Successivo » « Precedente

CLET QUI, A LITTLE ROCK

2011-06-08 09.32.29

Dalla mia città, dove vivo e risiedo e talvolta voto, Little Rock, nell'Arkansas, nottetempo è passato Clet Abrhams a depositare i suoi regalini.

Come lei m'insegna, caro leggente, costui è un artista bretone che da quasi vent’anni vive a Firenze, ma poi va qua, va là, torna su, gira in giù.

Incisione-la-pieta-1

Uomo che tira biancata

Su internet è noto per queste sue particolari interpretazioni dei cartelli stradali con i quali sta conquistando una discreta popolarità anche offline.
Dopo un po' li staccano e li sostituiscono. Cletus va nel deposito rottami e se li acquista, poi fa delle mostre personali dove interviene per firmarli.
E la gente glieli compra per arredare casa a non meno di 120 euri ciascheduno.

Lena molto altajpg

Ciò che distingue Clet dagli altri writers e artisti di strada è la tecnica che usa per le sue opere: anziché bomboletta e vernice usa adesivi da incollare ai cartelli.
Applicazioni che forse sono facilmente staccabili e molto meno invasivi rispetto ai colorati murales di qualche suo collega.

Cacciata

La cacciata di Adamo ed Eva è ganzissima.

In mostra

Nel blu, aveva già notato Daphne, deve averci messo un po' di ritocco con l'UniPosca...

Cristo-palazzo-vecchio

Quella sopra, invece, un artista della foto la scattò a Fiorenza.

Book, Huckleberry Hound

Clet ha cominciato così, da bambino, facendo dei freghi sul Little Golden Book di Braccobaldo che trafficava con i cartelli ammonitori.

Commenti

Salve a tutti, sono novizio.
Seguo sempre i commenti di Crepascolo e di Cesare Milella, che mi sembrano i più interessanti. E ho un po' di nostalgia di Nestore del Bocio, che scriveva in modo fluviale mesi fa e poi è sparito nel nulla.
Non ho ancora commentato, ma lo farò presto.
In effetti i commenti ora scarseggiano, come ogni anno alla fine della scuola. La gente ha poca voglia di stare al compu, con 'sto caldo. E tutti sono presi da fb, Twitter... Ma questi cartelli mi piacciono. Mi sa che questo Clet è iun po' un filone se se li fa davvero dare comprandoli a prezzi di realizzo per venderli. Alla faccia della street art alternativa!

Mancano 10 giorni al 6 luglio 2012 data ultima per inviare l’opera a fumetti al concorso Diversi e Uguali e candicarsi a vincere corsi della Scuola Internazionale di Comics, tavolette grafiche e ingressi per il prossimo Napoli COMICON.

Una commissione di esperti valuterà infatti i racconti a fumetti che per originalità dell’opera, contenuto del messaggio proposto e attinenza alla tematica del concorso (il concetto di diversità o di uguaglianza in una società multiculturale) andranno a comporre la mostra che sarà inaugurata a Fano durante "Disegni Diversi. Festival del fumetto che vive il quotidiano", e chi si aggiudicherà i premi.

Il miglior lavoro della sezione Giovani Fumettisti sarà premiato con l'iscrizione gratuita per un anno al corso di Fumetto o, a scelta, di Illustrazione o di Grafica, in una delle otto sedi della Scuola Internazionale di Comics, mentre il vincitore della categoria Profesionisti riceverà la tavoletta grafica professionale ArtMaster III Large di Hanvon, messa in palio da Graphiland. Saranno inoltre assegnati premi speciali messi a disposizione da Wacom e Napoli COMICON, e cioè una tavoletta Bamboo Fun S Pen & Touch e alcuni biglietti gratuiti per la quindicesima edizione del Salone Internazionale del Fumetto, che si svolgerà dal 25 aprile 2013 negli spazi della Mostra d'Oltremare.


Il blog http://www.disegnidiversi.wordpress.com,la pagina Facebook http://www.facebook.com/pages/Disegni-Diversi/315797918467016 e il profilo Twitter https://twitter.com/#!/disegnidiversi saranno continuamente aggiornati sulle ultime novità del concorso.

INFO:
mail: disegnidiversi@gmail.com
web http://www.disegnidiversi.wordpress.com

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.