Successivo » « Precedente

PASTA BARILLA, FUMETTI ALIMENTARI E GAZZE PARLANTI (updated)

Emi_1_quadernino1

Errore, non abbiamo affatto individuato, come invece ritenevamo, l'arte grafica di Emi-Chan (illustrazione sopra), che parla di sé (che sia lei o no) a puntate in questa nuova pagina: Behind the Scenes.

La stessa Emi-chan ce lo scrive, in un commento in coda a l post.
Scorreteli un po' tutti, per rintracciarlo. E' dopo il trentesimo...

NT0403

Barillapasta01

Quella buona forchetta di Mark Evanier ha ficcato nel suo beneamato blog, News from Me, un po' di sue valutazioni sulla "vessata questione" delle affermazioni recenti di Guido Barilla, rimbalzate alla velocità della luce anche da quel lato dell'Oceano.

Mark non ha veramente idea se continuerà o meno ad acquistare la pasta Barilla, mentre a noi bloggers il problema non si pone affatto, in quanto (noi bloggersss) acquistiamo di proposito prodotti di griffe ignote, persistendo nel combattere la propria bloggeristica guerra personale contro le aziende che investono in pubblicità quote scandalosamente consistenti dei loro bilanci.

NT0404

Touchfoodbyjenwang

Per fare confusione di temi il più possibile, in questo post compare un'intera storia "alimentare" in Inglese, che potrebbe essere divertente leggere, se si ha la buona volontà di farlo.

Come si vede, ne sono protagonisti i due "cornacchiotti" Heckle e Jeckle, che in tanti anni di attivitò costante e frenetica non erano mai comparsi in modo diretto in questo blog.

Sono personaggi della famiglia di Paul Terry (del trend chiamato New Terrytoons), personaggi che in Italia comparvero, nella remota televisione in bianco e nero, tantissimi anni fa col nome storpiato di Chicco e Chicca (come se uno dei due fosse una femmina; ma gli sciocchi adattatori talvolta compivano questa transizione di genere: si vedano Lillo e Lilla in luogo dei due topolini di Hanna-Barbera originariamente battezzati Pixie e Dixie).

Lillo Lilla e Gregorio


Heckle and Jeckle in The Talking Magpies di dandu386

I cartoons della coppia di talking magpies comparivano a metà anni Sessanta (i966-67) in coda al "rotocalco televisivo" Giramondo, noioso come la fame.


Heckle & Jeckle - The Super Salesman di DwightFrye

Sopra, due cartoons in lingua originale di due diversi periodi della vita dei due neri truffatori e arrampicatori sociali.

NT0406


Heckle and Jeckle-Rival Romeos di klangley

Mentre leggiamo la storia dei due pennuti di Paul Terry, che nello specigfico fumettistico costituiscono il "canto del cigno" di John Stanley, ecco il ritorno di Guido Barilla sui propri passi in lingua, attraverso il messaggio diffuso in USA, vòlto ad arginare il boicottaggio contro la sua rinomata pasta.

Arlecchino e Pulcinella cibo

NT0407-1

NT0409

In estate sulla bella rivista didattica Andersen, creata da Gualtiero Schiaffino e adesso curata con grande talento da Barbara Schiaffino, avevo scritto di alimentazione e fumetti, ma l'articolo, che volevo riproprvi, si è perso nel magma dei vari computer del mio business composito.
Fatevene una ragione, non lo leggerete qui, carissimi.
Al massimo oggi, 15 ottobre, ne posto due scatti.

Arrosto

Andersen cibo

NT0410

Purga Barilla cibo

Commenti

Pensavo che questi due corvacci fossero appunto... corvi. Li ho visti citati nel film di vari registi "Ai Confini della realtà", che riprendeva la serie televisiva.

Ciao, scrivo adesso in questo post, anche se non c'entra.
Volevo chiedere che fine ha fatto Saur Pennacchioli, che da una decina di giorni manca dal blog.
Prima aveva imprerversato, mi aveva in parte anche aggredito, poi aveva chiesto scusa e così via.
Che è successo, si è poi scazzato con qualcuno o semplicemente ha altro da fare?
Comunque sia lo saluto. Buona domenica a tutti.
Divertente quel fumetto ma per i miei gusti i disegni soino troppo schematici.

