Successivo » « Precedente

GIUSEPPE CAPUANI, SCENEGGIATORE ROMANO

Sergio Rosi e Gi. Ca

Ormai parecchi mesi fa, Sandro Rosi, disegnatore e animatore, figlio di Sergio Rosi, ci ha comunicato un'informazione che potrebbe essere passata inosservata per chi non legge i commenti ai post.

Lulù e topi messicani

E' il nome dello sceneggiatore che molto spesso si firmava "Gi.Ca." negli albi a fumetti prodotti dallo Studio Rosi, un creativo dal talento surreale: questa sembra sempre più essere la cifra che accomuna gli autori umoristici italiani degli anni Cinquanta e Sessanta, spesso un po' oscurati da quel gigante dell'umorismo (anche) surreale che fu Benito Jacovitti.

Il nome di questo "sceneggiatore sconosciuto", come si legge già nel titolo del post, è è Giuseppe Capuani.

Così ce lo descrive Sandro Rosi:

Era mio zio, il fratello di mia madre Anna Maria Capuani. Anche mia madre ha lavorato con mio padre, si occupava della coloritura. A quei tempi si colorava facendo le selezioni fotografiche a mano... con quella puzzolente vernicetta marroncina (i meno giovani si ricorderanno sicuramente di questa tecnica).

Sergio Rosi autocaricat.

La tavola sopra, quindi, immortala Capuani dietro la scrivania, mentre raffigura (in autocaricatura) Sergio Rosi.
La tavola potrebbe essere stata colrata proprio dalla signora Anna Maria Capuani.

Sempre per chi non avesse letto dei post precedenti a questo su Rosi e il suo studio, riprendo un commento dello scorso anno inviato da Massimo Fecchi, assiduo frequentatore di Cartoonist Globale:

Oggi avevo appena disegnato un personaggio e ho rigirato la pagina per vedere in trasparenza il disegno al contrario alla ricerca di eventuali errori (un gesto che per me è diventato un'abitudine).
Allora ho ripensato a Sergio Rosi, che mi insegnò questa tecnica nel periodo che lavorai con lui alla fine degli anni Sessanta. Ho cercato in Internet sue notizie e ho visto che è morto da quasi tre anni...
Mi dispiace molto.

Massimo Fecchi

Pubblicità Bill Revolver

A queste parole così replica Sandro Rosi:

Grazie a tutti per le bellissime parole su mio padre Sergio. Un saluto particolare a Massimo Fecchi che è stato uno dei disegnatori più amato da mio padre... ne parlava spesso portandolo ad esempio come disegnatore ma anche come uomo.

Su Rosi e il suo studio abbiamo reperito in questi anni, con amici studiosi del settore alcune interessanti informazioni che poi non abbiamo ancora avuto modo di rendere pubbliche, anche se ci ripromettiamo da tempo di farlo.

Con l'occasione del messaggio di Massimo Fecchi, ripropongo, con qualche nuova immagine d'epoca, il post in questione, che risale all'ormai lontano 26 novembre 2008 e che sarà sicuramente sfuggito ai molti nuovi lettori di Cartoonist Globale.

Messalina

Negli anni Sessanta, Rosi collabora con una miriade di pubblicazioni, gestendo un ampio numero di collaboratori, crescendo nuove leve e fornendo occasioni a navigati professionisti.
Fra gli editori di questo periodo si ricordano i milanesi Fratelli Fabbri e la Universo con Intrepido e Il Monello.

Dei primissimi anni Sessanta (ma forse realizzata qualche anno prima) è la tavola con animali antropomorfi sotto, eseguita per lo Studio Rosi da Glauco Coretti, noto soprattutto come disegnatore (futuro) di Diabolik.

Coretti aveva tentato di realizzare una storia con il personaggio di Volpetto, già impostato ampiamente da Rosi, ma la differenza stilistica del risultato, alla consegna della storia, aveva suggerito di cambiare un po' di carte in tavola trasformando il personaggino corettiano in una sorta di clone dell'altro.

Glauco Coretti

Sotto, una tavola della fiaba rumena Marinza voce d'oro, sceneggiata in questo periodo, per i disegni di Rosi, da G. Scaramella.

Marinza

Ma i fumetti per ragazzi, e specialmente quelli per ragazzine come le fiabe di vari Paesi del mondo, rendono economicamente sino a un certo punto; così, alla fine del 1967, Rosi inizia una delle collaborazioni più significative: quella con le edizioni Erregi di Renzo Barbieri e Giorgio Cavedon, grazie alle quali Rosi si specializza nel campo del fumetto per adulti. Riprende il personaggio di Messalina affidandolo a “Nerone” (pseudonimo della coppia Gaspare De Fiore e Santo D’Amico) e, tra le altre testate horror o sexy segue Jacula, Lucrezia, Terror, Hessa, De Sade...

