Successivo » « Precedente

I FUMETTI IN CAMPAGNA ELETTORALE

312310_435154376556014_894077841_n

Può essere addirittura un titolo di merito che il draghetto Grisù, creato dalla famiglia Pagot e animato in buona parte a Firenze dalla staff di Italo Marazzi, sia stato adottato per una lista dell'attuale campagna elettorale!

Si tratta quasi di un ritorno alla funzione primigenia del draghetto: da testimonial della Mentafredda (a Carosello) alla lista Ingroia.

Mafalda

Quino lo sa che Mafalda vota per gli Arancioni? E lo sa l'agenzia Quipos, che sarebbe l'agenzia titolare dei diritti su questi personaggi?

Anche se fosse d'accordo dal punto di vista politico... be', il problema non si sposta.

E vediamo un po'... Snow White lo sa per chi vota il suo nano più burbero?

Brontolo

Come commenta, giustamente, Gianfranco Manfredi: Odio la propaganda elettorale fatta sfruttando i personaggi dei fumetti (che Quino lo sappia o no... non importa. I personaggi dei fumetti appartengono ai lettori. Tutti. Indipendentemente dalle loro scelte elettorali).

Rov-voc_mini-580x401

Non si salvano nemmeno i supereroi della DC Comics e della Marvel.
Il copy del neopratitino ha proprio deciso di usare a tappeto un po' tutti i personaggi dei fumetti.
Scelta davvero curiosa. Ma sarà produttiva di frutti o farà fioccare querele?

72883_434761373261981_1548745292_n

Thor! Guarda chi c'è, anche!

59918_434947056576746_1461679786_n

602806_434843239920461_856034954_n


582500_434720476599404_987926281_n

Tutto perfetto e in linea, anche, con lo spirito dei personaggi sgraffignati, ma...

734090_435048239899961_688701458_n

Possibile che Max Bunker abbia cambiato schieramento politico?

65847_435161423221976_801014598_n

537779_434843333253785_635318057_n

Non è chiaro come mai Lisa Simpson sia considerata un'abitante di un paesino della Liguria (qualcuno ce lo spiega?).

63726_435154516556000_1957759255_n

Il lavoratore a progetto Dylan Dog potrebbe piacere, in questa veste, al suo autore, che ha ironia da vendere.

582359_435161599888625_254103169_n

Chi avesse avvistato altri personaggi dei fumetti impiegati nella presente campagna elettorale ce li faccia conoscere, qualsiasi sia lo schieramento che li ha fatti prori!

408763_434218799982905_187913928_n

Commenti

Grisù è scritto sbagliatamente: "Grisou", ditelo ai magistrati che hanno indagato contro i legami Stato-criminalità. Sanno i nomi dei politici traditori ma non possono sapere tutto e i quelli dei personaggi dei cartoni gli sfuggono.

Campagna vergognosa. Le scuse di Ingroia (per il genio dei suoi seguaci che l'ha concepita) sono il minimo da aspettarsi!!

Scusa, perché sarebbe vergognosa? Forse ci sono problemi di copyright, ma per il resto non capisco proprio cosa ci sia di male.

Ah, comunque non credo che sia una campagna ufficiale, visto che sul sito di Rivoluzione Civile non ce n'è traccia.
D'altra parte, sarebbe illegale, a meno che non ci siano dei permessi espliciti da parte dei proprietari dei rispettivi copyright.

oh god...

Non mi è chiaro da quale fonte provengono le illustrazioni di questo post.
Per il resto, mi sembra che spesso personaggi dei fumetti abbiano fatto da testimonial per campagne "politiche".

Ma... sono falsi, vero? Per dire, forse l'autore del gruppo TNT non sarebbe tanto dell'idea di offrire i propri personaggi per Ingroia. O sì? Mah...

Adesso vado a vedere se è una campagna vera o falsa. Ma perché dovrebbe essere falsa? Forse Ingroiaha qualcosa da dire...

Sul mensile "Senza Quore" della Max Bunker Press anni fa invitarono al pagamento diritti proprio per un caso simile ... ma da dove provengono queste immagini?

Diversamente dai più, io trovo che questa campagna sia molto divertente e disinibita. Come sono io, che voterò senza dubbio Ruotolo, il giornalista baffuto.
Leggo che l'idea è venuta agli autori della pagina Anche noi votiamo Ingroia-Rivoluzione Civile, qui c'è la pagina: https://www.facebook.com/pages/Anche-noi-votiamo-Ingroia-Rivoluzione-Civile/434206276650824?sk=photos_stream

Pubblicate anche i personaggi mancanti!

Ricordo che i fasci anni fa usarono Frank Miller e 300, credo, come testimonial, e gli fecero togliere i poster per violazione di ©.