A questa pagina un link con l'inaugurazione e annessi a Lucca: http://www.cosacestaseraintv.it/notizie.php?id=768521

Heckle e Jeckle, Pixie e Dixie
"coppia" di maschi che in italia diventano coppia "etero"

ma possibile che non accettano l'amicizia?
cosa spinge certa gente a voler a tutti i costi IMPORRE una socializazzione solo tra sessi diversi?
paura che la gente pensi che siano gay?

cos'è omofobia latente?

ho letto l'intervista a barilla...


barilla: "volevo semplicemente sottolineare la centralità del ruolo della donna all'interno della famiglia"

come se un uoma non possa o sappia prendersi cura dei "figli"!
ma se è proprio la donna che sfascia la famiglia!
a quando i matrimoni a termine?
con clausole stabilite dalle parti e non da uno stato "barilla"?
barilla vuole SOLO la donna nella coppia... ma se è proprio lei che fa diventare i suoi figli gay!
nel "matrimonio a termine" andrebbe stabilito che a una certa età, 8/9 anni, i figli siano dati da "educare" al genitore dello stesso sesso come fanno (o facevano) alcuni popoli che da "noi" sono considerati "primitivi"
che funzionano meglio di quelle "moderne"

"Barilla nelle sue pubblicità rappresenta la famiglia perché questa accoglie chiunque e da sempre si identifica con la nostra marca"

accoglie chiunque?
ma non i gay!
IPOCRITA, FALSO E BUGIARDO!

“Va bene, se a loro piace la nostra pasta e la nostra comunicazione la mangiano, altrimenti mangeranno un'altra pasta”

vale a dire:
ma andate a “vaffanculo”, non abbiamo bisogno di voi... dei vostri soldi!
spero che i gay smettano di comprarla:
10/15 anni fa smisi di comprarla quando trovai quella marca nella lista delle ditte che non rispettano l’ambiente e i lavoratori...
ma mia madre, del ’30, la voleva, vaglielo a spiegare; ora che lei non va più a fare la spesa se la sogna!

a porposito:
e la ferrero?
e i punti premio?
per poter avere i premi pretendono indirizzo -email, telefonino... e telefono FISSO!
ma vi rendete conto?
è proprio vero che viviamo in una “socità consumistica” altro che “società civile”
dicono che ora l’uomo non è più homo sapiens ma -homo tecnologico-
CAZZATE!
è -Homo Consumistico- !!!

uno deve per forza avere internet!
uno non solo deve avere il telefonino ma anche quello fisso!!!!!!
ma se ho il telefonino, con cui mi si può rintracciare meglio, perché devo avere anche il fisso?
per controllare il mio indirizzo?

A proposito di John Stanley, di seguito il link al blog ben tenuto da Frank Young, che ha anche scritto un paio di graphic novel e ha in tasca un Eisner Award per una di queste.
http://stanleystories.blogspot.it
Oltre ala buffa storia di sopra ce ne sono altre con Heckle and Jeckle.
http://stanleystories.blogspot.it/2013/09/stanleys-final-funny-animal-comics.html

Sebastiano: non mi sembra giusto dire che è colpa di qualcuno, per esempio la mamma, se uno diventa gay. Gay si nasce, non si diventa. Lo si scopre in là negli anni, come in là negli anni si scopre il sesso.
Comunque io non compro la Barilla, neanche negli USA.

Richiesta di aiuto agli esperti di fumetto!

Mio fratello sta organizzando un progetto con i suoi sudenti di latino che prevede la discussione di eroi (veri o fantastici) che fuggiti dalla loro terra di origine arrivano in un posto nuovo dove creano quacosa di importante.
La storia di questi deve essere stata rappresentata a fumetti. Pensava ad esempio a Enea (Papereneide), Superman e Goldrake.
Ne avete in mente altri?
Grazie comunque.

