Successivo » « Precedente

VALENTINA IN CERCA DELLA SATIRA DI DE SETA

Enrico De Seta

Mesi fa ci ha scritto nel blog, in coda a un altro post, Leonardo, nipote di Enrico De Seta, un grande disegnatore e illustratore sul quel ci siamo sempre riproposti di scrivere qualcosa di più.

Poche ore fa, invece, si è fatta viva Valentina, che studia la grafica e (a quanto capisco) la satira di questo grande illustratore indimenticato.

Andiamo per ordime, mentre mostriamo, non certo in esclusiva, ma per la prima volta embeddato in questo blog, l'intero programma nel quale De Seta compare e parla. Forse è la sua unica partecipazione sul piccolo schermo.

Scrive Leonardo: Che bello leggere dei commenti cosi belli sul mio caro nonno che, come avete detto voi, non ha avuto il riconoscimento che forse si meritava, ma che lui assolutamente non cercava.
Sono a disposizione per ulteriori vostre curiosità
.

Attendiamo qualche tuo scritto in merito, caro Leonardo. Per il momento ricordiiamo qui tuo nonno con un link a un lungo video-programma sulla satira in Italia nel decennio Settanta, segnalatoci da dall'internauta Loris Cantarelli, mai troppo ringraziabile.

Valentina si rivolge direttamente a Leonardo chiedendogli:

Un saluto a tutti voi,
Sono un po' in ritardo sui tempi, ma in questi mesi sto ricercando informazioni su Enrico de Seta. Come affermato, purtroppo il materiale a disposizione non è molto perciò mi domandavo se qualcuno potesse darmi qualche dritta... Oppure mi rivolgo a lei, Leonardo nel caso potesse aiutarmi per me sarebbe davvero un onore!

Il titolo del programma nel quale compare anche De Seta è Italia in 4D. Anni 70 - Potenti Risate: nuova satira e vecchia censura.
Parla anche dell'introduzione della televisione a colori, cosa che con la satira c'entra poco o niente.

PP De Seta

De Seta compare con tanti altri disegnatori (e attori) di fumetti e vigmnette, da Giorgio Forattini al suo best, sino al gruppone del Male.

C'è anche Oreste del Buono (i cui saggi fumettistici sono adesso in ristampa per i tipi della Comma 22 di Daniele Brolli), filmato nel 1976 nella redazione di Linus. Al suo fianco c'è un giovane Emanuele Pirella.

ORESTE DEL BUONO

Patetica la chiacchierata del gracchiante Maurizio Costanzo con un ragazzino, interessante e degno di essere visto circa tutto il resto.

B000380

Commentano il post precedente su De Seta, così si esprime Fortunato Latella:

In parte perché se ne parla nel recente saggio Eccetto Topolino (per il suo ruolo di direttore artistico di Argentovivo! e un suo tentativo in controtendenza di proporsi alla KFS), in parte per la recentissima scomparsa del documentarista Vittorio De Seta (in passato, dovevo sempre sforzarmi per non confonderne i nomi) è un autore a cui pensavo proprio in questi giorni.

Ho sempre sperato di poter leggere qualche corposo saggio su di lui, ma sembra non ci sia nulla di più che piccolissime e sommarie biografie.

Eppure dovrebbe interessare sia agli appassionati di Fumetto, che di Illustrazione che di Cinema...

Q000136

Così prosegue IllustrAutori:

A me risulta che sia nato a Catania il 17 febbraio 1908 e morto a Roma il 28 novembre 2008, con questo mini-CV raccolto qua e là:

Dalla città siciliana, dove il padre si trovava per motivi professionali, la famiglia si trasferisce nella capitale. A 15 anni pubblica il suo primo disegno sul Serenissimo, testata umoristica ispirata alla tedesca Simplicissimus.

Collabora con diverse testate (una quarantina in tutta la carriera), tra le quali l’antifascista "Sancio Pancia", "Gente nostra", "Il tifone". Nel 1930 è al "Travaso". Nel 1937 inventa e dirige il giornale a fumetti "Argentovivo!" e dal 1938 collabora con il "Marc’Aurelio", dove crea il leggendario Mago Bacù.

Collabora con il "Guerin Meschino".

Per "Il Balilla" dà vita a Re Giorgetto d’Inghilterra e Ciurcillone, che dovrebbero essere di propaganda anti-Alleati ma che ottengono l’effetto contrario (al punto che la loro pubblicazione viene interrotta).
Nel 1944 collabora con il settimanale satirico "Pettirosso", supplemento dell’"Avanti!", e nel 1947 crea l’effimero "Belzebù!" con Vittorio Metz.

Sono particolarmente conosciuti e apprezzati i suoi cartelloni cinematografici, a cui si dedica nel dopoguerra.

Nel luglio 2008 troviamo questa sua delizia a Bari, a questo link: http://www.lucaturi.it/2008/07/ritovato_per_ca.shtmlManifesto

XP845733

XP845736

Vignetta-de-seta

De Seta - Littoriali dello Sport - Boxe - 1935

De Seta - Littoriali dello Sport - Ippica - 1935

Balilla

3.deseta_cartolina

Foto94bis

Commenti

Il video non si vede bene, mi mostra tutto nero.
E' solo una caduta di potenza del mio server o c'è qualche altro problema?

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Anch'io sto vedendo nero, ma oggi non funziona niente, o meglio è tutto lentissimo. Non mi stupisco. Ogni tanto leggo insulti all'indirizzo di chi gestisce la rete. Vogliate unire anche i miei.

