Successivo » « Precedente

I MATTONI PER LA RICOSTRUZIONE, DA MODENA (updated)

Tutto il gruppo

Pirandello-12-hp

Oggi che Google festeggia Luigi Pirandello, con un bel lenzuolo-stendardo pittato da Massimo Bonfatti, mostriamo una volta ancora il gruppo di lavoro che nello scorso week-end si è dato da fare, a Modena, per l'evento Don Camillo e Peppone per la ricostruzione - 100 fumettisti per 100 mattoni Solidarietà per oggi, domani e dopodomani.

In sintesi estrema, l’evento del Bonvi Parken di Modena ha avuto luogo con successo: trentacinque i mattoni venduti (trentaquattro a 50 euro, uno a 60), più tre tavole originali (una a duecento euro, due a cinquanta) per un totale di 2.060,00 euro raccolti.

Supergulp presenta

Per quanto riguarda la scelta di come e dove devolvere la cifra incassata, la valutazione è stata quella di poter dare una mano nell’immediato, ma di tenere anche presente un discorso di prospettiva, per evitare il rischio che, passata l’ondata emotiva, ci si dimentichi di chi avrà ancora bisogno.

L’incasso verrà quindi suddiviso in due parti e così gestito:

1.030,00 euro saranno utilizzati per acquistare beni di prima necessità che verranno portati direttamente a chi ne ha bisogno, seguendo le indicazioni riportare in questa pagina, che vi invitiamo tra l’altro a tenere d’occhio se avete intenzione di fare ulteriore beneficenza in autonomia: http://terremoto.volontariamo.com/richieste-e-beni (è indicato, con costanti aggiornamenti, cosa occorre e dove lo si può consegnare)

Appena effettuato l’acquisto, troverete scansione dello scontrino e foto della consegna sul sito di ComixComunity

1.030,00 euro (e questa è la parte più di prospettiva) verranno devoluti al comitato “Abitare in pace” (http://www.abitareinpace.org/), di cui è promotore e responsabile Tiziano Neri.

MATTONCELLI

ll patrimonio raccolto verrà devoluto, allo scioglimento del comitato, alle famiglie di Cavezzo, che hanno subito la perdita totale, o parziale, della propria abitazione e del suo contenuto in occasione del sisma del 20 maggio e del 29 maggio 2012, privilegiando coloro che hanno subito la perdita totale.

Il comitato ha un conto visibile on line (IBAN IT 10 C 02008 12931 000102113057), conto rispetto a cui il responsabile, per trasparenza, non ha la possibilità di effettuare operazione se non alla chiusura del comitato stesso, quindi quando i denari raccolti verranno versati, con dettagli on line su come verranno spesi i soldi.

Ulteriori informazioni sulle possibilità di contribuire direttamente a iniziative di solidarietà le trovate qui: http://terremoto.volontariamo.com/

Peppone e don camillo orizz

Qui l’elenco di tutti i campi autogestiti:

http://www.terremotoemilia.com/home.php

Ad ogni modo, l’iniziativa “Don Camillo e Peppone per la ricostruzione – 100 fumettisti per 100 fumetti” non si ferma qui. Sono in preparazione nuovi eventi di raccolta fondi attraverso la vendita di mattoni e tavole originali, di cui vi comunicheremo i dettagli di volta in volta.
Seguiteci quindi online sul nostro sito e su Facebook, dove troverete tutte le nuove iniziative. E quando (quanto prima, immaginiamo) supereremo la cifra di 100 fumettisti, non stupitevi se non troverete più il sottotitolo "100 fumettisti per 100 fumetti". Ci auguriamo di doverla modificare in fretta, quindi!

Il primo evento a cui ComixComunity parteciperà e in cui sarà possibile acquistare i mattoni è il Krakatoa’s Kings of ComixII Ediscion, domenica 1° luglio, dalle 15.30 alle 21.00, presso la Casa nel Parco, Largo Bezzi 4, Sassuolo (MO), partia di Caterina Caselli.

Queste comunicazioni, per le quali Cartoonist Globale ringrazia Claudio Sacchi e Gianpaolo Bombara, sono diramate nell'universo da Davide Barzi (per ComixComunity). Grazie anche a lui, sa va sàns dìr.

http://davidebarzi.blogspot.com/

http://associazionecomixcomunity.blogspot.com/

_DSC2888 (Large)

© per le foto: Roberta Lodi Rizzini.
E per la musica (sotto), un magnifico video di Y’Akotohört sich fast japanisch an, ist aber deutsch-afrikanisch und einfach die Abkürzung ihres richtigen Namens: Jennifer Yaa Akoto Kieck. Geboren wurde sie in Hamburg, aufgewachsen ist die 23-jährige Soul-Sängerin in Ghana mit Zwischenstopps in Kamerun, Togo und dem Tschad. Ihr ghanaischer Vater ist ein bekannter Musiker und sie selbst sang schon mit 13 Jahren in einer Band.

