Successivo » « Precedente

MASAKI KITAMURA (GUNDAM) ARRESTATO PER POSSIBILE MASSACRO?

A6819-74

Spiace dover trattare di "figurazioni giapponesi", tema non frequentatissimo in questo blog, per ragioni di cronaca e non di cultura (di linea grafica, di contenuti narrativi).

Dispiace talmente che il Satana del Giappone ci mette lo zampino, e più di una volta questo post, lanciato ieri, si è disgregato nel nulla, con tutti i suoi bravi commenti e le valutazioni del caso.

37735595

A 'sto punto eviterò di riscrivere il già scritto, accennando solo al fatto che, personalmente, questa accusa fatta al regista Masaki Kitamura sulla base di un suo scritto mi sembra una fesseria.

A2980-11I fatti riportati dalle agenzie sono i seguenti: Police in Osaka arrested 42-year-old anime technical director Masaki Kitamura on Sunday on suspicion of writing "I will commit a massacre" on the city's website. According to the police, the suspect denied the charges, saying, "I'm completely innocent."

The suspect is accused of going to Osaka's inquiry page on the Internet and writing, "I will commit a massacre in Otaroad [in Osaka's Nipponbashi area] next Sunday. I will ram into pedestrian paradise, and after stabbing indiscriminately with a knife, I will commit suicide" on July 29 at about 9:45 p.m.

OsakaExcept the suicide part, the threat is similar to the killing of seven people that took place in Tokyo's Akihabara district in 2008.

"Pedestrian paradise" is the traditional practice of cordoning vehicles off a particular street or streets and limiting the area to foot traffic.
Nipponbashi's Otaroad is essentially Osaka's otaku shopping counterpart to Tokyo's Akihabara.

According to the authorities, they analyzed the IP address that originated the threat and discovered it was linked to a high-speed wireless LAN device owned by Kitamura.

Mah!

Gundam_00_DVD_Volume_1

Mobile-suit-gundam-00

Kitamura è stato assistente regista di entrambe le stagioni della serie televisiva Mobile Suit Gundam 00. Inoltre, è stato regista di una parte del ciclo Gundam Evolve (il decimo blocco di episodi, se le nostre informazioni sono esatte) e di una puntata diErgo Proxy. A lui si devono collaborazioni anche a GUNxSWORD, Intrigue in the Bakumatsu - Irohanihoheto, Planetes, Wolf's Rain e ad altre serie note solo agli strafans dell'animazione nipponica.

34si8hv

Gunsword_900x350


Gundam-evolve-9-p132

Gundam_Evolve_Material_105

In chiusura, un significativo sondaggio fra gli ignorantoni italici (la maggioranza, visto come ha votato).

Commenti

Parliamone pure di questo stile giapponistico. A me fa non solo ribrezzo, ma ricorda anche gli anni orrendi dei cartoni televisivi trasmessi in Italia, quando non potevi girarti da nessuna parte che solo facce stereotipate dagli occhioni belli potevi vedere.
Vuoi Candy Candy, vuoi ragazzini sfigati che giocavano male al tennis o a chissà che altro e che alla fine primeggiavano dopo essersi cagati addosso qualche volta.
Meno male che ci siamo liberati di questa immondizia de che (almeno io) vedo altri cartoni e leggo altri fumetti più seri e belli da tanti anni.

Meno male che qualcuno lo scrive.
Quoto totalmente Luisa. Io sono a favore dei fumetti italiani, semmai di quelli europei, soprattutto francesi. Meno male che in questo blog si parla poco di Giappone, di Corea etc., altrimenti non lo frequyenterei.
E aspetto il prossimo post su qualcosa di interessante.

Lo stile "giapponistico" (bel neologismo) ha educato generazioni e sarà impossibile cambiare i gusti. In alcuni paesi (come il nostro), senza voler essere nazionalisti, tutto ciò che viene da fuori é figo. Quando bevevamo gazzosa eravamo degli sfigati ma se dall'America arriva col nome di Sprite o SevenUp è cool. In fondo siamo sempre a "Un Americano (giapponese) a Roma, anche dalla Francia (ahinoi) arrivano certe porcate che stampiamo in cartonati di lusso.

Porcate francesi di sicuro. ma anche giapponesi non si scherza. L'edicola ha tracimato schifezza almeno dalla fine degli anni Ottanta. Star Comics, Play Press e ora GP, poi non saprei, Ci sono stati dentro un po' tutti.
Ma Gcm ha visto giusto, siamo un popolo colonizzato e quello che sa di esotico ci piace. Così come ci piacevano i Borboni, per dire, che ci spennavano e dominavano.
E ora c'è chi li rimpiange!

