Successivo » « Precedente

CIP E LA GAZZA, di Antonio Cadoni

Cip e la gazza001

Antonio Cadoni ci ha appena spedito, per condividerla con i lettori di questo blog, la copertina originale di Cip e la gazza, albo del quale si parla ampiamente, insieme ad altri temi intrecciati, nei commenti di questo post.

Cerchio giallo

Interessantissimo poter ammirare la colorazione, avvenuta sul retro della tavola. Colori eseguiti evidentemente ad acquerello, in altri casi con tempera diluita, non essendo ancora stati messi in commecio dalla società Talens gli "acquerelli liquidi" della linea Ecoline.

Cip e la gazza002

Con un doppio, sentito e vibrante CLICK sulle immagini, si ingrandiscono e acquistano visibilità i singoli dettagli.

Riporto il commento di Cadoni inserito in coda al post precedente:

Sinceramente non sarei così categorico nel sostenere che le copertine dei due albi CIP E LA GAZZA (seconda edizione Albo di Pippo n. 19 - 25 dicembre 1949) e ORESTE IL GUASTAFESTE (Albo di Pippo n. 20 - 9 aprile 1950) non siano state disegnate da Jacovitti, e non vedo il motivo per cui fossero state affidate ad altri.

In quel periodo Jacovitti era "di casa" nella redazione del Vitt. Terminate le sacrosante otto ore di lavoro dell' "impiegato di me stesso" che si definiva, mollava tutto e si concedeva qualche ora di svago.
Spessissimo si recava nella redazione di Via della Conciliazione, dove tra una chiacchierata e l'altra faceva qualche scherzo agli amici, si divertiva a fare le loro caricature e, se non aveva altro fda fare, schizzava a china decine di disegnini che a fine serata Piercostante Righini raccoglieva accuratamente ed usava come riempitivi nelle varie pubblicazioni dell'Azione Cattolica.

Ma voglio mettere in evidenza un particolare. Dei 21 albi della collana "Albi di Pippo" ben 19 sono di Jacovitti, uno di Luigi Roveri e l'ultimo (n. 21 - GIRAFFONE MANGIA LA FOGLIA) di Sebastiano Craveri.

Roveri

Giraffone

Ebbene, per aprontare quest'ultimo albo la redazione chiese a Craveri il disegno per la copertina, ma il tempo stringeva ed il disegno non arrivava.

Per guadagnar tempo Righini chiese a Jacovitti di disegnare lui la copertina anche per l'albo craveriano. (Quando poi arrivò il disegno di Craveri l'albo era già in fase di stampa, per cui non fu utilizzato.

Di queste cose ho parlato ampiamente sul n. 6 - ottobre 2007 - di VITT&Dintorni).

Ora mi chiedo: possibile che, se fu fatta disegnare da Jac la copertina per l'albo di Craveri, fossero poi affidate ad altri le copertina dei suoi albi?

Non vedo poi segni significativi che possano far pensare che le due copertine non siano opera del Nostro. Forse perché non sono talmente elaborate, come tante altre, smentendo il suo proverbiale horror vacui? Non credo sia un motivo sufficiente.

A Mattia, che sostiene che la figura di CIP contenuta nella copertina dell'Albo di Pippo è la stessa dell'edizione prededente (Albo del Cerchio Giallo n. 4 - aprile 1947)ribaltata specularmente, voglio fa notare che è stato tratto in inganno dal fondo blu scuro della prima edizione. Se si fa un confronto con il disegno originale in b/n, si vede benissimo che per l'edizione successiva è stato disegnato ex-novo.

Se poi Jacovitti per fare la seconda copertina si sia ispirato alla prima, non possiamo certo fargliene una colpa.

Oreste

UPDATED

All'imbrunire della domenica, Cadono ci invia un'altra rarità: la copertina originale/inedita per "GIRAFFONE MANGIA LA FOGLIA" predisposta da Craveri, che finora solo i pochi soci dall'Associazione Amici del Vittorioso hanno visto su VITT&Dintorni.