Hessa n. 2

Di fatto, in quel periodo, tutto il mercato dei disegnatori romani che lavorano per Barbieri e Cavedon passa per lo Studio Rosi, in seguito a un accordo di ferro tra il suo titolare e la coppa di editori milanesi.

Blog_lul A destra, una copertina dei suoi tanti albi, disegnati, ma soprattutto progettati da Rosi, quando anche non editati sotto varie forme e denominazioni: un numero speciale del gennaio 1961 La mia Lulù, tascabile per ragazzine.

I personaggi sono quelli della "banda" di Volpetto (del quale abbiamo parlato sopra e che è presente anche nel titolo), ispirati alle tavole di Uncle Remus con Brer Rabbit, tratte dai racconti antirazzisti e educational di J. Chandler Harris.

La casa editrice si chiamava S.E.I.C., per la quale Rosi firmava anche come direttore responsabile, oltre che come produttore dei vari contenuti del tascabile.
L'indirizzo della redazione era, come sempre (almeno in questo periodo), quello di casa sua.

Sotto, un tascabile francese, pubblicato a Toulouse dalle Editions de la S.E.P.: il n. 23, dell'aprile 1963, di Bambolina (il titolo suona stranamente come italiano), identico nella confezione agli albi romani della Editrice Flaminia. Non c'è da stupirsene, perché lo stampatore è lo stesso: i (leggendari) Fratelli Spada di Roma, con il packaging di Massimo Liorni.

Bambolina

Draculino

Sergio Rosi

La foto ritrae Sergio RosiStudio Rosi).

LINK CORRELATI

IL MISTERIOSO GIUSEPPE ORLIANI, O MEGLIO... NINO ORLICH!

FRANK IN PARLAMENTO (ovvero, gli esordi del grande Francesco Privitera)

IL "GRANDE WALTER" E LO JACOVITTI VERO E FALSO

WALTER FACCINI, LE CICCIONE VOLANTI E FELIX THE CAT di Eli McBett

WALTER FACCINI CREATORE DEL GATTO FELIX?

ALTO GRADIMENTO E TUTTE LE COVER DI WALTI

ALTRE COPERTINE RARE DI WALTER FACCINI

UN LIBRO RITROVATO DI WALTER FACCINI (WALTI)

ANCHE JACOVITTI ALLA FIERA DEL LIBRO!

JACOVITTI A CASTEL SANT'ELMO (NAPOLI)

SERGIO TULIPANO INTERVISTA CARTOONIST GLOBALE, SU JACOVITTI, GOTTFREDSON E SUPERGULP. CON UN CONGRUO BONUS SU DUBOUT

IL "MIO" JACOVITTI SU RAI TRE

LA FOTO DI GUIDO MONICI

GIANNI GIANESE, FUMETTISTA, SCULTORE, SCENOGRAFO

IVO PAVONE INTERVIENE


Commenti

Salve le scrivo su suggerimento del sig. Goria di AfNews, poichè cercavamo delle informazioni sulla rivista Zut, e su una news che le mise sul sito del Goria, qualche tempo fa. Potrebbe scrivermi dalla sua email personale, cosi le spiegherei il tutto via email. grazie e a presto

Belli i due topolini con Lulù, sono Ramirez e Gonzales, vero? Li aveva disegnati anche Frank su alboni orizzontali dalla copertina bianca sull'esempio del 2Topolino d'Oro".

Luca, te l'ho già detto... se non inizi seriamente a lavorare a quel £$%& di libro sui fumetti comici italiani non disneyani vengo a casa tua con Schwarzenegger, Stallone, Willis, Norris, Van Damme poi "decolliamo e nuclearizziamo!" (cit.)

Bellissimo questo post, Luca... anch'io attendo a questo punto l'uscita del tuo libro :) !!!

Ps: chi erano i componenti dello Studio Rosi?!?

Ciao a tutti,

come dicevo prima, questo post è temporaneo, e ricompare solo fra un po' di giorni, quando si suppone (dopo Ferragosto) possano leggerlo in più persone.


Tengo presente benissimo le richieste dello Spazientito...
Ma adesso ho una nuova valanga di cose da sbrigare, lavorative e non, dovrebbe arrivare un editore con un vitalizio di un anno circa affinché potessi/possa metter mano a tutti i dati accumulati e svolgere questo lavoro in tempi decenti.
Un po' la stessa cosa fatta da Holtz, che ha mollato gli ormeggi e si è fratificato per diversi mesi.

Per Annunziato: dallo Studio Rosi passa mezza Roma, accenno solo ad alcuni disegnatori attivi nel decennio Settanta come Sergio “Gino” Sorgini, Umberto Sammarini, Mario Rossi, i due Lombardi Lamberto e Leonardo (nessuna parentela fra loro), Nevio Zeccara, Giovanni Di Stefano (che per le copertine di Jolanda si alternava con un certo Proietti), Salvatore Stizza, Ilario Ranucci, Massimo Belardinelli, Giorgio Cambiotti, un certo Monferà, Santino D’Amico... In questi anni lo Studio Rosi raggiunge la bella cifra di ventiquattro collaboratori in contemporanea.