Purtroppo non frequento da tempo la TV e non saprei quali cartoni animati vengano ora trasmessi, però, da ragazzina sono cresciuta a pane e TV e ricordo con molto piacere tutti i cartoni animati giapponesi. Riguardandoli dopo anni li trovo ancora belli, e soprattutto mi lascio ancora affascinare da quelle storie dai contenuti ambigui (che da piccola non coglievo) dallo stile dei disegni e da quei personaggi fantastici (come dimenticare Metel del Galaxy Express 999?).
Trovo un po' riduttivo parlare di stile "giapponistico", mischiarlo a quello coreano e fare di tutta l'erba un fascio... non sono un esperta di fumetto o di animazione "orientale" ma credo che ci siano in tutte le produzioni (europee, asiatiche, americane etc) buoni e cattivi prodotti che vanno distinti a prescindere dal gusto personale. A me, invece, non dispiacerebbe leggere qualche post in più sulla produzione orientale. Questione di gusti?

Per motivi generazionali non li ho mai amati molto ma giustamente bisogna sapere vedere il buono (e ce n'é anche nel giapponistico) dal cattivo. Purtroppo i Manga sono stati un affaren, al costo di una buona tavola "Bonelli" si acquistano le pellicole per un albo. Chi scrive ha prodotto centinaia di tavole di Manga (quando ancora nessuno sapeva che si chiamavano così) perché (incredibile a credersi) si diceva che i giapponesi non producessero fumetti. Parlare di quel periodo é argomento che riscuote sempre un buon successo in società (fumettara).

Molto interessante! Hai disegnato fumetti in finto stile giapponese o hai scritto delle storie? Sapevo che Candy Candy era scritta e disegnata in Italia (poi qualcuno l'aveva negato).
Come stanno le cose?
Io sono più giovane di Caterina a quanto pare, non ho vissuto quel periodo televisivo.

Carino il video sulla Siria.

Bene, il dibattito è aperto.
Mi sembra che la Candy Candy delle Edizioni Cenisio (?) o Fabbri (ecco, forse) fosse stata realizzata aggiustando traduzioni originali di fumetti già pubblicati all'estero, tipo in Francia. E che li spacciassero per essere disegnato in Italia, Invece, in Italia si disegnava l'Ape Maia, credo anche Mazinga Z.

All'anem'e chi t'amura!!


Suggerisco la lettura del commento del Gran Sceicco
del 29/AGO/2012 19:14:03, qui:


Caro Luca e amici,
è davvero troppo tempo che non m’immergo in questo bel bloggone e appena ci torno capisco perché “mi fischiavano gli orecchi”, come si dice dalle mie parti quando parlano di te!

E segue qua:
http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2012/08/qualcuno-conosce-guido-da-passano.html?cid=6a00d8341c684553ef01761780fbc0970c#comment-6a00d8341c684553ef01761780fbc0970c

Anto: con un gioco di parole ancor più sofisticato del tuo suggerisco:


L'ANIME KI T'AMURA!

Sembra un vaffanculo napoletano perfetto!
To devo spiegare io queste cose, che vengo dalla laguna...

Era il tempo del vino e delle rose, ho scritto, disegnato, letterato, e colorato la pricipessa zaffiro; bia; l'uomo tigre; quello della nave/sottomarino nello spazio con la benda sull'occhio; un'altro di robot che non ricordo e vari ed eventuali per chiudere buchi. Tutto mentre facevamo altri fumetti e con tempi e modi che oggi (i disegnatori si divertono meno) non sono nemmeno concepiti e senza aver mai visto un solo cartone perché la rai non forniva filmati (poi le cassette erano rarissime e i videoregistratori costosissimi) da vedere in anteprima. Offriteci una pizza (o brodino vista l'età) e raccontiamo.

Wow! che post e che commenti densi di contenuti e di significati.
Belli e brutti fumetti ce ne sono negli States, come in Francia, in Italia ed in Giappone, ovviamente. Qualche anno fa a Napoli Comicon c'era al Corea come paese ospite e vi assicuro che c'erano delle produzioni molto belle.
E' anche vero che negli anni '80 ce ne hanno proposti così tanti cartoni giapponesi, in Tv, che ci hanno saturato il cervello. Interessante, infine, quello che ha scritto gcm sulle attività passate di finto "mangaka!

