Successivo » « Precedente

Convergenze evolutive - 1: QUADRATINO vs. SQUAREHEAD, di Pier Luigi Gaspa

Apertura Rubino

Con questo post si apriva nel 2009 una nuova rubrica, pensata e condotta da Pier Luigi Gaspa, che Nòva ringrazia.

In questo strambo inizio di 2014 può avere senso riproporla, mentre nuovi post su uscite future, recensioni, news e quant'altro compaiono sulla piattaforma Post Card Cult (o Postcardcult, tuttattaccato, a piacere).

La prima delle sue Convergenze evolutive era nel 2009 particolarmente d'attualità, riferendosi al libro allora in uscita dedicato ad Antonio Rubino (per i tipi dell'etichetta bolognese Black Velvet) del quale abbiamo parlato qui, e che ha in Quadratino il suo personaggio più importante e forse più famoso.
In questo ciclo di interventi ne scopriremo delle belle.

Per la cronaca, il post è arricchito con immagini fresche del gennaio corrente e vivo.

E dato il riscontro inaspettatamente positivo è stato riprodotto e implementato qua di seguito, con tutti i commenti scritti nella giornata di oggi (4 gennaio 2014), ai quali si può replicare senza correre il rischio di vederseli scomparire nel buconero dell'aoristo, o quantomeno dell'imperfetto.

Del passato, insomma, più o meno remoto.

Buona lettura!.

Quadratino-0


Titolojpg

In biologia, si definisce convergenza evolutiva il fenomeno per il quale, sotto la spinta dell’ambiente in cui vivono e della selezione naturale, forme di vita diverse tra loro assumono caratteristiche assai simili.

Per comprendere il concetto, crediamo sia sufficiente l’esempio degli squali (pesci cartilaginei) e dei delfini, (che invece sono mammiferi). Pur essendo parecchio lontani dal punto di vista classificativo, rivelano una forma idrodinamica parecchio simile, frutto di un adattamento che trae origine in un lontanissimo tempo che fu.Ora, però, bando alle lezioni di biologia e passiamo ai fumetti.

Quadratino

Fenomeni simili si sono riscontrati spesso anche nel nostro medium preferito. A volte, occorre dire, in maniera tutt’altro che casuale. Per dirla in breve, e senza tanti giri di parole, in alcuni casi le citazioni si sprecano e qualche volta arrivano ai limiti del plagio.

Succede.

Ma succede anche che in luoghi diversi, culture fumettistiche diverse, epoche diverse si ritrovino elementi decisamente comuni. Anche in maniera divertente.
Prendiamo per esempio Quadratino.

Rotondo

Quadratino è il nome di un buffo ragazzo dalla testa improbabilmente e perfettamente quadrata, che vive avventure minimalistiche che si risolvono nell’arco di una pagina. Loro caratteristica peculiare è che, sempre e comunque, accade qualcosa che gli modifica – letteralmente! – i connotati.

A riquadrare il volto del pargolo pensano allora la mamma Geometria – che con compasso e squadra rimette a posto le cose – oppure nonna Matematica o zia Algebra. Il tutto raccontato in brevi rime baciate, secondo il marchio di fabbrica del Corriere dei Piccoli, storico settimanale a fumetti che a partire dal 1910 (e precisamente sul numero 32 del 7 agosto) ne pubblica le storie.Rubino foto

A scriverle e disegnarle nel suo caratteristico, delizioso stile liberty, è un grande maestro del fumetto italiano, Antonio Rubino (1880-1964, foto a destra), papà di numerosi altri personaggi dell’epoca: ricordiamo Pierino, il bambino che non riesce a sbarazzarsi del suo orrido pupazzetto, Pino e Pina, Viperetta, per citarne che alcuni.

Suo, infine è anche il logo della testata (sotto, con una tavola del Formichino di Roberto Sgrilli, NdR), inconfondibile marchio di fabbrica che resisterà per decenni, contribuendo a caratterizzare il settimanale per ragazzi del Corriere della Sera.

Cdp_formichino-1937

E torniamo al nostro testa quadra.

Anzi, a Squarehead.
No, non è la traduzione inglese del nostro svagato personaggio, come si potrebbe pensare di primo acchito.

