Successivo » « Precedente

POPEYE TIRA PUGNI DI NUOVO (IN USA)

1popeye usajpg No, non è la segnazione dell'ormai scontata nuova serie di avventure di Braccio di Ferro piubblicate in questo periodo da IDW (che non è l'acronimo di Italia Dei Walori) della quale abbiamo già parlato qui.

Il prode Getterbop ci mette al corrente della nuova iniziativa dell'etichetta americana: la riproposta di un centinaio di numeri del vecchio Popeye disegnato (e in buona parte scritto) da Bud Sagendorf.

A destra la copertina del primo numero.

Representing the classic Popeye #1 from 1948 by Bud Sagendorf! This collector's item begins a reprinting of the complete Sagendorf's Popeye comic book series, nearly 100 issues long! Carefully reproduced from the original comic books and lovingly restored. Eat your spinach!"

Regular Price $3.99 (non pochissimo: prezzo da collezionista e non da ragazzino appassionato di pugni e spinaci)
Your Price $2.59
You save $1.40 (35%) Il risparmio si ha acquistando ora bla bla, ordinandolo alle condizioni proposte qua.

Sotto, un vecchio Popeye della Gold Key con... i Ming!


Sagendorf Ming

Sagendorf_popeye Dei Ming discetteremo in futuro.
Intanto evidenzio, per chi se lo fosse perso, il lungo esame di Getterbeop sulla situazione del Popeye classico edito da Fantagraphics, etichetta che ha ristampato la produzione per i giornali di Segar e poi ha chiuso la collana in fretta e furia.

Ho acquistato dalla mia fumetteria di fiducia il sesto ed ultimo volume della saga completa del Popeye di Segar che, dopo 6 anni di uscite, finalmente giunge a termine.

In realtà, possedevo già (ed ho tuttora, ecco) l'edizione della Comic Art, quella brossurata formato orizzontale gigante, basata a sua volta sulla precedente edizione della Fantagraphics, certamente più comoda come tipo di lettura, strisce più grandi e formato più agevole.

Purtroppo oltre a mancare di una manciata di strisce, mi pare, poi ripristinate nel set di 6 volumi, la Comic Art chiuse, e nessuno si prese l'impegno di pubblicare nè i volumi con le tavole domenicali, né tantomeno di proseguire con le strisce successive a Segar viste in Italia su Gli Oscar Mondadori, almeno sino ad un certo punto, dato che c'è tanto materiale inedito e interessante sino al primissimo Bud Sagendorf.
Tra l'altro, i volumi con le tavole domenicali della prima edizione fantagraphics, sono introvabili e costano abbastanza
.

Ultimo

Per fortuna c'è stata questa ristampa della Fantagraphics in 6 volumi con tutte le strisce e tavole domenicali proposte a colori, come erano in origine con tanto di "topper" con le avventure di Sappo.
Tuttavia, con una mossa alquanto discutibile, nell'ultimo volume, la Fantagraphics ha deciso di operare dei tagli: E questa è la loro motivazione, tradotta dal sottoscritto:


Alla fine del 1937, a metà dell'avventura "La Valle Dei Goons", E.C. Segar si ammalò gravemente di leucemia. Fu costretto a interrompere il suo lavoro su Thimble Theatre/Popeye per alcuni mesi in cui venne ricoverato in ospedale, periodo nel quale, il suo assistente, Doc Winner, si occupò della striscia.

Da quando la firma di Segar smise di apparire sulla striscia dopo l'episodio del primo gennaio 1938, uno potrebbe ragionevolmente presumere che questo fu il punto dove il suo coinvolgimento terminò - sebbene sia possibile che la sua firma continuò ad apparire un paio di settimane dopo che smise di lavorare sulla striscia ( o al contrario, sebbene meno probabilmente, che stava lavorando in qualche modo sulla striscia, anche dopo la scomparsa della sua firma).

Mentre abbiamo deciso di stampare l'intera saga de "La Valle Dei Goons", compresa la conclusione realizzata totalmente da Doc Winner, abbiamo scelto di saltare la storia successiva, "Pescicani Mangia-Panini E Spinaci Di Mare" una saga realizzata in toto da Winner che durò dal 7 Marzo sino al 21 Maggio durante il sabbatico coatto di Segar, e molto francamente (nonostante il cognome del sostituto) non ai livelli qualitativi di Segar.

Il 23 Maggio, quasi sei mesi dopo che aveva firmato la sua ultima striscia di Popeye, un apparentemente rinvigorito Segar lanciò quella che sarebbe stata la sua ultima storia "Re Pisellino" con il marchio-firma "Segar" di nuovo in evidenza.
Tutttavia, ci vollero solo 3 mesi perchè Segar dovesse interrompere ancora il lavoro per seri problemi di salute, che si sarebbero dimostrati fatali.
La striscia del 27 Agosto contiene l'ultima apparizione della firma di Segar. L'autore morì il 13 Ottobre.