Y´Akoto ist Nomadin und ihre Rastlosigkeit ist ihre größte Antriebskraft und Inspirationsquelle. Sie erzählt Geschichten mit ihren Songs, die sie allesamt selbst schreibt und komponiert. Das Debütalbum „Babyblues“ ist vor allem Folk-Music, Y’Akoto nennt es auch gerne „Soul-Seeking-Music“.

_DSC3090 (Large)

Commenti

Voi siete molto bravi.
In altri post rispondo a Giovanni Bosticco e pubblico cose "leggere".
Ora mi sento di ringraziarvi e di mettere a confronto con voi, bravi e aitanti disegnatori di mattoni, un'altra classe di persone alle quali titreri volentieri un mattone.

Il Wall Street Journal, gente di Cartoonist Globale, autorevole giornale americano, l'aveva accusata di aver partorito una riforma del lavoro inconcludente, capace solo «di svuotare il lago di Como con il mestolo e cannuccia».


La ministra Elsa Fornero, non ci sta o non capisce.

E proprio con una lunga intervista pubblicata dallo stesso WSJ replica alle accuse.

«La riforma del mercato del lavoro del governo Monti non è perfetta ma è una buona riforma, soprattutto per coloro che stanno entrando nel mercato del lavoro, ma è anche una scommessa sul fatto che gli italiani cambino le loro abitudini in molti modi».


Ma la frase che fa il giro del web è un'altra.

Secondo la Fornero «l'attitudine della gente deve cambiare. Il lavoro non è un diritto, va guadagnato, anche con il sacrificio».
L'animaccia sua!

Signori, una curiosa teoria economica è stata annunciata negli Stati Uniti. L'ideatore si chiama Marc Faber. E' un analista in borsa e uomo d'affari e un imprenditore di successo.

Nel giugno 2008, quando l'amministrazione Bush ha studiato un progetto per aiutare a rilanciare l'economia americana, Marc Faber ha scritto nel suo bollettino mensile un commento con molto umorismo:


"Il governo federale sta valutando di dare a ciascuno di noi una somma di 600 $. Miei cari connanzionali americani: se noi spendiamo quei soldi al Walt-Mart, il denaro va in Cina; se noi spendiamo i soldi per la benzina, va agli arabi; se acquistiamo un computer, il denaro va in India; se acquistiamo frutta, i soldi vanno in Messico, Honduras e Guatemala; se compriamo una buona macchina, i soldi andranno a finire in Germania o in Giappone; se compriamo regalini, vanno a Taiwan, e nessun centesimo di questo denaro aiuterà l'economia americana. L'unico modo per mantenere quel denaro negli Stati Uniti è di spenderlo con puttane o birra, già che sono gli unici due beni che producono ancora qui. Io sto già facendo la mia parte ........"

Risposta di un economista italiano, anche lui di buon umore:

“Carissimo Marc, la situazione degli americani diventa realmente sempre peggiore. Inoltre mi dispiace informarla che la fabbrica di birra Budweiser recentemente è stata acquistata dalla multinazionale brasiliana AmBev. Pertanto Vi restano solo le puttane. Ora, se queste (le puttane) decidessero di inviare i loro guadagni ai propri figli, questi soldi arriverebbero direttamente qui a Roma, al CONGRESSO DEI DEPUTATI ITALIANI, poichè qui esiste una delle maggiori concentrazioni di xxx del mondo."

Ho messo un po' di "xxx", capite bene...
Ma in originale non c'erano.
Ora, lo dico anche perché per le zone terremotae non sono stati stanziati i fondi come si sarebbe dovuto e si è cercato di minimizzare l'accaduto...
Per non spendere!

Il tutto si commenta da solo.

Magnifico video, complimenti per queste perle.
Al di là dell'iniziativa che merita tutto il nostro plauso. Bravi i boys che l'hanno intrapresa.

Marrazzo sta raccontando a Rai News 24 quello che è accaduto nells ua storiaccia a "Un giorno da pecora". E' interessante. Bruno Vespa ha fatto anche i plastici.
Viva Marrazzo, vittima di un ricatto di corpi dello Stato loschissimi e di una parte politica precisa. Scusate l'OT.
L'OT sull'AUTing.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.