo l’Internazionale “sono forse il più bislacco, inattendibile, trasversale e diffusissimo testo di formazione degli anni duemila”, e ha realizzato numerose serie anche per la Repubblica XL, Vice, Smemoranda e linus. Ha recentemente pubblicato la trilogia fantasy Gatto Mondadory (i primi due volumi usciti per gRRRžetic, e il terzo prodotto da Grrrz Comic Art Books, Corpoc e gli stessi Fumetti della Gleba) e “Rap Violent in the Ghetto Street” (uscito per The Milan Review).
Come autore televisivo ha scritto più di 30 puntate per il programma Lorem Ipsum andate in onda su Deejay TV e due puntate di Top 5 andate in onda su Rai_5 Ha realizzato storyboard per il cinema e la pubblicità. Nel 2008, ha disegnato lo storyboard per Io sono l’Amore” di Luca_Guadagnino, con Tilda_Swinton.
Ha curato come direttore artistico e animatore le scenografie video per il “Pop-Hoolista Tour” di Fedez nel 2015 e il tour “Piccoli Energumeni” di Elio e le Storie Tese nel 2016. Attualmente insegna Animazione presso lo IED di Roma
.

(fonte Wikipedia)

Non è scritto su Wikipedia, ma è un’informazione determinante: il Dottor Pira apprezza molto l’opera del suo concittadino (o quasi) Giancarlo Tonna. Sotto, esempi della sua arte sublime.

PINOTTO Tonna

Tonna-Camillo lupo tranquillo