A Roma, la sua attività frenetica è ripartita in tre uffici: uno in via Laurentina, uno in via Leonori e un terzo in via Rava.


Ma direi che sia il caso riservare queste informazioni a un post più esauriente sull'argomento, con un po' di esempi grafici.

Ho appena letto un commento di un Disegnatore Artigiano nel post che riguarda il Pinocchio di Mattotti. Condivido, la vera forza è lavorare tutti i giorni tutto il giorno, gestire uno studio. Rosi ne è stato un esempio. Mattotti è un grande artista ma mi sento di dire che fa un mestiere diverso.

Buongiorno Luca,
domani é il 1 settembre, iniziano i lunghi mesi autunnali e invernali, così per non farci mancare le cose da fare metto lì (qui) due nomi di disegnatori a mio parere piuttosto bravi dei quali si sa molto (ma molto) poco.
Maurizio Santoro, firmato anche come Masan;
Giorgio Letteri.

Grazie... Infatti!
Fra quelli del passato c'è un certo (o una certa) "Adry", che avrà (avuto) la stessa età, circa, di Lina Buffolente o di Dario Guzzon, dato che alla Alpe era attivo circa in quegli stessi anni, su "Gaie Fantasie" e così via.
Stiamo sfogliando quei vecchi albi anche perché (diciamolo...) c'è chi sta preparando un'iniziativa su Tiramolla, che compie il suo sessantennale adesso, e che sarà celebrato (spero) come si deve.
Sicuramente con una bella, bellissima pubblicazione (prefatta da Alfredo Castelli).
Altro non sono autorizzato a spifferare.

In realtà non avrei dovuto dire nemmeno questo, tut, tut...

Il tuo Adry sembra incrociare la pista con una mia ricerca forse potrebbe non essere così misterioso.
Hai una immagine da mandarmi?

Ohilà!


Riguardo ai due autori citati da gcd, Giorgio Letteri (assai più bravo del più noto fratello Guglielmo) ho avuto la fortuna di intervistarlo anni fa... E credo e spero che sia ancora tra noi (è nato nel 1921). Purtroppo ha lavorato pochissimo per l'Italia, ma moltissimo per la Gran Bretagna e anche - così mi ha detto lui - per gli USA, dove ha "sfiorato" anche Stan Lee e la Marvel. In ogni caso, il suo profilino è compreso nell'inserto "Fish and Chips all'italiana" che ho fatto per "Fumetto" n. 72 (dicembre 2009).


Riguardo a Maurizio Santoro, invece, mi duole dire che si è tolto la vita nel 2010, all'età di 70 anni. Ho stilato anche una sua scheda per il "Fish and Chips all'italiana" apparso su "Fumetto" n. 75 (ottobre 2010).


Di Sergio Rosi, infine, volevo ricordare che oltre a disegnare fior di fumetti partecipò a progetti di animazione come il lungometraggio del 1953 Le Avventure di Rompicollo, alias Dan e Pamela della Fax Film (che, a dire il vero, non sono sicuro sia stato mai distribuito... Luca?). A quel progetto contribuirono pure - tra gli altri - Enzo Carretti, Carlo Cattaneo, Glauco Coretti, Ninì Gromo, Raniero Marazzi, Sergio Minuti, Carlo Peroni, Ermanno Prastaro, Giuseppe Raccuglia e Niso "Kremos" Ramponi.


Salutoni,
Beka

Il post è interessante, ed il disegnatore poco conosciuto ai più.

Segnalo, restando in tema, che domani 1 Settembre si inaugura una mostra a Messina dedicata al Fumetto Italiano degli anni'70, presso (Associazione Culturale Orientale Sicula), via Mario Giurba, 27 La mostra resta aperta fino al 12 Settembre...
ecco il link su FB con la locandina : https://www.facebook.com/events/425600277486418/

In bocca al lupo, Mario, buona mostra! Mi piacerebbe essere da voi al caldo. Qui la brezza soffia.

Ottimo recupero di post... Grazie per le informazioni preziosissime sullo Studio Rosi, Luca!

Grazie a tutti, e a Beka per le informazioni sull'animazione (ho un post anche specificamente su questo, ma... non si puo' mettere tutto, il tempo dedicato a qusto blog è sempre comunque troooppooo).


Nemmeno io ho traccia de "Le avventure di Rompicollo", viene il dubbio che non sia nemmeno stato completato, ma probabilmente il figlio di Sergio, Sandro Rosi, appunto, che si occupa di animazione, potrebbe informarci meglio su questo punto.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.