"Re Pisellino" si trascinò piuttosto interminabilmente sotto le mani di Doc Winner (alla fine dei conti, dura oltre mezzo anno) ma, piuttosto che finire sotto tono, abbiamo deciso di interrompere le ristampe con la striscia finale di Segar, seguito da un riassunto degli eventi successivi.

Popeye11291932

Similarmente, la produzione di tavole domenicali di Thimble Theatre/Popeye di Segar si interrompe con la tavola del 6 Febbraio, poi riprende ancora per 14 settimane dal 26 Giugno al 2 Ottobre, l'ultima tavola firmata che venne pubblicata undici giorni prima della sua morte (Le date delle tavole domenicali hanno un distacco di circa cinque settimane di vantaggio rispetto alle striscie quotidiane, non perché Segar continuò a lavorare su di loro, ma a causa dei termini di consegna più ristretti richiesti dall'agenzia di distribuzione per soddisfare i tempi di lavorazione più lunghi delle tipografie riguardo i più elaborati inserti che pubblicavano le tavole domenicali; Segar quasi certamente mise da parte per sempre la penna sulle strisce e sulle tavole domenicali simultaneamente in entrambi i casi, mentre la sua salute peggiorava)

Come abbiamo fatto con le strisce, abbiamo saltato 5 mesi di tavole domenicali di Winner, e poi interrotto completamente le ristampe con l'ultima tavola di Segar
Ora, la cosa che rompe è che il famigerato episodio dei "Pescicani mangia-panini e spinaci di mare" la Fantagraphics ha deciso di metterlo in commercio come albetto a sé stante che non viene venduto, ma si può acquistare o ordinando dallo shop dell' editore uno dei 6 volumi di
Popeye a scelta oppure facendo un ordine di 50 dollari

www.fantagraphics.com/browse-shop/f...ea-spinach.html

Segar al tavolo

5ce8178c108cb155aafeae2e11e1ed44

Sopra, la copertina di questo famigerato albo.
CLIKKANDO sulla striscia di Segar un po' sopra, vedrete come si allarga e si innalza. Si amplia, diciamo! Bello.

Homer Turning Into Popeye The Sailor Man



ALCUNI FRA I TANTI LINK ALL'AROMA DI SPINACIO

CASTOR OYL E IL DISEGNATORE DI FUMETTI

POLDO SBAFINI COME CIPPUTI

SU "L'AUDACE BONELLI" J. WELLINGTON WIMPY SI CHIAMA "GIGIONE"

SEGAR NASCE E MUORE

SCHIFFIO SCHIFFI E IL TEATRO DEI BEI TIPI

BILL BLACKBEARD, GASOLINE ALLEY E LA COLLEZIONE DI CHRIS WARE

Commenti

Tradotto: bene il Popeye di Sagendorf che verrà, male quello di Segar della Fantagraphics che ha fatto delle scelte a capocchia.

Carino l'Homer Simpson mangiaspinaci!

Da noi, nel bel suolo Italico, sono apparsi solamente i primi due volumi della Fantagraphics a opera della Planeta-DeAgostini. E il rimanente? Cadrà nell'oblio? Però, personalmente, continuo a preferire la traduzione dei volumi orizzontali della Comic Art.
In attesa di qualche editore che continui l'edizione interrotta Fantagraphics ( ah ah ah !!!) sarebbe bello anche sperare su un'edizione Italiana del Popeye di Sagendorf e di quello di Zaboly. Ma qui non serve speranza, bensì un miracolo!
Intanto, per mio diletto, sto scrivendo un libro su Popeye. Dopo quello dei Puffi ora tocca un saggio anche al guercio marinaio. Ma gli editori di saggistica a fumetti _ ahinoi! _ latitano.
Curiosità: sul sito Comicout http://comicout.blogspot.it/ Braccio di Ferro si unisce ai disegni all'asta per aiutare le vittime del terremoto dell'Emilia.

Caro Fabrizio, grazie e complimenti per questa iniziativa.
Parlerò di questa e dell'altra sul terremoto che riguarda i "mattoni dipinti", ideata da Davide Barzi, nei prossimi giorni.

Adesso, sotto l'impelleza di news che "scadono" se le faccio attendere, lascio on line questo post ancora per un po' e poi lo rirotto nella giornata di domani dove si troverà più a suo agio e godrà di maggior visibilità.
Ci aggiorniamo!


L.

Il disegnztore fotografato al tavolo è Sagendorf, Segar o chi altri?
Grazie.

Ripeto quello che ho gia' detto in un altro post: per me la vera arbitrarieta' da parte della Fantagraphics e' stata di pubblicare la fine della storia della Valle dei Goons, anche perche' la fine della storia di Demonia (circa altri due mesi di pubblicazione, da quanrto ho potuto stimare dalla traduzione Oscar Mondadori) e' nettamente migliore. Insomma: o pubblichiamo solo Segar o pubblichiamo tutte le storie fino alla fine!