Craveri001


Sopra, due versioni di un brano dell'epoca interpretato da Melody Gardot, fattami conoscere da Rosita Bellucci: Somewhere Over The Rainbow.

ALCUNI LINK CORRELATI

IL "GRANDE WALTER" E LO JACOVITTI VERO E FALSO

WALTER FACCINI, LE CICCIONE VOLANTI E FELIX THE CAT di Eli McBett

WALTER FACCINI CREATORE DEL GATTO FELIX?

ALTO GRADIMENTO E TUTTE LE COVER DI WALTI

ALTRE COPERTINE RARE DI WALTER FACCINI

UN LIBRO RITROVATO DI WALTER FACCINI (WALTI)

ANCHE JACOVITTI ALLA FIERA DEL LIBRO!

JACOVITTI A CASTEL SANT'ELMO (NAPOLI)

SERGIO TULIPANO INTERVISTA CARTOONIST GLOBALE, SU JACOVITTI, GOTTFREDSON E SUPERGULP. CON UN CONGRUO BONUS SU DUBOUT

IL "MIO" JACOVITTI SU RAI TRE

Commenti

Sempre studi storici, in questo blog, sono i più interessanti. A scrivere recensioni di manga usciti son buoni tutti.
La copertina di Roveri non mi piace affatto, mi ricorda qualche orrendo quaderno di scuola acquarellato.

Incredibile che quel Giraffone sia di Jacovitti!
Me ne intendo il giusto, ma...

concordo con precisetti, davvero godibili le osservazioni, anche per un non sfegatato di jacovitti come me... peccato, che non si parli più spesso anche di Craveri.

Mordente. Se entri nel sito facebook di Craveri, gestito da Mario Carlini, troverai sempre delle novità.
Sei mordente nel senso di mordace??

No, è MICHELE Mordente (proprio il suo cognome), appassionato di tamburini, Paz, Frigidaire...

Gran bel post ed immagini favolose, oltre che quest'ultime hanno una valenza storica impressionante.

Michele Mordente è in parte accontentato per via direttissima da Antonio Cadoni, con l'aggiunta di una copertina inedita di Craveri, appena aggiunta nel post.

Stupendo l'inedito di Craveri!!

Bene, cose italiane, della nosytra italianità. Il Fumetto Italiano è il migliore, quello che più ci appartiene, quello con cui siamo cresciuti. Cosa significano questi "manghi" giapponesi e queste ragazzine scollacciate tipo Winx?
Sono depravazioni del nostro sano Fumetto.
UGH, ho detto!

Italo: beh, non esageriamo.
Più il contesto è allargato e maggiore è la comprensione del testo.
Oso dire che per capire nella loro complessità Craveri, Jacovitti e il loro tempo, sia necessaria la conoscenza dei coevi fumetti non italici.
Anche se io, lo confesso ,sono un fanatico dell'italico fumetto. Manga, manghi e mangrovie: non dimentichiamoci del grande Osamu Tezuca e del suo Astro Boy, contemporaneo ai capolavori di Craveri e Jacovitti dell'immediato dopoguerra.
Allarghiamo la nostra mente!!!!

mordente che saltabecca dai "cannibali" (Tamb, Paz & Co) a Sebastiano Craveri?! parrebbe proprio di sì... grazie tomaso per la segnalazione del FB craveriano... ed hai perfettamente ragione: enlarge your mind! ma con tezuka è facile :-) (a prop. io amo il tezuka di dottor blackjack)

Che vi devo dire? Ci sono disegnatori che lavorano oggi, sono osannati come Gipi o Costantini e mi fanno letteralmente cagare, anche se magari apprezzo quel che vorrebbero comunicare. Invece Jacovitti mi fa ridere anche se riconosco il suo stile un po' antico, visto oggi.
Giorni fa ho letto una polemica su Dylan Dog e sono d'accordo con Max che "gliele tirava secche". Spero che ci sia diritto di parola, vero? Non voglio offendere nessuno ma questa è la mia opinione.

