Successivo » « Precedente

HUMOUR

Ingroia blog

“Sono diventato un bersaglio”: queste le parole di Antonio Ingroia, procuratore aggiunto di Palermo, pronunciate nell’annunciare il suo trasferimento in Guatemala.

Un nuovo incarico, a partire da settembre, così commentato dal ministro della Giustizia Paola Severino: “Quel magistrato era venuto a parlarmi da tempo di questo suo desiderio importante, ben prima che questo caso (l’inchiesta palermitana sulla trattativa Stato-mafia, ndr) manifestasse la sua potenzialità esplosiva”.
La parte sottolineata deve forse intendersi con un doppio significato?


Intanto, l'ex ministro Fabrizio Cicchitto, tessera 2232 della P2, spiega che "Nessuno può paragonare Borsellino a Ingroia sul terreno della lotta alla mafia. E infatti si è visto quello che è successo a Borsellino".

Commenti

Bellissima. Condivido. E' come per i sacerdoti che vanno allontanati quando sono andati con una donna o con un bambino. Si mandano lontani.
O quelli fastidisoi si promuovono per toglierseli dalle palle.
"Promoveatur ut moveatur", si dice così?

La tua illustrazione mi ha fatto sorridere, carissimo Luca, grazie. Anche se c'è poco da ridere.
buona estate.
O.T. : cosa bolle in pentola a barcellona pozzo di gotto? a settembre ne saprai e saprete di più e ne vedrai delle belle.

Effettivamente, c'è molto poco da ridere, Mario!
Grazie a te, che scrivi sempre (a differenza del sottoscritto) e fai sentire la tua presenza, sicuramente gradita anche a tutti gli altri frequentatori del blog, che immagino in agosto sdraiati in riva al mare (anche se so per certo che quest'anno qualcuno fa fatica a tenere insieme il pranzo con la cena, come direbbe De Amicis).
Buona estate anche a te e signora, terremo il fiato sospeso fino a settembre (come sempre, anche quest'anno il blog non va in vacanza e garantisce almeno un nuovo post al giorno)...

LOLA AIRAGHI A CREMONA BOOKS INTERVISTATA DA FABIO CANESI

Intervista a Lola Airaghi, nota e apprezzata autrice della Sergio Bonelli Editore, collaboratrice di Brendon, Dylan Dog e Legs.

Oggi 26 luglio 2012, alle 21.30
Libreria Cremonabooks - Largo Boccaccino (Cremona)
Appuntamento conclusivo del ciclo di incontri in occasione dell'edizione dei "Giovedì d'EstaRte"

Troppo gentile Luca.
Comunque se vuoi venire in Sicilia per qualche giorno in Agosto, sarai un ospite graditissimo.
Noi saremo in "ferie", cioè non lavoriamo, tra l'11 ed il 25. E poi si lavorerà a tanti progetti, di cui solo qualcuno remunerativo. :-)

Scusatemi, ma il dr. Ingroia ha chiesto lui di andare in Guatemala, quindi mi sembra giornalisticamente scorretto vedere nella vicenda una sorta di trasferimento punitivo. Per costituzione, i magistrati sono inamovibili.
Che poi il Nostro si sia deciso a chiedere l'incarico per uno scoramento dovuto anche alle polemiche che lo hanno riguardato, mi sembra anche probabile. Ma questo non sposta i termini della questione.
PS A quando uno scritto specifico su "magistratura & fumetto"?

Francesco, ti risponde oggi il pentito Mutolo:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/29/trattativa-parla-pentito-mutolo-stato-e-mafia-da-sempre-a-braccetto/309643/


Adesso a Ingroia lo mandano in Guatemala: lui dice che ha accettato e ci vuole andare. Ma secondo me lui sa che è meglio così, perché ormai è un grande conoscitore della mafia: che deve fare, deve diventare un altro Borsellino o un altro Falcone?

Speriamo che le cose cambino, anche se finché ci sono uomini come Dell’Utri e Mannino (assolto per concorso esterno, di nuovo indagato per trattativa) a decidere le cose politiche, non ci sono speranze.

La Sicilia è bella, io sono sicuro che mi farò uccidere là, ci voglio tornare.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.