Nova100
04 Dicembre 2013

GLI ALBI DELLA FANTASIA, di Sergio Lama

Sergio Lama prosegue il suo lavoro di ricerca approfondita su temi e autori del Fumetto e dell’Illustrazione italiana.
Ecco cosa ci regala oggi, fra le varie immagini di Guido Zamperoni
.

Bambù x Luca

Ecco albo di Zamp datato 2 ottobre 1941.

Si tratta di un albo “anomalo” in quanto inserito nella Serie “Cucciolo” degli «Albi di Scimmiottino». Occorre far luce su quelle edizioni: il 4 settembre 1941, quasi un anno dopo, le Edizioni Alpe, subentrate alle Edizioni Ausonia, ripresero a stampare «Gli Albi di Scimmiottino» che avevano come protagonista il personaggio creato da Enver Bongrani, proseguendo la vecchia numerazione (il 76) con un albo dal titolo Cucciolo e la scure miracolosa.

Alcune novità balzano subito agli occhi: il formato, diverso dal precedente, è ora assai simile agli «Albi d’Oro» di Mondadori; la scomparsa di Scimmiottino, sostituito da un nuovo curioso personaggio, Cucciolo; la divisione della collana in due serie che si alternano: “Avventure” e “Cucciolo”.

Anzi_cucciolo

Il nuovo protagonista è dunque Cucciolo, che affiancato dal compare Beppe, esce nei cinque albi della serie a lui dedicata. I due, creati dalla matita di Rino Anzi su testi di Antonio Carozzi, pseudonimo di Federico Pedrocchi, erano due cani, uno piccolo e furbo, l’altro alto e tonto, che ammiccano graficamente alla coppia disneiana Topolino e Pippo.

Cucciolo e Beppe

Nell’altra serie parallela “Avventure” vengono pubblicati quattro albi: tre propongono altrettanti episodi di Due ragazzi in gamba, storie che figurano scritte da Cesare Solini e disegnate da N. Lami, ma in realtà si tratta del riadattamento delle ben note avventure belliche di Cino e Franco (Tim Tyler’s Luck), ribattezzati Gianni e Piero; il quarto, scritto da Antonio Carozzi e disegnato da Guido Zamperoni, è dedicato alle imprese di Bambù, un operaio delle officine ciclistiche “Elios”che incredibilmente si dimostrerà un imbattibile atleta nelle gare di ciclismo su pista.

Col numero 84 del 13 dicembre 1941, la collana cessa inspiegabilmente le pubblicazioni.

Non però il personaggio principale, Cucciolo, che riprende le sue avventure in una serie autonoma, a lui dedicata, identica come grafica e formato ai precedenti albi, che viene inserita nella già esistente collana «Gli Albi della Fantasia», sempre delle Edizioni Alpe, il cui primo numero appare nelle edicole il 15 gennaio 1942.

Pochi numeri dopo, sull’albo n. 4 del 15 febbraio 1942, Cucciolo e Beppe, grazie alla trasformazione grafica compiuta dallo stesso Anzi, assumeranno sembianze umane, iniziando una lunga e onorata carriera.

Il Tamburino

Aladino-1

Zoe kit

Il resto del post è occupato da altre immagini di Zamperoni, a parte un kit sensazionale di Zoe, troppo curioso per privarne la vista alle iridi dei pazienti tolleranti e spossati visitors.

O'Scugnizzo