CosmotheMerryMartian1of6Page11squarehead

Si tratta invece di un altro character, di marca ovviamente anglofona e di fortuna assai meno rilevante.
Se ne conosce una estemporanea apparizione in edicola con alcune tavole - anch’esse autoconclusive, che coincidenza! - apparse in appendice a Cosmo the Merry Martian. Quest’ultimo, è un meteorico (visto l’argomento della storia l’aggettivo calza direi a pennello!) comic book per giovanissimi lettori apparso fra il 1958 e il 1959.

CosmotheMerryMartian1of601_thumb

Nato per l’etichetta Archie Comics, racconta l’arrivo sulla Terra di un buffo marziano, con le disavventure che ne conseguono. Ne vengono pubblicati sei numeri, e non suscita rimpianti, ma se non altro ha il merito di averci fornito lo spunto per questo primo confronto.

Squarehead vive naturalmente su Marte; a differenza di Quadratino, inoltre, la sua testa è decisamente tridimensionale e non viene mai alterata nel corso delle storie. Più che altro, come si può notare dalle tavole che accompagnano queste note, il nostro tende a modificare il mondo a propria immagine e somiglianza. Riuscendoci benissimo e suscitando un pizzico d’invidia in chi scrive.

Il personaggio infine dovrebbe essere accreditabile a Bob White, autore della scuderia Archie (scomparso nel 2004), al quale si deve anche la paternità del ‘marziano allegro’ che dà il nome alla testata.

Niente a che vedere con il personaggio di Antonio Rubino, dunque.
Più che altro si tratta di una curiosa, comune ispirazione.

Di tutt’altro tenore sarà invece la successiva ‘convergenza’, che vedrà coinvolto, suo malgrado, uno dei maestri assoluti del fumetto, Will Eisner.
Alla prossima!

Pier Luigi Gaspa

CosmotheMerryMartian2of6Page21squarehead

CosmotheMerryMartian6of6Page10squarehead

Squarehead

Food squarehead

CosmotheMerryMartian5of6Page11squarehead

Antonio Rubino
Commenti 1o
Commenti due
Commenti 3

Commenti

Non credo che sia mai uscito un solo libro che parladi Raoul Buzzelli, nemmeno quelli che riguardano il fratello. Eppure, il suo Peter paper credo che se lo ricordino tutti.

Si, ma perché questa storia de " Il tempio del sole", seguito de "Le sette sfere di cristallo", rappresentò per Hergé il ritorno alla luce del sole.
Hergé temeva fortemente che questo nuovo settimanale ,"Tintin", non potesse reggere alla concorrenza, che in Belgio era assai agguerrita.
POi ho letto che manifestò più volte all'amico ed editore Leblanc, il timore che l'opinione pubblica sarebe stata sfavorevole.
Allora probabilmente esagerò pensando di poter portare avanti un paginone settimanale su tre strisce.
La storia poi contemporaneamente veniva anche impostata su pagina in verticale, calibrata sulle 62 pagine canoniche degli altri albi a colori.
Quindi i tagli avvenivano all'origine, ma era lavoro in più da fare.
Quando Hergé rilasciò le famose interviste a Numa Sadaul ( Entretiens avec Hergé), parlò a ruota libera di queste cose, a voce, tuttto registrato da Sadaul.
Ma poi ,pentitosi, censurò le bozze più volte e ci vollero un paio di anni per arrivare al dunque.
Sadaul lo dichiara esplicitamente nella premessa al suo "Entretiens...".
Una situazione mentale a dir poco dominata da grandi incertezze.
Infatti Hergé mollò con la storia del "Tempio del sole" , che passò alle due strisce e si interruppe parecchie volte.
Leggendo l'edizione in versione verticale non si avverte tutto questo, ma poi chi riesce ad avere il materiale originale capisce che qualcosa di strano doveva essere accaduto.
Mah???

che stà succedendo?
i commenti si sono spostati nell'articolo!

Continuo qui, chiedo venia agli ammiratori di Rubino.

