Successivo » « Precedente

MAGICA DISNEY NELLA MAGICA LUCCA, A PALAZZO GUINIGI, da oggi...

Witchhazel-5

... fino al passaggio in volo, nei cieli italici, della simpatica vecchietta.

Simpatica vecchiettajpg

Angelo e giornalista Tirreno

Questa mattina parlavamo con Alino, Angelo Nencetti, vari giornalisti e l'Assessore alla Cultura del Comune di Lucca, del numero di Topolino attualemente in edicola (il 3020) secondo consecutivo all’accordo della Panini con The Walt Disney Company Italia per l’acquisizione dei periodici Disney in Italia.

E' quello che, per il momento, chiude il percorso della mostra Magica Disney, allestita a Palazzo Guinigi e visitabile a ingresso gratuito fino all'Epifania 2014.

Macchina del Tempo

Guarda, guarda, quale meravigliosa storia di Bill Walsh e Floyd Gottfredson è possibile leggere in questo momento, tramite la Macchina del Tempo dei professori Zapotec e Marlin, azionando la "marcia indietro" sino agli anni della Guerra fredda...

Alino aziona

Alino sta cercando di metterla a punto, per i visitatori che affolleranno il Must da domenica 13 in poi (vale a dire da domani).

Rota Topo 1000

Guarda, guarda, chi ci impresta la sua copia personale di Topolino n. 1000 (anno 1975)!

Dracula

Nemmeno per Dracula le didascalie sono ancora pronte, ma poco ci manca.

Questa mattina ci saranno (ci sono già adesso, mentre questo stravagante reportage è in fase di redazione).

Dalle due tavole fecchiane sotto, invece, oltre a intravedere il suggestivo panorama dei tetti del centro storico riflessi sul vetro, scopriamo che anche le luci dei locali sono a forma di testa del Topo.

Massimo Fecchi

Alle ore 11:00 circa di questa mattina, con Alberto Becattini e Andrea Sani, coadiuvati da Pier Luigi Gaspa, una sorta "visita raccontata" della mostra (e quindi della vita stessa di Topolino) prenderà le mosse dal lontano dicembre 1932 (data d'uscita del primo numero di Topolino giornale, pubblicato dall'intraprendente dinastia Nerbini) per giungere al secondo di Panini, acquistabile in ogni edicola.

Com'è noto, Panini ha perfezionato l’accordo con The Walt Disney Company Italia
per l’acquisizione del ramo di azienda dei periodici Disney in Italia divenendo l’editore di Topolino, Violetta, I Classici Disney, Paperino, Principesse e di tutto il variopinto parco di testate sino ad oggi pubblicate da Disney Italia.

Questi titoli vanno a integrare il già vasto portafoglio del publishing Panini,
che sotto i marchi Panini Comics, Panini Magazine e Panini Books edita oltre (GULP!) 1.700 pubblicazioni all’anno in Italia, da Naruto a Cioè, da Rat-Man a Star Wars, da Hello Kitty a World of Warcraft, oltre all’intero parco titoli Marvel, che Panini gestisce con successo da quasi due decenni. Attraverso questa
acquisizione, entra a far parte di Panini lo staff di Topolino e dei periodici
Disney, che da una nuova sede ubicata a Milano continuerà a produrre i
contenuti del settimanale Topolino e degli altri titoli disneyani, leader
assoluti in Italia nel settore dei periodici per ragazzi.

Ineedito di Massimo Fecchi

C'è un sacco di roba, assente dalla prima tappa della mostra, a Napoli (al PAN) e vari materiali inediti e "dietro le quinte".

Si cambia anno

Il tempo scarseggia per poter fare un resoconto accettabile della mostra... Tra gli assaggi, ecco una tavola inedita in Italia di Massimo Fecchi (una delle varie che ci ha prestato, fotografata con riflessi diffusi sopra l'immagine di alino - con la maiuscola in minuscolo - alle prese con l'ordigno), dove Paperino ritrova la sua "foggia" della nascita, nel 1934.

Yukon

Uncle Scrooge: “North of the Yukon (1965) è una delle rare storie dell’Uomo dei Paperi sopravvissute in tavole originali fra le centinaia che aveva realizzato.

Non solo un Barks, più d'uno!

Concessione

Sotto, nella mostra di Palazzo Guinigi, è appesa la versione italiana della tavola rimontata in formato tascabile, sotto il titolo Zio Paperone a nord dello Yukon.

L'opera fa parte della Collezione privata Massimo Tavani
CArt Gallery – Roma

E questa sotto, cos'è?

Marco Gervasio

Un model sheet di Marco Gervasio per una statuetta ?

Gottardo

Ed ecco il grande Gottardo!

Inferno Fabio

Toh! Una gigantografia, ancora da montare, dell'omaggio all'Inferno di Topolino offerto da Fabio Celoni all'attenezione dei lettori di Topolino n. 3000.

Petrossi

In chiusura, un paio delle meravigliose tavole di Epic Mickey 2, disegnate da Fabrizio Petrossi!

Nei francobolli commemorativi sotto, un po' di link contemporanei, anche con il Cappellaio Matto e con Amelia, assai presente nella mostra, con tavole originali e riproduzione a nastro).
Clikkandoci sopra si legge la sua scheda.