Andrea Cara:
"non mi sembra giusto dire che è colpa di qualcuno, per esempio la mamma, se uno diventa gay. Gay si nasce"

gay si nasce, è vero.
ma i geni li trasmette la madre
almeno così dicono.

comunque io mi riferivo al fatto che, specie una volta quando al maggior parte delle madri stava a casa, che avendo come "unico" esempio la madre onnipresente, mentre il padre era poco a casa per lavorare.

inoltre c'è gay e gay:
perchè alcuni sono affeminati?
perchè alcuni pensano che dato che gli piace l'uomo devono per forza essere donne?

in questo caso non nascono effeminati ma lo "imparano" :
conosco gay che frequentano le donne per imparare a muoversi come loro, per imparare a essere più "fenninili"
solo che loro CARICANO i gesti femminili diventandone delle caricature.

io invece penso che TUTTI siamo -bisessuali-
solo che alcuni fanno sesso solo con uno, l'altro o il proprio, mentre altri lo fanno con entrambi.

le ricerche scientifiche bisogna prenderle con le pinze, come quella su detta, ma altre sono abbastanza veritiere:
una di queste ha scoperto che nessuno di noi, cromosonicamente, è maschio o femmina al 100% ma lo siamo con una percentuale più o meno vicina al nostro.
forse che le donne non producono anche testoterone? quantità che addiritura varia per "colpa" del ciclo.

io prima di sentire di questa scoperta già l'avevo notato ma dicevo:
tutti noi siamo omo e etero in percentuale diversa.
e per omo intendo quella parte che gli altri, ERRONEAMENTE, chiamano "parte femminile"
BALLE non è una parte femminile ma omosessuale:
è la nostra parte omosessuale che ci fà SOCIALIZZARE, non quella femminile
mentre è la parte eterosessuale che in quanto "testonerica" fa, per sintetizzare, le guerre.

inoltre il mio riferimento "all'educazione" dopo i nove anni faceva riferimento anche alle coppie divorziate:
vi sembra giusto, normale, che i figli vengano affidati alla madre privandoli della figura paterna?!
a che serve la visitina?

in quei casi l'afficanento dovrebbero essere 6 mesi per uno l'anno
facendo in modo che le feste e i compleanni si possano festeggiare alternati.

Risposta a Seba per la domanda delle 5:59 (ma non dormite mai, ragazzi?).
Io credo di s^: il maschietto e la femminuccia è normale. Anche se si vede benissimo che nelle storie i due non scopano e non si baciano nemmeno.

Andrea Cara,
in riferimento alla tua richiesta forse sarebbe meglio rivedere le condizioni:
di "eroi" spostatisi dalla propria città o Paese ce ne un'infinità,
praticamente quasi nessuno è rimasto a "casa".
inoltre ci sono fumetti "one-shot" su tutti.
missionari,
papi
pittori
dei (tipo Thor),
compositori (Giuseppe Verdi)
guerrafondai (giuseppe Garibaldi)
la Compagnia della Forca
la lista è infinita

Venexiana:
"ma non dormite mai, ragazzi?"

dillo al mio gatto che quando decide che mi devo svegliare non c'è verso!
qui dopo le 4:30 non si dorme più
ha 5 mesi e mezzo ma è un terremoto.

Buona domenica, ciurmaglia!
Giuseppe Garibaldi sarebbe un guerrafondaio?
Ditelo a Marco Pugacioff e vedete come vi mangia vivi!

Non parlerei di Garibaldi, ma di persone di oggi, che magari hanno parlato ieri, a Roma.

Esempi di link:

Don Luigi Ciotti 12 ottobre 2013:
http://www.youtube.com/watch?v=sbgDhItTWDo
-
Stefano Rodotà 12 ottobre 2013:
http://www.youtube.com/watch?v=yGagCvlIQD8
-
don Luigi Ciotti parla con passione: "La Costituzione è stata tradita. Cosa ce ne facciamo di quegli F-35 se non ci sono i soldi per le persone e per i servizi? Una domanda me la pongo - ha aggiunto - ed è: ci sarà una priorità in questo paese quando non ci sono le risorse per le persone bisognose? E' una vergogna. Noi non siamo qui per sondare nuovi partiti ma per difendere la Costituzione. Siamo tutti chiamati a collaborare e non a contrapporti con gli altri movimenti che difendono i nostri valori".
.
Stefano Rodotà lancia un progetto: "Possiamo mettere insieme una coalizione dei vincenti che abbia al centro la Costituzione. Non ero convinto che avremmo riempito la piazza in questo modo, ci hanno accusato di essere un partitino, abbiamo avuto qualche imbarazzante diserzione. Alcuni non sono venuti qui abbandonando la battaglia comune di anni per calcoli molto modesti. Non si perde l'identità qui, la si rafforza".
E ancora, rivolgendosi al premier Enrico Letta: "La Costituzione è stata sequestrata e sono state distorte le regole fondative. Io vorrei che il presidente del Consiglio usasse una parola di verità, le sue parole sono tra la denigrazione e il terrorismo ideologico".
Sulla riduzione del numero dei parlamentari e la modifica del bipolarismo perfetto, il giurista ha aggiunto che "c'è ampio consenso sociale. Si sarebbe potuto avviare un processo di revisione limitata della Carta".
Invece, ha sottolineato, si sta tentando "in assenza di consenso, una scorciatoia pericolosa. Stare attorno alla Costituzione oggi vuol dire evitare un rischio per la democrazia".
.
Vi saluto, boys!

