Successivo » « Precedente

ANCHE FRANCO ORIGONE CON GALILEO E COPERNICO

30 giugno 2013

La notizia è tristissima.

Condoglianze alla famiglia, al fratello Agostino, metà della storica coppia.

La copertina della rivista che pubblicava la mia terza storia a fumetti, nel secolo scorso, era di tutti e due. Una vignettona disegnata con stile pittorico, un po' collage.

Solo qualche mese dopo la capii, quando la responsabile della Pubblica Istruzione alla quale portai il materiale per il Corso di Fumetto storse il naso davanti alla mia proposta di parlare di "umorismo per tutti", affermando: "Ma scusi, la luna non ha capezzoli!"

Grazie a Ferruccio Giromini (un carto saluto).

Ferruccio scrive:

Da oggi bisognerà scrivere, purtroppo, così: Franco Origone (Genova 1950-2014).

Un altro caro amico, la metà alta e smilza del binomio Origone Bros, non c'è più.
Se n'è andato dopo una lunga malattia affrontata, ancora una volta, con incredibile umorismo.

Era una bella persona, buona e malgrado tutto inguaribilmente allegra. Gli sono stato amico, gli volevo bene.

Lavorando instancabile col fratello Agostino, mi (ci) ha fatto ridere per una vita: fin dai primi anni 70, con i fumetti di Petrus e John Killer, poi con le irresistibili strip di Nilus e poi ancora con migliaia di vignette, sempre beneducatamente umoristiche e satiriche.

Ha continuato a disegnare fino all'ultimo, dal letto d'ospedale, adottando per le sue ultime vignette il lettering digitale, perché la sua grafia era diventata ormai un po' tremula.
Vorrei ricordarlo a chi lo ha conosciuto e apprezzato proprio con alcuni dei suoi ultimi disegni, scelti dal blog che ha saputo tenere "vivo" quasi fino all'ultimo, come dimostrano le date di realizzazione.

Mi sembra di vederlo, di là, sorridente e divertito.

Commenti

Il Signor Franco era mio vicino di via parallela. Spesso ci si incrociava e talvolta si scambiavano due chiacchiere alla genovese... Un giorno mi rivelò che suo era il lettering dei primi albi di Tintin della Gandus di Genova.
Lo disse con quel suo mezzo sorriso, un misto tra modestia, riservatezza e timidezza.
Un signore elegante.
Ciao Franco.

Grazie per averci regalato le belle strisce di Nilus, che ho letto su Cattivik e nei volumi cartoni di Glénat Italia: "Il grande Nilus". Un anagramma di Linus.

è stato bello lavorare con lui anche negli ultimi mesi sempre entusiasta per nuovi progetti. Salutami il nostro Marcelo ora che anche tu sei tra le stelle.

Un saluto anche a Rosana, anima della Quipos, l'agenzia di Mordillo, di Quino, di Altan... di tanti grandi. Marcelo è Marcelo Ravoni, indimenticabile.
Dei fratelli Origone si è sempre parlato troppo poco, forse perché un po' tanto legati alla Liguria negli ultimi anni. Il loro umorismo era e sarà semopre di primissima qualità-

un altro grande che ci lascia.


forse negli articoli di questi "saluti" va inserito tra i -tag- RIP...

:-(

Se c'era qualcuno in Italia in grado di sfornare strisce umoristiche come quelle dei quotidiani statunitensi, quelli erano i fratelli Origone.
Condoglianze alla famiglia.

Cosa hanno realizzato i fratelli Origone dopo che il quotidiano genovese "Il Secolo XIX" ha interrotto la pubblicazione della striscia di Nilus?

O forse lo pubblicava "Il Giorno"?

Non ricordo bene.

Comunque ricordo bene che ne avevo ritagliata una da un quotidiano per regalarla a un'amica.


Nilus: "Sto scrivendo un libro erotico"

Ragazza: "Dovrai lavorare molto di fantasia"

...
che battuta a doppio taglio!

1-fantasia perché insinua che non ha esperienza.

2-fantasia...
cosa indispensabile per mantenere "vivo" l'appetito sessuale
e per pensare a posizioni "nuove"
ma che non interessano alle... ragazze
: non sperare che te le faccio provare.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.