Amelia umana

Nella sua versione umana è leggermente inquietante.

Commenti

Vedo solo ora questi quadri eccezionali, ci vorrebbe un critico d'arte per commentarli. Ma uno vero, non uno come Sgarbi.
Sono delle capre, oggi è apparsa una notizia su di lui: “Gasparri graffiò la mia auto con una chiave. E' stato denunciato” ha detto il critico d'arte.
Io ho un debole per Celoni. Magnifico Inferno.

Luca ciao, ho bisogno di parlarti, puoi darmi via email un recapito mail o telefonico diretto? La mia mail è s.fabbri@fondazionepofferi.org
Grazie!! Sandra

Ho appena letto che anche a Sebastiano si era bloccato il web, o forse il provider non funzionava. A non sono state consegnate le mail di un giorno e mezzo e ora mi sono state tutte scaraventate nella casella postale come se nulla fosse.
Concordo: quella Amelia in versione umana è raccapricciante.
La mostra dev'essere bella, invece.
Io la vedrò all'inizio di novembre quando sono aperte anche le altre.

Spero che il variegato pubblico di Lucca ComicsandGames apprezzi la bellissima mostra sul mondo Dismey, sarà visitabile da oggi. :-)

Amelia è terribile! Sembra la brutta copia con le labbra siliconate di Lily Munster del telefilm simile agli Addams, The Munsters... Ma era proprio necessaria?

Già, sono le labbra che sembrano al silicone, e che quasi la fanno sembrare una "donna con becco". Le Papere di Carl Barks hanno tutto un'altro appeal.

ecco cosa mancava ad "amelia" il becco.

che cosplay è senza il becco?

ciao Luca e grazie come sempre delle tue news... ma alino non era tutto minuscolo? e soprattutto, come sarebbe a dire "l’acquisizione del ramo di azienda dei periodici Disney"??? allora non è solo cessione di licenze??

Amelia è orribile, quella umana voglio dire. L'altra è una Papera, come Lorella, La Venexiana e le altre.
All'Ombra Diafana non so cosa dire, anche io avevo visto scritto "alino" tutto minuscolo. Il questo blog si diceva che è come "art spiegelman".
Ma quando dei nomi così sono all'inizio di una frase vogliono la maiuscola o no?

"...Il grande Gottardo"?! Se son grande io, cosa sono i vari Celoni, Petrossi, Fecchi, Marco Rota(!!). Per non parlare di Barks... Dico, BARKS!!!! Un grazie a Luca (e ad Alino e agli altri), anche solo per essere nella stessa segnalazione e nella stessa mostra insieme a certi giganti.
Ciao.
Alessandro

Ciao, Sandra!
Ti ho letto tardi, anche "le ragazze" mi hanno avvertito di una tua comunicazione in rete.
Ti ho scritto!
Buon mattino!


Luca

Alessandro (ovvero Abelardo)... non facciamoci i salamelecchi, dddddài! Le tue tavole sono bellissime e professionillisme da decenni.
Ho saputo che eri all'inaugurazione della mostra su Enzo Jannacci.
Purtroppo sono troppo lontano in questo periodo e a Milano non riesco aliberarmi nemmeno un'ora per una deviazione alla mostra.


Ma ci vedremo altrove!

A presto e grazie,

Luca

Ciao, Luca. Scusa per il ritardo di questa risposta. Sono molto legato al ricordo di Jannacci, sono stato a molti suoi concerti in un passato non recente. Per un caso sono venuto ad abitare a Milano proprio vicino a dove abitava lui. Lo incontravo ai giardinetti; la mia compagna, che è di qui, lo salutava perchè lo conosceva come vicino di casa. Quando Davide Barzi mi ha chiesto di partecipare alla mostra ovviamente mi ha fatto un regalo. Mettici che mi hanno assegnato la canzone "il panettiere", e il mio più vecchio amico è appunto un panettiere con cui andavo ai concerti di Jannacci in gioventù...

Lucca e...
Disney:
è un caso che la raffigurazione dell' "atomo" 119, C&S:
comics & scienza sia a forma di topolino?
http://www.luccacomicsandgames.com/it/2013/comics/programma/lucca-comics-science/

A me sembra una solenne cretinata. Non la raffigurazione dell'atomo, ma parlare di titto di più per evitare di parlare di fumetti. Perché la Scienza quando siamo davanti a problematiche abissali, le mostre mercato sono un delirio, Bologna Comics è stata un pianto, Prato è andata male dal punto di vista del venduto del Fumetto (bene i Cosplay e il resto)...
Speriamo in Reggio Emilia, ma è molto orientata sull'antiquaritao.
Mi sembra che ognuno voglia prendersi un pezzettino di kermesse per sé, come si fa col maiale, dove ce n'è per tutti. E allora ficchiamo dentro la scienza, e perché no, la geografia, la storia, la culinaria, il nuoto, l'idraulica, con i maggiori esperti di rubinetti e di tubature a convegno.
Come il maiale.
Comics & Pigs, non credi, Sebastiano?

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.