Credevo voleste parlare dei cinghiali di Obelix, che si mangia in un sol boccon.
Non so se avete visto, in merito http://www.afnews.info/wordpress/2013/10/12/uderzo-e-i-suoi-figli-grane-legali/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+Afnews-info+%28afnews-info%29


Albert Uderzo assiste al passaggio di mano fra lui e i suoi “eredi artistici”, nella creazione di nuove storie di Asterix, ma non ha mai requie con la sua figlia naturale… La vertenza legale sembra non trovare conclusione, tanto che gli agenti della Finanza hanno dovuto andare a “intervistarlo” per sincerarsi che non fosse oggetto di “circonvenzione d’incapace”.


Uderzo non è “incapace di intendere e di volere”, anzi, sta benone, dicono gli agenti. E l’avvocato della figlia e del di lei marito rosica.
D’altronde il suo “figlio artistico”, Asterix, continua a muovere capitali mostruosi (352 milioni di albi venduti in 111 idiomi diversi) e il denaro si dice sia “lo sterco del diavolo”.

Chi è che ha disegnato Arlecchino e Pulcinella? Li avevo visti in un giornalino allegato a un giocattolo da edicola, ormai più di 20 anni fa,
Il giochino era una stronzatella che avevo preso da piccola, tipo trombettina con una pallina.
Lo buttai via subito, mentre il giornalino, di poche pagine, l'ho conservato a lungo.

Lunedì 14 ottobre a partire dalle ore 20 si rinnoverà alla Taverna degli Artisti (via degli Artisti 20 rosso a Firenze) il consueto connubio fra arte e enogastronomia.
Pittori, grafici e fotografi d'arte che vorranno esporre (al massimo 4 opere ciascuno) dovranno presentarsi entro le ore 19.30 rivolgendosi al coordinatore dell'evento Giuseppe Pinzauti (cell. 3388338192 giupi05@libero.it) per il posizionamento all'interno del locale.
La quota di partecipazione è ancora fissata in 10 euro per ogni opera esposta per un intero mese mentre il costo della cena viene mantenuto a 15 euro (prezzo praticato esclusivamente agli artisti ed ai loro ospiti).
Nel corso della serata, interamente ripresa da Toscana TV per la rubrica Incontri con l'arte (che ne trasmetterà una sintesi domenica 20 alle 20), sono previste performance di poesia, musica e ballo. E' consigliabile la prenotazione.

Sebastiano;
"gay si nasce, è vero.
ma i geni li trasmette la madre
almeno così dicono"

Così dicono chi? E il padre? Mi pare di ricordare che i cromosomi siano contribuiti da entrambi i genitori. 23 ognuno. Il padre contribuisce anche con uno specifico, che si chiama Y.
Comunque mi pare che anche tra i maschietti ci siano i più machos e i meno machos. Tutte scoperte che si fanno in adolescenza. Come quella di volersi integrare nel gruppo, per non sembrare diversi. Il che spiega perche alcuni gay esagerino certi atteggiamenti e altri non-gay ne esagerino altri. Meglio gay effeminato che macho da stadio scatenato.

E tutto un passare dal bianco al nero attraverso tutte le scale di grigi e colori.
Per me almeno, e in parte per la scienza.