Sebastiano, nel 1992 su "Il Fumetto" Anaf, Manfredo Gittardi scrisse un esaurientissimo dossier su Hergé in quattro puntate dove le notizie che io veicolo ora furono ben esposte.
Credo sia stato uno dei primi in Italia ad affrontare seriamente questo autore, anche se su "Exploit comics" del fiorentino GAF c'era stato a metà anni'80 un numero monografico a più mani (comprese quelle di Boschi) sul Nostro.
Dato che io ero da anni in contatto con Gittardi-fra l'altro il primo estensore di una cronologia su Jacovitti", anche se incompleta- ebbi modo di scambiare con lui parecchie opinioni.
Il bello fu che Gittardi, dopo avermi telefonato piuttosto rabbuiato a causa di un giudizio da me espresso su Hergé del periodo 1940/44 ( l'avevo definito "simpatizzante dell'invasore tedesco"), scrisse un articoletto sul numero di Dicembre di "Informavitt"1992, tirandomi le orecchie.
Ora, per un motivo opposto, me le tira Sauro!!!

Mi sa tanto che il commento su Tintin era destinato al post sul nazismo di Hergé e non a commentare Quadratino.

Sebastiano, è tutto spiegato in una aggiunta al testo dell'articolo. Non ci si deve stupire più di niente.

Okay, per me va bene che la conversazione continui qui.
Se qualcuno conosce qualcosa di più sul fratello di Buzzelli e la posta, mi fa piacere. Tempo fa avevo letto che aveva partecipato a Vera Vita, ma quell'articolo sembra scomparso nel nulla cosmico.

Jacovitti e Rubino sarebbero pubblicati dalla Coconino o dalla Black Velvet, forse anche da Canicola. Penso che solo in Francia e magari in America Latina ci sarebbe un editore di nicchia che darebbe loro udienza.
Gli stereotipi per il cosiddetto "mass market" dominano l'editoria fumettistica italiana.

Il problema che i fumetti vengono fatti da chi non ama i fumetti: quelli comici si rifanno tutti ai cartoni animati di Disney e quelli realistici sono tutti fotografici perché sceneggiatori e supervisori amano più i film dei fumetti.

Ho già detto che Rubino da ragazzino ricalcava il mangaka Hokusai?

In un libro recente, del quale non ricordo il titolo, viene messa a confronto una rana di Hokusai con una del giovane Rubino: sono identiche.

L’influsso dei manga parte da lontano, almeno dai preraffaelliti.

Ho già detto che Rubino da ragazzino ricalcava il mangaka Hokusai?

In un libro recente, del quale non ricordo il titolo, viene messa a confronto una rana di Hokusai con una del giovane Rubino: sono identiche.

L’influsso dei manga parte da lontano, almeno dai preraffaelliti.

E poi la permalosità italiana è patologica.

Sempre in quel libro che non trovo, c’è un carteggio dal quale si apprende che il Corriere dei Piccoli non voleva più Rubino perché era andato a lavorare per la concorrenza.

Rubino si giustificava dicendo che aveva assunto la direzione di Balilla spinto dal suo impegno politico (per il Partito fascista).

Naturalmente la redazione non gli perdonava soprattutto di essere andato a Topolino.

Una redazione del CdP che, oltre a qualche grande artista d’anteguerra, ormai pubblicava solo autori mediocri.

Fare una storia del fumetto italiano attraverso la permalosità (si veda anche Gentilini di Topolino con giganti come Bioletto, Rota e Bottaro) sarebbe un’idea da approfondire.

Sono stato tirato nella discussione da una osservazione intrigante.

Jacovitti e Rubino sarebbero pubblicati dalla Coconino o dalla Black Velvet, forse anche da Canicola. Penso che solo in Francia e magari in America Latina ci sarebbe un editore di nicchia che darebbe loro udienza.
Gli stereotipi per il cosiddetto "mass market" dominano l'editoria fumettistica italiana.

Sauro, Luciano Secchi sarebbe un evangelista nella storia del fumetto italiano attraverso la permalosità.

@ M Poltonieri

per le notizie che cerchi ti conviene cercare nei siti spagnoli:
anni fa quando cercai qualcosa su Peter Paper colo lì c'era qualcosa

Sebastiano: per la storia di Hergè "Le temple du soleil" ho corretto i miei calcoli: vedi intervento sul post dedicato al Nostro.
Casomai ti venisse in mente di acquistare l'albo orizzontale edito da Casterman nella collana "Bibliotheque de Moulinsart.

si, ho letto poco fa la correzione dall'altra parte...

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.