Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

SABATO PROSSIMO: LA MOSTRA DEL MARC’AURELIO!!!

Enzo Carretti

Avete letto bene, si tratta di una mostra eccezionale, per chi ama le vignette, la satira, il disegno e (perché no?) anche i fumetti.
Di un disegnatore di fumetti, Enzo Carretti, attivo a suo tempo presso la casa editrice dei Fratelli Spada, sotto il coordinamento di Massimo Liorni, è l’immagine di apertura.

Un medium del quale purtroppo parliamo molto spesso con toni affranti, e dovremmo farlo anche oggi, data la notizia della scomparsa di Jack Davis, al quale dedicheremo il prossimo post.

Cinzia Bibolotti e Franco Calotti l’hanno messa insieme grazie a un fondo di questi materiali depositato peresso il Museo della Satira di Forte dei Marmi, storica sede del Premio Satira Politica.

Pipolo

Non si tratta di vignette a caso legate all’intera storia del giornale, bensì ciò che resta dell’ultima fase di vita della testata e che è sopravvissuto nel Fondo “Giulio Brunner”, donato dai signori Anna Del Lungo, Gianmarino Brunner e Francesco Brunner, un corpus composto da centoottantasei disegni satirici originali a firma di vari autori, collaboratori del prestigioso giornale umoristico “Marc’Aurelio” (1931-1958), quali Attalo, Vighi, Castellano, Pipolo (sua la vignetta sopra), De Seta, Coco, Danilo, Congiu, ilplurimenzionato (da Cartoonist Globale) Walter Faccini e così via.

Riunione di redazione

Giulio Brunner fu il caporedattore del “Marc’Aurelio” negli anni ‘50, quando la rivista venne pubblicata dallo spericolato editore fiorentino Corrado Tedeschi. A lui i disegnatori avevanp ceduto non solo il diritto di riproduzione, ma anche la proprietà dei loro disegni, che ora la famiglia ha deciso di donare al Museo della Satira di Forte dei Marmi.
Il catalogo che li riproduce, e che si avvale di succulentissimi saggi, è una delizia per chi ama la Nona Arte e quelle numerabiili attiguamente ad essa.

Nidha

Di Ninni D’Havet (che si firmava pelopiù Nidha, o Nid’ha) sono i titoletti sopra. Di questo disegnatore misterioso, che non ha lavorato molto a lungo, e che alternava le vignette alle brevi storie a fumetti (senza capo né coda) ni parlò a suo tempo Frank (Francesco Privitera), per averlo conosciuto nella redazione di Gabriele Gioggi, per la quale ha lavorato, per un breve periodo, anche Ermanno Biamonte, creatore di Miciolino con Padigì (Paolo di Girolamo), animatore con Lionello Fantasia di vari cortometraggi didattici e scientifici prodotti tra il ’55 e il ’60 dalla Incom, società nota soprattutto per La settimana Incom, notiziario semiserio distribuito nelle sale cinematografiche.

Anche Biamonte è presente nel catalogo della mostra sul Fondo Brunner.

Soraya

Mariano Congiu

Vinicio Berti

INVITO

Walter Faccini