Finalmente si parla di Enrico De Seta, grandisimo autore e di rara signorilità. Io lo contattai qualche anno fa, e fu gentilissimo e disponibile (non certo perché fossi stato presentato dal comune Amico Luigi De Simoni). Si rammaricava per non essere più in possesso della collezion e di Argentovivo, prestata ad un editore amatoriale (che avrebbe dovuto ristampare qualcosa, ma non ne fece niente) e mai restituita.

Io il video l'ho visto benissimo.

Caro Antonio, inutile dire che sono stato molto felice di vederti, alla presentazione del "Giornalino" e delle altre testate, in particolare "Super G".
E' stato rapido, come sempre in queste occasioni, e mi ha colpito che da vero appassionato (che non si smentisce) hai ritenuto opportuno scegliere questo evento, sui tanti che in contemporanea si svolgevano nella città, anche "pestandosi i piedi fra loro".
Nel 2014 "Il Giornalino" compirà i suoi primi 90 anni: un record assoluto nell'editoria a fumetti (e non soltanto tale, va sempre precisato) italiana e non.
L'evento va degnamente celebrato e più una sede fumettistica si adopererà a farlo. Anche se l'editoria cartacea non è più quella di un tempo, e nemmeno quella di appena un paio di decenni fa, è il caso di far festa e ripercorrere le tappe principali della vita di questa e di altre gloriose testate del "giornalinismo cattolico" italiano.


Naturalmente... resteremo in contatto. E per quesll'evento staremo insieme. E speriamo anche insieme ai tanti appassionati di ogni età, compreso che ancora non ha scoperto "Super G", per dire, perché per il momento solo un ristretto gruppo di giornalisti ne ha avuto copia.

Ahà, Pietro! Va bene che il video non l'hai visto, ma non mi sembrava il caso di scriverlo OTTO volte!

Marcello, Pietro è innocente. è la rete che è pazza!!

Caro Luca,
ti ringrazio vivamente per aver dedicato il tuo tempo per questo post utile come gli altri.
Il mio lavoro (di tesi) si concentrerà sopratutto sul manifesto cinematografico del dopoguerra, elaborando una biografia di questo grande autore e una analisi di alcuni suoi lavori. Sarebbe quindi fantastico essere contatta da Leonardo! Tengo le dita incrociate e ti, anzi vi, ringrazio nuovamente.

Valentina, sposto in avanti di un paio di giorni questo post, per tenerlo in evidenza e impedire il sovraffolla mento di questi giorni.
Quindi... Ricompare in tutto il suo splendore mercoledì!

Ciao a tutti, in attesa della presentazione ufficiale prevista per il 4 dicembre presso l’Auditorium di Sant’Apollonia, durante il 54° Festival dei Popoli (Firenze, 30 nov. – 7 dic.), vi inviamo qualche anticipazione sul Quaderno del Cinemareale, la prima rivista dedicata ai processi creativi del cinema documentario, ideata e curata da Documentaristi Anonimi – Associazione Documentaristi Toscani.
Potete trovare tutti gli aggiornamenti sul blog: ttp://quadernodelcinemareale.wordpress.com

Il Quaderno del Cinemareale è stato concepito per funzionare come un vero e proprio strumento di lavoro per registi, autori, operatori culturali, produttori, distributori e tecnici, scommettendo sul bisogno di rafforzare in Italia un network di professionisti del settore.

Il Quaderno del Cinemareale è la prima rivista con queste caratteristiche e per tale ragione è stato scelto di puntare sulla versione cartacea. Ad essa si affiancherà la versione online in una veste più “light” per poterne promuovere i contenuti verso un pubblico più vasto.

Il Quaderno del Cinemareale avrà un’uscita semestrale (marzo/ottobre)
Potete trovare tutti gli aggiornamenti sul blog: quadernodelcinemareale.wordpress.com

Ciao, Valentina, lo vedi adesso il post? Io lo vedo.

Buonasera, si ora lo vedo in realtà non avevo fatto in tempo a leggere che sarebbe stato temporaneamente spostato :) non posso fare a meno di ringraziarvi nuovamente!

Buonasera, si ora lo vedo in realtà non avevo fatto in tempo a leggere che sarebbe stato temporaneamente spostato :) non posso fare a meno di ringraziarvi nuovamente!

MicroMega ricorda il centenario della nascita di Albert Camus con un eBook dal titolo "Albert Camus filosofo dell'avvenire" che contiene l'intervista della figlia Catherine Camus ("Mio padre, solitarie, solidaire") e il saggio di Paolo Flores d'Arcais su "Albert Camus filosofo del finito".
L'eBook (compatibile con tutti i device: Computer, E-Reader, iPhone/iPad, Smartphone e Tablet Android, Kindle, Kobo) sarà in vendita al prezzo di 2,99 euro a partire dall8 novembre.
Per celebrare il centenario, dalla mezzanotte del 6 novembre alla mezzanotte del 7 novembre, tutti i "navigatori" del sito micromega.net potranno scaricare l'eBook gratuitamente.

FINALMENTE!
Non riuscivo più ad entrare nel blog.

Nemmeno io riuscivo a entrare nel blog, uno dei SOLIti problemi del SOLE.
Ma io ti consiglio di fare trasloco prima possibile, cosa che avevi annunciato, ma non sei proprio un Signor Bonaventura eh?

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.