Successivo » « Precedente

IL "GATTO MALANDRINO" DI BOB WICKERSHAM

Sudicione

A proposito delle avventure della strega Hazel, di Fox & Crow e di altri personaggi dei quali abbiamo parlato nei giorni scorsi, prima di riprendere il discorso sui funny animals embeddo qualche immagine antica, realizzata a matita, di quando Robert Wickersham lavorava agli Studios Disney.

I disegni risalgono all'epoca delle avventure di Ambrogio, il gatto malandrino, protagonista di una celebre Silly Symphony: The Robber Kitten (1935).

A questa pagina del bel blog di Didier Ghez, Disney History, Alberto Becattini lista una serie di opere alle quali Bob ha collaborato come animatore.

Dirty Bill

Questa sotto è la copertina del libro che la ripropone.

Cover

Per chi non la conosce, eccola.

All rights reserved to Disney.

Questa illustrazione nel libro non è di Bob Wick, ma il bozzetto a matita sotto, .

Picture4

Robkitten disegno2

Robkit

Guarda, guarda!

Bill il Sudicione (Dirty Bill) incontra Pietro Gambadilegno sopra un cartoncino allegato a una confezione di cioccaltao distribuita in Inghilterra nel 1939, prodotta dalla A. J. Caley Ltd di Norwich.

Images

Bob Wickersham

Bob Wickersham A destra, una foto di Bob Wick, sempre fornita da Didier Ghez, mentre a seguire, sotto, una tavola del suo lavoro con Fox and Crow, personaggi dei quali ha disquisito molto in questo blog, a suo tempo, il bravo Andrea Ippoliti. Qualcuno dei miei followers sta ripostando in questi giorni su FacciaLibro alcuni cartoons del pennuto e del mammifero, mi dicono.

La tavola è preceduta da un'altra, che Bob Wickersham ha disegnato sul n. 16 del comic book Cookie (ACG, 1948), nella quale viene citato Ub Iwerks (per il quale Wick aveva lavorato) come fotografo; il suo nome è sulla vetrina della penultima vignetta.

Prima ancora, la prima tavola di una storia di quello che su Il Monello veniva chiamato Camillo lupo tranquillo (Wacky Wolf), ricavato dal comic book Giggles, del quale abbiamo parlato spesso in quest'ultime settimane, per la disperazione di chi detesta gli animaletti antropomorfi e gli ometti buffi, aspettando da lungo tempo le matite del Flash Gordon di Frank Frazetta.

Wacky Wolf

Iwerkspage1

RealScreenComics 003-39

Questo è l'inizio del post, che è di servizio. Nella giornata di domani, alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze si tiene l'ennesima lezione di scrittura creativa, che prevederà, a giorni, l'apertura di sei nuovi blog personali, ognuno dei quali conterrà materiali assortiti, speculari, gestiti dagli studenti ritratti sotto, nella foto, oltre a Francesca, che invece non era presente la volta scorsa, ma che comunque lavorerà con gli altri.

Una delle prime attività consiste nel redigere un'intervista a una figura emergente, vale a dire Andrea Mazzotta, in forza come consulente editoriale presso un'etichetta ben nota.

Altra foto gruppo blog

Queste immagini, insieme ad altre che gli studenti vorranno produrre, sono a loro disposizione per riprenderle ed essere usate nei loro blog.

Con i lettori "consueti" di Cartoonist Globale, invece, ci aggiorniamo per questo e per altri argomenti!

Andrea Mazzotta su Skypeblog

Gli intervistatori

Commenti

Non ci posso credere, sono il primo commentatore!
Mi faranno Commentatore della Repubblica di Bob Wickersham!
Mi ricordo di aver letto su "Topolino" la versione a fumetti del Gatto Malandrino. Poteva essere inizio anni ottanta, più o meno nello stesso periodo c'era anche "Il mistero del collegio". Perché non ristampate quelle storie? Sono dei "Classici", in fondo!

Sparito il commento, e avevo scritto parecchio!

Riprovo: oltre ad aver foirmato Bob Wick, nella prima tavola di Wacky Wolf l'ha fatto anche il soggesttista Bob Karp.
Sapete chi era, vero?

Ma Dirty Bill è quello che si aggira nelle avventure paperinesche di William Ward?

William, direi di sì, che cioè il tuo omonimo Dirty è dentro quel libro dell'Anafi che mi procurai a Reggio Emilia, a quel che deduco dalla cartina dei dolciumi, in Inghilterra l'avevano adottato come rivale di vari personaggi, se compare insieme a Pietro Gambadilegno.
Non è una cattiva idea, dovrebbero farlo anche in Italia.

Ohilà!

Francesco, lo sceneggiatore di Wacky Wolf non è Bob Karp ma il suo fratello minore Hubert (Hubie), che morì assai giovane nel 1953.


I disegni del libro The Robber Kitten dovrebbero essere di Tom Wood.


Mi riprometto di dedicare un post a Bob Wickersham prossimamente sul mio blog. Seguitemi...


http://alberto-s-pages.webnode.it/


Salutoni,
Beka

Valentina,
puoi anche fare la figa e scappare per andartene a feste segrete ma il tuo profumo fa ca*are!

Bellissimo, il libro dell'Anafi. Lo sto centellinando.

Ciao, Willi e ciao a tutti!
Segnalo che a questo link Alberto Becattini ha sistemato fra le altre una scheda molto dettagliata su Robert Wickersham:

http://alberto-s-pages.webnode.it/animators-until-1970/w-x/

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.