Successivo » « Precedente

ROBERT DE NIRO A SIENA (e molto altro, ovviamente)

Lusk-100

Accidentaccio cane, gl'impegni di quest'ultima decina di giorni mi hanno fatto bucare gli auguri per il centenario dell'animatore classico Don Lusk, che ha tagliato questo traguardo lunedì 28 ottobre!

Mi scuso, tra un secolo, prometto, sarò più puntuale.

Donlusk-Anni Trenta

Intanto, ecco la prima parte di una recente audio intervista con lui.

Tutti leggono Orfani

E così, anche la "duegiorni" del primo Convegno Bonelliano si è felicemete conclusa.

Si è parlato di fumetti, di West e di science fiction, di young adults e di juvenile old men, di musica e di muzak.

Come lo cataloghiamo questo brano dei The B-52, Private Idaho (1980)? Video widescreen

Qualche immagine di reportage senese o ad esso annessa.
Dopo la giornata texiana con Giovanni Ticci, dopo la proiezione commentata del film di Giancarlo Soldi, passaiamo all'indomani, dove con Pier Luigi Gaspa abbiamo sintetizzato un secolo di fumetto pubblicato in Italy.

Stuntkid-picame-7

Non abbiamo parlato di Illustrazione, né (tantomeno) di nuovi talenti, come il simpatico Stuntkid, del quale si può scoprire qualcosa di più semplicemente CLIKKANDO sul suo nome.

Stuntkid-picame-4

Non abbiamo nemmeno parlato del nuovo libro di Sergio Nazzaro, che per la prima volta si addentra nel campo del racconto illustrato per bambini, con l'aiuto di Giancarlo Caracuzzo.

Si parla di gabbiani in vena di tirare moccoli.

L'editore è il nostro amico Lavieri.

Gabbiano-1

Emiliano Mammucari (in piedi) e Matteo Cremona autografano alcune (rare) copie del numero zero di Orfani, la mattina del 6 novembre, alla fine dell'incontro qui annunciato, nella città di Duccio.

ORFANI autografi

Per spiegare cos'è il cinema, o alternativamente anche cos'è il fumetto, Emiliano ha mostrato alla platea degli astanti questo estratto da un film di Elia Kazan con uno strepitoso Robert De Niro dell'anno 1976.

Superato lo shock per il termine "nichelino" (che potrebbe alludere a una zona del Piemonte nei paraggi del capoluogo sabaudo), alla fine del "contributo" tutti hanno incominciato ad applaudire all'infirizzo di ectoplasmi youtubergenerated che non srannao mai consapevoli di aver scatenato tale ovazione.

Fiorino e Cremona

La strana coppia Fiorino-Cremona.

Autografi Orfani

Krazy Kat

Guarda, guarda.
Fra le pubblicazioni a fumetti che gli astanti consulteranno c'è anche il volume di Krazy Kat, bel cartonato in grande formato, che ha appena pubblicato la nuova etichetta Nova Express, a cura di Antonio Scuzzarella.

La copertina e la grafica sono di Cris Ware.

Tranquillo, Willi!
Tra poco lo recensiamo con tutti crismi.

Sono scatti del tutto random.
Per questo, grazie a Laura Pederzoli (colorista), a sinistra nella foto, con (verso destra) Alessandro Polito, Padre Stefano Gorla, il presente blogger e, accovacciato, Angelo Nencetti.

Il Giornalino

Emiliano-Matteo

Commenti

Luca caro. So che posso essere sgarbato visto che quello che sto per chiedere non c'entra nulla, ma è l'unico modo per contattarti...si hanno novità riguardo la prossima opera Disney del Corriere della Sera? I tempi sono maturi e io spero vivamente che tu stia lavorando a dei redazionali con i fiocchi! Quando c'è il tuo nome vuol dire che è un opera importante (vedi "La Grande Dinastia" e "Gli Anni d'oro di Topolino")
Grazie mille per l'attenzione.

Quanta bella roba in questo post!
Saluto gli autori di "Orfani". E' stato davvero un bell'incontro quello con un giornalino così moderno e ben colorato. Aspetto di leggere il n. 2 per capire meglio dove andrà a parare la trama. Complimenti anche a Robbe'.

Oltre al bel Krazy Kat sul tavolo vedo anche un "Super Geppo". Guardando meglio, ingrandendo la diapositiva si vede che dev'essere molto vecchio, ma essendo un appassionato non ho mai visto prima quella pubblicazione. Ricordo un "Gran Geppo" piubblicato tanti anni fa, ma era una raccolta dei numeri del mensile.
Di cosa si tratta?

Ciao, so che questo terma di «Matrix» v'interessa, è un segnale che QUALUNQUE cosa sia fatta sulle reti del Biscione muore in fasce, non è accettabile, come improponibile è il suo proprietario, che per decenni ha fatto finta di passare di lì per caso.


In quel programmaccio, nel dopo Mentana, sembra incombere una dannazione: il programma non funziona più, scrive Corriere.it. Nemmeno con la conduzione di Luca Telese, tutto dire, che aveva promesso «un linguaggio moderno, avvincente, lontano dalle telepredicazioni».


Anche quando aveva presentato l'avventura mefitica del quotidiano Pubblico Telese aveva promesso nuovi linguaggi e nuove forme di giornalismo. Invano.

Mavva', visto com'è finita?


Di recente, per rimediare ai bassi ascolti, sono stati allontanati Francesco Caldarola e Valeria Aloisio, i suoi storici autori di «In Onda».

Le dimissioni, però, le ha date solo il caporedattore Roberto Pavone (lavorava a «Matrix» già ai tempi di Mentana).

Schifezze solite. La verità è che NON bisogna lavorare per un Massimo Evasore Fiscale.

Perché non si vede niente in streaming? Perché viviamo in Paese tanto di merda dove Internet non funziona? La colpa so di chi è e gli auguro di morire. In fretta.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.