Attenzione, faccio notare che rivoluzione civile è una coalizione civica, a cui hanno aderito ANCHE rifondazione e idv, che candida alla sua guida Ingroia, a fianco dei militanti dei partiti e società civile…

Non ricordo l'esistenza della rivista SENZA QUORE della MBP (a proposito, appena chiusa, ma forse su questo forum non se n'è parlato per scarsia simpatia verso L'Editore o per timore di azioni legali).
Di che si trattava?

Avrai/avrete saputo/letto che la Sergio Bonelli editore ha preso posizione: http://www.sergiobonellieditore.it/news/1frameset_news.html
ciao
alino

Grazie, Alino!

Francyduck, anche a me interessa sapere cosa fosse SENZA QUORE. Sicuramente una cosa che è stata cagata poco, visto che è fallita subito.
Comunque, per cultura generale...

guardando la pagina degli autori di queste grafiche e la pagina di ingroia mi sembra chiaro che non si tratta di una campagna ufficiale, ma di un gruppo di sostenitori che ha deciso di fare una campagna un poco particolare, non ci vedo nulla di male.. non credo che finira sui manifesti ufficiali

GENIALE....
Bello quello del Gruppo TNT...
MAX Bunker ha cambiato schieramento?
perché, secondo voi era di destra?
Non ce lo vedo il max seguace di berlusca...
Piuttosto, il gruppo TNT esprime quello che è. Un collettivo alle prese con un mondo schifoso.
Questo articolo mi sembra un tantino faziosetto. E poi, questo sole 24 ore pensi ai ladroni di confindustria

Non voto Ingroia, ma i creatori di questa campagna, vera o falsa che sia, sono dei geni assoluti !!! :-) Manca solo Dick Tracy che arresta Rockerduck per concorso esterno in associazione mafiosa :-)

Qualcuno ha deciso che i fumetti siano di pubblico dominio... Peccato che a deciderlo sia proprio qualcuno che la legge dovrebbe saperla perché (in teoria) la applica di professione.

Max Bunker è stato della Lega, quando era alleata del Berlusca.

Continuo: lo è ancora, inutile dirlo: i peggiori si sposano e anche se divorziano si risposano, dandoi la colpa alla colf degli ammanchi che hanno fatto o autorizzato i coniugi, da solo, in coppia o in combutta con qualche amante clandestino.

Macforever, sono d'accordo sulla genioalità della campagna, perché trovi l'articolo faziosetto? Sarebbe contro o pro Ingroia, secondo te. oppure pro o contro il pubblico dominio, come dice Gas75?

Questo articolo viene citato in due altri articoli di cui non ho ben capito chi abbia copiato chi:

http://popoff.globalist.it/Detail_News_Display?ID=47758&typeb=0

http://liberazione.it/news-file/Fumetti-per-Ingroia--Dylan-Dog-diffida.htm

Il problema del copyright è contagioso?!? :)

Hanno tutti copiato da Cartoonist Globale, basta controllare le date d'uscita, ci sono due giorni di differenza.
Ma va bene, se citassero la fonte sarebbero più gentili, ma Cartoonist Globale renderà loro la pariglia non citandoli (anche se sono amicii, intendiamoci; :-) La rete funziona così).

Bene, è una conferma che questo blog è molto seguito e molto (a suo modo) "influente.
Non a caso è strapagato dalla pubblicità, attraverso banner e inserzioni varie.

Non ci siamo capiti.

Entrambi gli articoli citano più volte il nome "Luca Boschi", anche se non mettono il link.

Invece intendevo dire che sono due articoli fotocopia fra loro, che non si capisce chi abbia copiato chi.
Il mistero però potrebbe rivelarsi meno fitto del previsto se si considera che Checchino Antonini scrive anche su Liberazione

nell'articolo di Alfio Sciacca sul CORRIERE DELLA SERA, citato da Willy, si legge: "Difficile catalogare Mafalda". Mah! A me sembrava un fumetto chiaramente politico, nato ai tempi di una dittatura...

Rispondo(solo adesso perchè per giorni il sito non mi ha fatto commentare) a chi chiede informazioni: "Senza quore", ideato, scritto e prodotto da Max Bunker e disegnato da Warco (bravo disegnatore purtroppo non più attivo), fu un mensile di satira politica (segue)

uscito da febbraio a luglio 1994, molto ricco di vignette; nel n.2 venne riportato il manifesto
elettorale di un partito politico comprensivo di un quadro di una vecchia storia di Alan Ford, commentando: "(...) astenersi di chiedere il permesso di pubblicare la vignetta del fumetto "Alan Ford" (segue)

e di astenersi di pagare i diritti è un abuso!
Pertanto si invitano i responsabili a contattare l'amministrazione di detto periodico per concordare un acconcio pagamento".
Tornando ai fatti presenti, (segue)

ecco la risposta odierna di Max Bunker alla vicenda:
http://www.5oclockthea.it/2013/01/tutti-allegri-noi-votiamo/ ".

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.