Belli questi misteri jacovitteschi di fine estate, Luca!
Keep Up The Good Work!

ringrazio il sig. Cadoni per il fronte-retro di cip e la gazza,albo dei 4 cerchi, che è inequivocabilmente di jacovitti, come indubbiamente lo è anche la copertina di Oreste,albo di pippo n. 20.
per quanto riguarda invece la copertina dell'albo di pippo n.19 (che non è visionabile nell'articolo)con la ristampa di pippo e la gazza, NON è di jacovitti e si vede bene che non lo è.
per quanto riguarda l'albo di pippo n. 21 posso solo dire che la copertina non sarà di Craveri, ma per dire che è di jacovitti, bisogna proprio averlo visto mentre la faceva.
anche se voleva disegnarla con uno stile pseudocraveriano, ma almeno le stelle come faceva a disegnarle così...

Caro Maurizio, mio quasi omonimo...
Sei davvero competente, per questo mi stavo domandando chi fossi... Sei una persona del settore? Un collezionista di Jacovitti e Craveri? Il tuo commento, pur sintetico, l'ho gradito molto. E sono sempre più stupito di quanti esperti e conoscitori di fumetti transitino per questo blog impagabile. Dovrebbero sovvenzionarlo statalmente per il servizio alla Cultura che rende.
Anch'io sono perplesso sulla copertina di Giraffone. Non riesco davvero a vederci la mano di Jacovitti. Il Sig. Cadoni e il Sig. Tomaso come fanno ad affermare con certezza che sia lui ad averla realizzata?

Maurice: la copertina dell'albo "Giraffone mangia la foglia" fu realizzata prendendo a modello l'ultima vignetta dell'ultima puntata della storia omonima, che apparve su "Il Vittorioso" n°50 del 16 Dicemmbre 1939.
Piercostante Righini disse di aver incaricato Jacovitti di disegnare tale copertina, perché dubitarne??
Lo stile non assomiglia a quello di Jacovitti?? beh, evidentemente il Nostro nel prendere a modello la già citata ultima vignetta, cercò di disegnare in stile craveriano, alterando le sue inconfondibili caratteristiche.
Ne usci una copertina in un certo senso lontana sia dal segno craveriano che da quello jacovittesco.
Son cose che capitano.
Poi se c'é qualcuno che sa per certo che a disegnare la copertina qui in oggetto di disamina fu un'altra persona, beh, auspico che dica la sua.

Grazie, Tomaso! Se lo dice Piercostante Righini non ho motivo per dubitarne. Non sapevo che vi fosse una fonte autorevole a sostenerlo.
Tutto davvero sorprendente e interessantissimo.

Maurice: io nel 1950 avevo 12 anni e leggevo fumetti, mi piaceva moltissimo Jacovitti ,quindi acquistavo il Vittorioso; non gli albi relativi perché costavano troppo, soldi non ne circolavano, si tirava la cinghia.
Quindi non ebbi fra le mani "Giraffone mangia la foglia", e nemmeno ce l'ho ora.
Non sapevo nulla nemmeno di Piercostanre Righini e neppure di Domenico Volpi che allora era il red cap de "Il Vittorioso", e che potrebbe ricordarsi qualcosa della faccenda della copertina attribuita a Jac.
La notizia uscì sul n° 6 di "Vitt&Dintorni" del 2007, nell'ambito di un articolo scritto da Antonio Cadoni. Queste le mie fonti.


Solo 12 anni? Credevo fossi eterno, e l'eternità non scandisce numeri di anni, corre come un flusso...
Buongiorno a tutti, saluti a Tomaso e a Maurice, La Venexiana, tutti gli amici che non leggo e non frequento da tempo.
Ora torno al lavoro, perché mi conytrollano. E' il primo giorno ed è uno schifo.