Concordo con Mario: Una pizza e un brodino a gcm l'offro volentieri per sentire raccontare queste esperienze simil-nipponiche.
Invia direttamente nel blog le testimonianze e poi magari anche un po' di immagini...

a me invece succede una cosa buffa: da ragazzino detestavo in maniera assoluta i cartoni giapponesi, perché ero legato al gusto tradizionale dei classici Disney o Warner Bros. Ora che sono genitore e non riesco ad impedire ai miei bimbi l'overdose di TV, mi ritrovo a considerare più poetici, e più adatti a loro, certi prodotti di quell'epoca (almeno erano disegnati!), rispetto a molte porcherie animate al computer che propongono oggi...

Su Kitamura credo che i giornalisti stiano calcando la mano su un fatto inesistente. Spero di sapere cosa sia davvero successo in futuro.
La mia fiducia nei giornali è sottozero, giustamente Luca se la prendeva contro quel foglio schifoso, trasudante infamie, che si chiama "Libero" (a parte Nuzzi che è un'ottima firma del giornalismo italiano e mi domando cosa ci stia a fare in quel porcile), oggi ci sono le stronzate ricattatorie del settimanale meno venduto al mondo (ma più venduto a Silvio, che ne è proprietario). Il Colle al telefono secondo Panorama: “Insulti a B, Di Pietro e pm di Palermo”
Silvio B. è preoccupato per la sentenza Ruby, che speriamo lo getti nella polvere per sempre come merita da un quarto di secolo, e preme per le elezioni anticipate a novembre.
Vomito profondo.

E il settimanale di famiglia pubblica una "ricostruzione esclusiva" senza virgolettati delle intercettazioni tra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino. Per Ingroia "è un ricatto al Presidente della Repubblica".
Anche per me, è evidente, Non c'è bisogno di interpellare Ingroia.

Quel che comunemente si chiama “rincoglionire”
è un mistero buffo che mi frutterà premi a iosa
quando riuscirò a provare che l’Alzheimer
-così come la sindrome di Asperger-
non sono una malattia.
Naturalmente io rifiuterò i denari
(per coerenza),
tutte le Accademie mi saranno grate
e io le limerò, pazientemante, impegnandomi
ad evadere di prigione.
(Continua....)
FFFFFFFFFranciduk!
Solleva immediatamente le fauci
dal tuo pasto bestiale e spegni subito quel coso
davanti a cui il sangue del tuo stesso sangue langue
avvelenandosi a diventare vampiro!
Salvali dall’abbrutimento precoce,
son bambini!
E’ un reato offrire a minorenni attrezzi
e kit per murarsi in scatole infernali:
non la vedi questa?
Io ti denucio pubblicamente: sei un padre snaturato,
incapace di allevare prole!
Voglio un post su Manzi Alberto.
S’hanno a conoscere le torturose gimkane d’alfabetizzazione
dei semplicemente oranti.
Si, Hefrem Bis, s’hanno a sezionare le budella di Orzowei!
Bisogna vaticinare che piega pigliano tubini e pinocchietti italiani e 15 enni,
dopo la spaccata della barbieamare al Cremlino.

Invece dei bambini, meglio mangiare i manzi, Alberto, e per digerire (e andare ca'ghér) mi bevo un orzo (uèi)!
O mi leggo "Panorama", che fa anche più effetto, scritto dalla Famiglia dei Ricattatori.

scusa fascicolo: hai dei figli?

Mi sa che Fascicolo sia un po' scemino.

a 23 anni Michelangelo scolpisce la Pietà,
500 anni dopo un poraccio la prende a martellate;
alcune persone, forse serie, intavolano un ragionamento,
altri saltano sul tavolo urlando: cacca, cacca, cacca!

Fascicolo dice: merda, merda, merda?

il poetare di Fascicolo mi richiama alla mente l'uso della lingua italiana di un'altra mysteriosa persona che tempo fa frequentava il blog sotto altre sigle.
Mah??

Non se sia meglio che l'italiano ignori la Siria o si beva la quotiidiane dose di disinformazione dei soliti noti, quelli che hanno già deciso che Assad deve cadere. Gli stessi che quando il popolo vota come non va bene allora, sbraitano contro ll legittimo consenso democratico

Buonasera.
Hey, Tarkus,
interessanti le tue posizioni fuori dal coro, tu ne sai e noi siamo un po' ignoranti, quindi facci sapere qualcosa di più. Qui si legge tutto e il contrario di tutto, il frastornamento è generale e sentire più posizioni fa anche bene.
Io penso che non sia solo uno spreco di soldi, ma lo scrivo nell'altro post.

Sulle fonti inglesi e americane sono sicuramente d'accordo con te che siano inquinate, inquinatissime,
A volte provo uno spiazzamento desolante quando leggo notizie manifestamente pilotate (o che a me così appaiono).

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.