Successivo » « Precedente

ALL'AGENDA MONTI PREFERISCO IL DIARIOVITT!

Diario-Vitt-1

1000047 E non credo di essere il solo.
Bando alla nostalgia, fuori luogo anche perché, personalmente, non ho mai potuto possedere per ragioni anagrafiche alcuni dei preziosi volumetti animati dagli eccelsi, fantasiosissimi e inimitabili disegni di benito Jacovitti, il Diorio Vitt (o Diariovitt) incarnano un pezzo della storia migliore della nostra Penisola.

... a differenza dagli accadimenti davvero funesti che vi si sono abbattuti negli ultimi anni, "neoagenda Monti" compresa, subito sposata e soatenuta da figuri ai quali ben pochi presterebbero le loro preziose copie del Diariovitt (o Diario Vitt), per paura di non vederlo più tornare al mittente.

Perché sono distratti, naturalmente.
Cosa avevate capito?

La ragione primaria di questo post, in ogni caso, è mostrare alcune panoramiche, come le definiva Jacovitti, realizzate da altri, sia dopo di lui, sia prima.
Forse da alcuni di questi "disegnoni" visti dall'alto potrebbe aver preso spunto.
In ogni caso, sappiamo che Jac stesso aveva visionato tavole similari di Giove Toppi.
Sotto, una sua tavola “pre-panoramica” pubblicata sul numero di Ferragosto del 420, dell’anno XVII dell’Era Fascista (1938).

Giove_toppi

Nel nostro libro Jacovitti: sessant’anni di surrealismo a fumetti, così descriviamo l'episodio:

Giove Toppi, colonna portante della casa editrice fiorentina, disegna molte copertine per questa testata, come per altre riviste consimili. Per il numero di Ferragosto dell’anno XVII dell’Era Fascista (oggi dobbiamo fare un calcolo mentale per chiarire che è il 1938), il notevole cartellonista e autore di fumetti toscano (scomparso nel 1942) disegna una “panoramica” di ambiente balneare: una scena a tutta pagina, affollatissima di personaggi e piena di gag visive e verbali.

Non c’è dubbio che anche Giove Toppi si affianchi ai già citati autori, italiani e americani, nell’ispirare Jacovitti nel suo rivoluzionario approccio alla composizione della tavola disegnata.

Jac

Forse ne aveva pure viste di Dubout, anche se secondo Tomaso Turchi (e c'è del vero in quel che ipotizza) in realtà Jacovitti avrebbe citato solo tardivamente questo grande umorista francese fra i suoi ispiratori. E più che una diretta "discendenza creativa" potrebbe essersi verificata un'ottima sintonia fra i due artisti.

100106161506-diario-vitt-rodolfo-amodeo-02

Ecco alcune panoramiche "extra Jac", con commenti più che scarsi da parte mia.
Ai visitors il compito di imbastirne, se vorranno.

Little Red Schoolhouse 10-27-01

Roof

Sotto, la versione dello stesso disegno con l'aggiunta del colore.

30_january_1969

Cadys-Sprint


Un nuovo complesso panorama di Harrison Cady, illustratore del quale abbiamo parlato più volte.
"Nuovo" perché rinvenuto recentemente.

Zim

Non ho mai postato nulla di Zim prima d'ora...
Rimedio in parte.

Madman.Party_3

Questa sopra, recente, suggella una collaborazione fra Michel Fiffe e Michael Allred .

Rightaroundhome05-big

Dudley Fisher: una delle tante panoramiche di Right Around Home.

Sotto, in due tranci, una panoramica di Wally Wood con un visibilio di personaggi dei Comics.

6a00d8341c684553ef010536b0644c970c-800wi

6a00d8341c684553ef010536a7d6e0970b-800wi

Crockett-Johnson

Questa non è affatto una panoramica, ma poiché si tratta di una storiella muta essenziale e impeccabile, be'... la posto!
Farà ancora più sensazione quando si rivelerà (e sto per farlo) che è opera di Crocket Jonhson.
Già, il creatore della striscia di Barnaby.


Commenti

Certo che il DIARIO VITT (Diariovitt) era un'altra cosa (almeno era divertente), ed io mi ritengo fortunato per averli tutti.
Bellissime le panoramiche, di Jacovitti e degli altri disegnatori. Proprio un gradito regalo natalizio. Grazie, Luca!

Belle panoramiche e bello anche Harrison Cady.
Mi auguro di vedere nuovi post su Jacovitti il prossimo anno.

Onestamente Luca, in tutto questo non capisco cosa c’entri Mario Monti.
Forse è per questo continuo tirare in ballo cose che non c’entrano che la gente si domanda continuamente se tu non stia facendo un discorso "partitico"?
Mah.

Certo. Un discorso di contrappunto (un po') satirico lo faccio di sicuro. Non lo faceva, con i suoi metodi e le sue strabilianti capacità comiche, anche lo stesso Jacovitti?

Credo che difficilmente ci si possa "alienare" dalla realtà quotidiana delle cose. Personalmente, ribadisco, sull'Agenda Monti ho un oceano di riserve. I vecchi lettori di "Totem" forse sanno (o ricordano) i contenuti di quella rivista e come gli argomenti più vari erano trattati. Ed era la più venduta fra tutte proprio perché attraeva nella sua sfera un pubblico non esclusivamente "fumettocentrico".
A più tardi!

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.