Forse chi, tanti anni fa, mi raccontò queste cose (persona altamente affidabile che purtroppo non c'è più) non avrà visto Jacovitti disegnare la copertina per la storia di Craveri. E' indubbio però che era presente in redazione quando fu chiesto ad Jacovitti di disegnare quella copertina, era presente quando Jac consegnò il suo disegno originale, seguì la stampa dell'albo e, a lavoro ultimato, conservò personalmente la tavola originale convinto che si trattava di un documento eccezionale.
Non era la prima volta che Jacovitti si divertiva a disegnare i personaggi craveriani. E quando quelli dell'ANAF nel 1973 gli chiesero di disegnare la copertina per un albo che raccoglieva cinque storie brevi di Craveri, lo fece di buon grado (spero che Luca possa inserirla, a vantaggio di chi non la conosce).
Non capisco poi come si possa sostenere con assoluta certezza che quelle copertine non sono opera di Jacovitti. Perché l'orecchio di Cip è troppo piccolo, come sostiene Silvano C.? Ma Jac ha sempre detto d'aver sempre disegnato direttamente in china, senza ripensamenti, e anche se un naso veniva troppo lungo o un braccio più corto dell'altro non importava, tanto si trattava di un disegno umoristico che doveva solo far ridere. Anzi, più era assurdo e più faceva ridere.
Ringrazio quanti sono intervenuti esprimendo le loro opinioni, in quanto ogni discussione è sempre positiva.

sicuramente é più fondata l'opinione sull'orecchio di Cip, ma io ho anche l'impressione che nella copertina apocrifa Cip sia meno espressivo, meno vivo. Jacovitti dava sempre vita ai suoi disegni, non saprei spiegare come, mentre in quella copertina Cip sembra privo di vita. Ma questa è solo la mia impressione di dilettante, o meglio amatore, jacovittofilo

rispondo al sig. Cadoni e agli altri amici di Jacovitti.

Se questa persona era presente quando jacovitti consegnò la tavola (stiamo parlando della copertina del n.21 della serie di pippo) devo per forza credere che l'abbia effettivamente fatta jacovitti, anche se da qualunque particolare del disegno per me sarebbe impossibile attribuirla a lui.

per quanto riguarda invece la copertina dell'albo di pippo 19 cip e la gazza ribadisco il fatto che NON sia di jac, non tanto per i particolari, è tutto il disegno che per quanto possa assomigliare allo stile di jac ci assomiglia solo. Poi se volete guardare i particolari quel tratteggio arricciato sotto la casa, mi sembra una cosa che con jac c'entra poco.
e infine la firma se quella è di jac io sono mandrago (per stare in tema) basta solo confrontarla con quelle delle altre copertine della serie di pippo.
Quindi non so chi possa averla fatto ma per me non è di jac.
rimango in attesa di una vostra replica

Maurizio: si, anch'io credo che la copertina di Cip sia opera di una mano non jacovittesca.Rimane però solo una opinione, legata al fatto che la mia percezione visiva del disegno questo mi fa in tendere.
Ma poiché la percezione visiva è un fenomeno estremamente dinamico e assai differenziato da persona a persona, bisogna accettare il fatto che una o più persone percipiscano quella copertina come opera di jacovitti.
La copertina ovviamente è sempre la stessa, ma ogni persona la vede a modo suo.
Faccio un esempio paradossale e un poco fuori tema: di fronte al celebre dipinto della Gioconda leonardesca c'è chi sviene dall'emozione e chi sbadiglia con indifferenza.
Una mia amica effettivamente perse i sensi travolta dall'emozione, io non sbadigliai ma rimasi abbastanza freddo.
Come mai se il dipinto osservato era lo stesso???
Quindi che pensare???

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.