Successivo » « Precedente

TUTTO SU BILL WEAVER di Alberto Becattini (prima parte)

WEAVER9

William Tavenner Weaver nasce in Ohio l’11 marzo 1907 da Frank Weaver e Lillie M. Tavenner.

Trasferitosi in California, dal 1937 al 12 settembre 1941 è intercalatore e assistente animatore per lo studio Disney, dove collabora anche ai lungometraggi Biancaneve e i Sette Nani e Pinocchio.

WEAVER1

Dal censimento USA del 1940 risulta che in quell’anno Weaver risiede in affitto al 530 di Winchester Avenue a Glendale (Los Angeles, California), insieme con l’animatore Antonio (Tony) Rivera. Successivamente anima cortometraggi pubblicitari per Ted Eshbaugh.

Dopo il servizio militare realizza layouts per lo studio Columbia/Screen Gems.

Come disegnatore di fumetti, è attivo dal 1949 al 1967. In uno stile assai particolare, un po’ “all’antica”, illustra per i comic books della Dell/Western diverse storie con personaggi tratti dai cartoni animati di Walt Disney e Walter Lantz. Illustra inoltre le storie del coniglio con il cilindro Uncle Wiggily, creato da Howard Garis.

Weaver5

Con questo personaggio illustra anche un volumetto edito nel 1953 da Whitman, unica pubblicazione a riportare il suo nome sul frontespizio. In apertura doi post ne vediamo la copertina.

WEAVER4 blog

Dal 1952 al 1956 disegna la striscia quotidiana dedicata a Woody Woodpecker (Picchiarello).

Weaver3

Dal 10 gennaio 1966 al 9 aprile 1967 (giorno della sua prematura scomparsa) è impiegato presso il Reparto Fumetti dello Studio Disney, dove aiuta Al Taliaferro nella rifinitura a china delle strisce di Donald Duck e disegna brevemente quelle di Scamp (Lillo).

Il 17 maggio 1967 Frank Reilly, capo del Reparto Fumetti dello Studio Disney, invia una lettera di condoglianze alla vedova di Weaver, Miriam, scrivendo tra l’altro “Più volte ho pensato della coincidenza per cui Bill è scomparso così poco tempo dopo Walt stesso.
È assai probabile che ‘lassù’ a Walt sia stato assegnato un progetto speciale, e che abbia avuto bisogno di di un aiutante speciale. Qualcuno come Bill.”

WEAVER wiggily

FILMOGRAFIA

Studio: DISNEY 1937-1939
Intercalatore
21/12/1937 Snow White and the Seven Dwarfs

Studio: DISNEY 29/08/1939-12/09/1941
Intercalatore/Assistente Animatore
07/02/1940 Pinocchio [Jiminy Cricket]

Studio: TED ESHBAUGH 1943
Animatore
00/03/1945 Cap’n Cub [cortometraggio promozionale]

Studio: COLUMBIA/SCREEN GEMS 1945-1948
Layouts
18/04/1946 Kongo-Roo [Phantasy – Fuzzy-Wuzzy]

04/07/1946 The Schooner the Better [Phantasy]

31/10/1946 Loco Lobo [Color Rhapsody]
09/01/1947 Fowl Brawl [Phantasy]
06/03/1947 Big House Blues [Color Rhapsody]
24/04/1947 Leave Us Chase It [Phantasy]
05/06/1947 Tooth or Consequences [Phantasy]
02/09/1948 Pickled Puss [Phantasy]

Weaver fotogramma

© dei rispettivi aventi diritto.
(continua)


ALCUNI LINK ANNESSI

COMING (MOLTO) SOON: TUTTO SU ED BENEDICT

TUTTO SU TOM McKIMSON, di Alberto Becattini

TUTTO SU FRANK McSAVAGE, di Alberto Becattini

GLI ANNI D'ORO DI TOPOLINO FAQ

ETA BETA SU "GLI ANNI D'ORO DI TOPOLINO"

LA MISTERIOSA PROFEZIA DEL DOTTOR ENIGM

DAL 22 MARZO TUTTO FLOYD GOTTFREDSON IN EDICOLA!

TUTTO SU CECIL SURRY, di Alberto Becattini

TUTTO SU GIL TURNER, di Alberto Becattini

TUTTO SU JIM PABIAN, di Alberto Becattini

TUTTO SU AL HUBBARD, di Alberto Becattini

TUTTO SU RALPH HEIMDAHL, di Alberto Becattini

TUTTO SU RILEY THOMSON, di Alberto Becattini

TUTTO SU FRED ABRANZ, di Alberto Becattini

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU MILT STEIN (e che Alberto Becattini è riuscito a rivelare)!

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU DAN GORDON (ce lo dice Alberto Becattini)

TUTTO SU BOB MOORE, di Alberto Becattini

LYNN KARP AL SANGOR SHOP: UNA PREVIEW UN PO' SOTTOGAMBA

TUTTO SU ED BENEDICT, di Alberto Becattini (prima parte)

TUTTO SU ED BENEDICT, di Alberto Becattini (seconda parte)

Commenti

Ecco un post atteso dall'inizio dell'anno. Aspettiamo la seconda parte.

Questo Uncle Wiggily era stato pubblicato in Italia dalla Mondadori sugli Albi d'Oro.

Come scrivevo prima, è l’ultima iniziativa editoriale di Cagliostro E-Press e si chiama Golden Age Comics Club.
Leggo che l’idea ha alla base l’esperienza dell’etichetta American Milestone ed è stata creata per dare ai lettori i migliori fumetti inediti americani della Golden Age in un’edizione restaurata e tradotta, ma credo che ne aveste già accennato.
Uffa! Non mi viene pubblicato tutto quello che scrivo, è una vergogna!

Post molto bello, su un'autore che io non conoscevo prima di questa lettura. Grazie Alberto e grazie Luca. Aspetto la seconda parte

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.