Andrea Cara,
lo diceva una ricerca scientifica


ci sono molte più tonalità di grigi che pensi
come ho detto su nessuno di noi è maschio o femmina al 100%
perché a dispetto di quello che si crede non è l' X-X o l' X-Y a stabilire il sesso ma lo scambio di informazioni tra le razze di uno con quelle dell'altro:
pensa a X come una mano e a Y come a una mano senza il pollice;
se le giungi il "pollice" di "X" non avendo un altro "pollice" con cui "dialogare" decide di rendere, di preparare il feto a diventare maschio.

normalmente funziona così ma a volte escono fuori individui con l'aspetto di un sesso ma i cromosomi dell'altro, chiamati un tempo -invertiti- e oggi -chimere-

(spero di non aver commesso sbagli da memoria come ho notato "fare" ultimamente)

... quindi è la madre, "lo" X della madre a stabilire il sesso

Caro Sebastiano, magari mi sbaglio, ma probabilmete la ricerca scientifica cui ti riferisci riguarda l'Eva mitocondriale. In questo senso tutti noi riceviamo il DNA mitocondriale, non nucleare, della nostra madre. Come tutti i mammiferi, peraltro, perchè al momento del concepimento sono presenti i mitocondri della madre mentre sono persi quelli de genitore maschio. I geni nucleari contenuti nei cromosomi rimangono ripartiti a metà dai due genitori.
Le chimere cui ti riferisci, combinazioni di cromosomi X e Y danno luogo a vere e proprie malattie genetiche ben studiate, come la Klinefelter, che mantiene un corredo cromosomico completo ma con un X di troppo (XXY) o la Turner, che invece non contiene il cromosoma Y.
Parliamo però di circa 1 su 2000 nati vivi con questa sindrome.
Oppure altre malattie genetiche, tipo trisomia 21 (sindrome di Down). Certo anche oggi questi sono considerati weird. Ma è comprensibile, visto che si discostano dalla norma. Diverso poi è rifiutari.
Comunque ben altri numeri rispetto a quelli necessari a spiegare l'omossessualità, che infatti non ha basi genetiche, finora provate e confermate, se non quelle che possono essere ascritte ad una quaunque altra manifestazione genica, come il colore degli occhi o dei capelli, che sono date da componenti multigeniche.
La teoria più simpatica che avevo avuto occasione di leggere a suo tempo, asseriva che i geni dell'omossessualità si sono conservati solo perchè si trovavano vicino ad altri geni essenziali ala vita dell'uomo, e senza i quali questa vita sarebbe finita.
Il tutto ovviamente mai confermato successivamente.
Ad ogni modo, ai grigi preferisco i colori.
Quindi X rosa e Y celeste...

Per quanto riguarda lo stabilire il sesso, XX è femmina mentre XY è maschio, quindi, se volessimo proprio andare a cercare il pelo nell'uovo, è in realtà lo Y del padre a stabilire il sesso. La sua assesnza, difatti, determina il sesso femminile, anche in presenza di una sola X (sindrome di Turner) dove vi è un unico X (chiamato quindi XO).

Una piccola interferenza: il disegno d'apertura con la ragazza sudata con i "pennelli" ai capelli è molto bello, delicato e spiritoso. Se è stata Emi-Chan a disegnarlo, complimenti. Ho sempre letto dei suoi interventi sui manga, non sapevo che sapesse anche disegnare.

Grazie Mattia!
Mi ricordi perchè frequento questo blog.
La caption del disegno dice proprio Emi_1_quadernino1, quindi è proprio lei ed è proprio brava. Direi una lei perchè così lei si apostrofa nel Behind the scenes indicato all'inizio da Luca Boschi.
Non rimetto il link altrimenti il Sole 24ore s'incazza e non mi mette il post...

Oggi sono un po' rintrnato,
Ciao, Andrea!
Dunque... quale link non rimetti?
Sicuramente Emi-Chan è una ragazza, anche perché un mio amico l'ha incontrata a Romics l'anno scorso, ma non so come sia, quanti anni abbia (verso i trenta al massimo). Quello che non so è se siamo davanti a una professionista del Fumetto o a un'appassionata molto colta.