Insomma, Paolo: o una filologicità talebanamente stretta o una chiara scelta di merito, di qualità.
Mah!

Ah, per M. Poltronieri.
Il disegnatore della foto è Segar!

Versegge: direi scelta di completezza. Siccome suppongo che la fine della storia della Valle dei Goons sia stata pubblicata per non lasciarla in sospeso, a questa stregua fantagraphics avrebbe dovuto finire anche la storia di Demonia

Mi sembra logico, grazie Paolo.

Molto bene questo post che mi era sfuggito in una versione penso più ridotta, qualche tempo fa. Fantastico l'Homer-Popeye.
Ma dei Simpson non parlate più?

Bisogna fare i complimenti a Getterbop per l'accurata ricostruzione, mentre non si può approvare, io direi, la politica della Fantagraphics che serve una serie coi buchi a chi vorrebbe gustarsi il personaggio. Questo è il guaio di questi (costosi) volumi di lusso, non così filologici se trattano il "Thimble Theatre" come sono stati trattati i supereroi in Italia a fine anni 80-primi anni 90, con tagli e salti dettati dalle mode ... ma ho già commentato all' http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2012/05/cose-un-fumettista.html .
Oltretutto questa storia del volumetto non acquistabile separatamente assume per gli appassionati (e forse anche per i "nuovi") un'aria vagamente punitiva.
All' http://www.ncs-glc.com/GLC/ed_black/segar/segar1.html il certificato di morte di E.C.Segar :-( ed un sacco di altre cose, (compreso quel famoso arbitro di pugilato) ...
A proposito della nuova serie della I.D.W., una piccola nota personale: se nel n.2 recuperano dal 1919-1920 quel perfido cattivone, predecessore di Castor nella striscia (scompare uno ed arriva l'altro, almeno credo), di nome Willie Wormwood (Guglielmo Vermedibosco), ebbene, non posso che essere contento visto che il Guglielmaccio in italiano l'ho dato alle stampe io, anche di recente.
Saluti.
G.Moeri

Ciao Luca, scusa se vado offtopic, ma hai visto che anche in Francia stamperanno l'omnia di Don Rosa in 6 volumi? Sai se i francesi ricambieranno con noi italiani? Mi spiego...gli abbiamo dato "la grande dinastia dei paperi" spero che ci rendano il "favore" donandoci l'omnia di Don Rosa ;-) ... E' da troppo tempo che in Italia viene richiesta...
Un saluto e buon Ferragosto!

Castor Oyl "cattivone" al posto di Willie Wormwood? In effetti Castor compare nel '20 come il fratellino "cu-ckoo" (cioe' "svitato") di Olivia, motore di gag assurde.
Detto questo, auspico un'edizione fantagraphics del primo Thimble Theater del 1919-29, magari con una reiedizione del "5:15" (aka Sappo)

Io auspico un'edizione italiana ben fatta e magari tradotta da Luca Boschio o da un altro sceneggiatore professionista che renda bene i dialoghi, dell'opera intera di e su Popeye, almeno quella di Segar. Di uno scrittore, come Aldo Busi aveva riscritto Alice. Un'opera letteraria, capite?
Come la Pivano che traduce Hemingway. Una sensibilità non di faccendiere o impiegato, ma di artista.

Anche Tito Faraci sarebbe interessante, o Fausto Vitaliano, che ha un orecchio per i dialoghi delle sit-com. Ma con qualche arcaicismo aggiunto, penserei.

allora auspico un post sui grandi traduttori italiani: ranieri carano, marcello marchesi, franco cavallone, etc

Sarebbe bello, Paolo! Se ne hai conoscenza perché non provi intanto a scrivere qualcosa tu? Io so che qualcuno aveva tradotto Castor Oil con "Dante Bertolio" pensando a due marche di oli da cucina: Olio Dante e Bertolli.

Magari... le mie conoscnze risalgono a vecchi oscar mondadori dove veniva indicato amche il nome del traduttore. Siccome i sunnominati erano anche personalita' della cultura e dello spettacolo (alludo a MM, traduttore di asterix), vorrei anch'io saperne di piu'.
Ah, dimenticavo nella mia lista di grandi traduttori: F&L avevano tradotto BC

Ringrazio il Sig. Boschi per avere trasformato un mio semplice intervento, addirittura in un articolo per il blog.
Mentre i Popeye della Fantagraphics giacciono in attesa di lettura assieme ad altre decine di fumetti, sto leggendo con molto interesse la nuova serie della IDW, e vi posso confermare che se il primo numero era di semplice rodaggio (nè bello, nè brutto) nel secondo ci sono stati dei miglioramenti, compresa una breve e spassosa storia di Sappo in appendice, è nel terzo , con una trama che vede Braccio Di Ferro fare da allenatore a Poldo per un incontro di Boxe con un misterioso energumeno incappucciato, che il vero divertimento inizia.
Chissà se qualche editore Italiano pubblicherà queste avventure??

Me gusta!

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.