Oggi sono un po' rintrnato,
Ciao, Andrea!
Dunque... quale link non rimetti?
Sicuramente Emi-Chan è una ragazza, anche perché un mio amico l'ha incontrata a Romics l'anno scorso, ma non so come sia, quanti anni abbia (verso i trenta al massimo). Quello che non so è se siamo davanti a una professionista del Fumetto o a un'appassionata molto colta.

All'inizio del post (aggiornato)
Luca Boschi mette il link e fa finta di non sapere se Emi-Chan sia una lei o meno.

"Per quanto riguarda lo stabilire il sesso, XX è femmina mentre XY è maschio"

forse non mi sono spiegato bene:
quando X e Y si fondono non è Y a stabilire il sesso
(anche se è la sua presenza ad "influenzare" l'esito)
ma il "braccio" in più di X le cui "informazioni" non riescono a comunicare con il Braccio mancante a Y.
visto che si è scoperto, andando più a fondo, che è quel braccio in più.
è risaputo che il feto è fatto sul modello della madre:
il padre partecipa più che altre per aggiungere caratteristiche "forti", vincenti: almeno in Natura visto che oggi nell'Homo l'ago si è spostato sul denaro.quella "regola" era solo una -semplificazione-
(un po’ come quella che dice che l'homo discende dalle scimmie; ma in realtà discende da esseri antropomorfi simili alle scimmie)

tra eterosomi, autosomi, chiasma che durante il crossing-over non ha un punto fisso e porta alla "differenzazione" di ogn'uno di noi…


la cose da scoprire sono tante non le si può "negare" solo perché non si riesce a rilevare
altrimeti vuol dire che l'omosessualità si…
IMPARA.
in realtà la si può solo "scoprire":
alcuni possono essere influenzati da un condizionamento etero-onnipresente e realizzare se stessi solo Maturando.
ma io continuo a ripeter:
siamo TUTTI bisessuali!!!

Andrea:
"Le chimere cui ti riferisci, combinazioni di cromosomi X e Y danno luogo a vere e proprie malattie genetiche"

forse avrei dovuto limitarmi al termine -invertito-:
io parlavo dei casi, rari, in cui si ha il copro di un sesso ma i cromosomi di un altro.
niente cromosomi in più.
ma dell'altro sesso.

Andrea:
"La teoria più simpatica che avevo avuto occasione di leggere a suo tempo, asseriva che i geni dell'omossessualità si sono conservati solo perchè si trovavano vicino ad altri geni essenziali ala vita dell'uomo, e senza i quali questa vita sarebbe finita"
>senza i quali questa vita sarebbe finita<

molto simile alla mia di teoria:
l'omosessualità SERVE a SOCIALIZZARE:
impedendo quindi che ci si "scannino" tra di noi… fino a che ne rimarrà solo uno (argh!)

"Comunque ben altri numeri rispetto a quelli necessari a spiegare l'omossessualità, che infatti non ha basi genetiche "

se "l'inclinazione" alla musica, e a qualsiasi altra capacità di RILIEVO che differenzia un "genio" o un "artista" dal "semplice" Homo Sapiens si possono ereditare perché non l'omosessualità?
*e qui una nota, un appunto è d'obbligo:
se l'eterosessualità è "ereditata" perché l'omosessualità non può esserla?

tanto più che:
nessuno di noi è maschio o femmina al 100 %

Andrea,
come hai "detto" tu, siamo andati un pò out

... eh? La Emi di quella pagina, che non conoscevo, NON sono io. Mi piace disegnare, non necessariamente in "stile manga", ma finora non ho pubblicato le mie "opere" in rete o su carta. Non vorrei mai che mi venissero attribuiti meriti altrui, perciò prego Luca di correggere il post!


"Emi-chan" è un nickname molto comune: c'è anche un'autrice di fanfiction yaoi che si firma così, e _non sono io_.


A parte la mia pagina Facebook ("Emiliana Cordone", ecco, ora conoscete il mio cognome), tutto quel che si può trovare in rete che sia scritto da me consiste in alcuni interventi su siti/forum dedicati al fumetto, e una serie di articoli su Mangaforever (collaborazione interrotta a causa di alcuni problemi di salute, almeno inizialmente). Amo moltissimo il mondo del fumetto, ma non sono (ancora) riuscita a farne una professione: attualmente lavoro come traduttrice dall'inglese e letterista, prevalentemente in nero, e sono quasi sempre disoccupata. Anzi, accetto commissioni (oops, mi è scappata! ^^).

Non è mia intenzione ammantare di mistero la mia persona o mantenere un'identità segreta: semplicemente non è mai capitato di incontrarci di persona, o forse sì (magari al Romics o al Lucca Comics), ma di solito non giro indossando un cartellino col nome. ^__^
Sarò presente anche al prossimo Lucca Comics, e durante lo svolgimento del Translation Slam non mi muoverò dalla "Sala dell'Oro", ma in quella circostanza sarò molto occupata e poco disponibile alla conversazione. ^__^


@Mattia: "trent'anni al massimo"? Oh oh, che gentile... vabbeh, non ti sei sbagliato di molto. Il mio nickname alternativo, in quei siti dove "Emi-chan" è già occupato, è "Emi-chan81".


P.S. riguardo all'ultimo post su Mr. Skygack e i Marsozaalums, la scoperta di questi ultimi non si deve a me ma ad Alfredo Castelli, il cui articolo ho trovato per caso cercando notizie su Mr. Skygack.

Out of mind... Allora lo scoop su Emi-Chan si è rivelato fasullo.
Comunque, complimenti a quella disegnatrice che si firma Emi ma non è lei, e alla NOSTRA Emi-Chan per essere come ha dimostrato di essere nei suoi interventi in questo blog e anche altrove. Scrive proprio bene!

Chi Considera, chi afferma, chi deduce, tutto interessante, ma, certamente, l'intervento di Andrea è di un livello tale da nobilitare una rivista scientifica.

Leggo tra i commenti: 2 thoughts on “Barilla Pasta Doesn’t like When Two Noodles Touch”

E anche:


The only thing about that statement, Guido, is that you now have a nationally trending topic on Twitter of #BoycottBarilla. That can’t be good for business.

@Mattia e Luca (che ha aggiornato il post): grazie!

ciao Luca e grazie come sempre delle tue news... ma nel tuo post qui http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2013/10/a-palazzo-guinigi-tomorrow.html come sarebbe a dire... "l’acquisizione del ramo di azienda dei periodici Disney"??? allora non è solo cessione di licenze??

ci sono parecchi punti "ambigui" sulla vicenda:
mentre la panini trattava le licenze si divena pure che la marvel stesse trattando per comprare la panini.
!!!
???
se poi si aggiunge che nel 1994 si disse che la marvel quando nacque la marvel italia aveva comprato la panini e l'alessandro distribuzione la cosa diventa assurda.
quando la panini si è ricomprata?
quando la AE si è ricomprato AD?
visto che a un certo punto tutto tornò come prima... o quasi.

qualcuno sa districare la matassa?

Sebastiano, io non so districare la matassa ma credo che non la Panini, ma la Pan, avesse comprato (rilevato) il meccanismo distributivo di Alessandro Distribuzioni.
Poi, per aggiungere casino al casino, è noto che qualche anno fa la Disney USA ha comprato la Marvel.

E la Marvel è stata comprata dalla Panini quando era in netta cristi (anche per i fumetti orrendi che in USA non vendevano più).


Alla fine... Chissà.
Il mio suggerimento è farci una bella spaghettata!

Ashram,
ecco, avevo dimenticato di mettere che la Disney aveva comprato la Marvel:
se la marvel è della disney,
e la panini è (era?) della marvel:
come può la panini comprare la disney "italiana"?
che casino!

Ciao Nestore!!

Sebastiano,
una cosa del genere di seguito?
Nel 1994 nasce la Marvel Italia come sezione editoriale italiana della Marvel Comics statunitense.
La Marvel statunitense acquista le Edizioni Panini (che però rimane a gestione italiana).
Quindi la Marvel Italia viene assorbita dalla divisione editoriale della Panini Comics.
Nel settembre del 2013 la Panini comics (ex Marvel Italia che rimane però come marchio) acquisisce il ramo aziendale dei periodici Disney italiani della “Walt Disney Company Italia”, una società editoriale italiana, che è una divisione della “The Walt Disney Company” statunitense.
Ha senso o fa senso?
Che prendo per il mal di testa?

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.