Successivo » « Precedente

ANCORA SU BOLOGNA, LUCIO DALLA, AI, BILBOLBUL...

Per qualche misterioso motivo, nel post sulla giornata di ieri a Bologna, e dei giorni scorsi, sono scomparsi i commenti che erano arrivati.

Non si riesce a capire dove sia stato il bug.

In ogni caso, ecco il post di nuovo, in versione integrale, e libero per accogliere eventualmente alcuni commenti, osservazioni, interventi vari a suo corollario.

Ci scusiamo per l'inconveniente, che forse qualcuno di TypePad potrebbe essere in grado di spiegare, se solo qualche minimo collegamento fra Cartoonist Globale e il resto dell'Amba Aradam sussistesse ancora...

Si naviga alla cieca. Senza contratto eccetera eccetera.

Il post si apre con Anidride solforosa, ottimo pezzo interpretato con la stra-sottovalutata Angela Baraldi, grandissima interprete, che ha pubblicato come tale cinque album (oltre ad aver partecipato ad altri, per esempio con The Stupid Set. Che nostalgia! Angela è anche stata l'attrice protagonista di Quo vadis, baby?, film del 2005 di Gabriele Salvatores.

Petronio

Poche parole per descrivere i fatti e le sensazioni contrastanti delle ultime due giornata e mezza a Bologna, una giornata e passa fa.

Dal pomeriggio di venerdì le note delle canzoni di Lucio Dalla passano risuonano nei pressi di San Petronio, dove si trova il corpo del musicista.
Dalla mattina di sabato si fa la fila, in modo ordinato, per l'ultimo saluto. Oggi, giorno dei funerali e del suo compleanno n. 69, i TG contano circa 50mila persone, in pellegrinaggio, a toccare la bara di Lucio.

1330868332050federica_Taddei_lucio_dalla__11021971

Qui, Lucio Dalla è con Federica Taddei in una puntata de Gli eroi di cartone, mnte si parla del Krazy Kat di Charles Mintz.

Mattinag

In un'altra dimensione, quasi in contemporanea alla fine dei preparativi, fra Via D'Azeglio e Piazza Maggiore, venerdì si studia e discute il contratto per gli "autori d'ommagini", elaborato per conto dell'AI.

Questo è l'indirizzo dove poter rivedere le 6 ore e passa di convegno:
http://www.livestream.com/associazioneillustratori

RAFFAELLAjpg


BARBIERI

Il Prof. Daniele Barbieri nel corso del suo intervento.

Contratto

Ciaojpg

In una saletta di cristallo della Sala Borsa, sabato (ieri) riunione ad oltranza per Napoli Comicon, le candidature dei Premi Micheluzzi eccetera.

Seduta

I Ronfi, di Adriano Carnevali, sono protagonisti di mostre e iniziative.
Su uno dei pannelli esposti davanti alla Sala Borsa, qualcuno ha scritto la sua sul (o "sulla") TAV della Val di Susa.

Ronfi534


ALCUNI LINK CORRELATI:

LUCIO DALLA, EROE DI CARTONE

IL CONVEGNO DI BOLOGNA IN STREAMING

LO STATO DEL RACCONTO PER IMMAGINI: AGGIORNAMENTI SUL CONVEGNO

LO STATO DEL RACCONTO PER IMMAGINI: UN CONVEGNO A BOLOGNA

LA TAVOLA ROTONDA SUGLI AUTORI DI FUMETTI IN ITALIA... AL MUF DI LUCCA

GLI "STATI GENERALI" secondo Gianfranco Goria - LA COSCIENZA COLLETTIVA

GLI "STATI GENERALI" secondo Alessandro Bottero - SERVE UN CONVEGNO!

GLI "STATI GENERALI" secondo Fabio Lai - ANDATEVENE!

GLI "STATI GENERALI" secondo Marcello Toninelli - ASSOCIAZIONE FUMETTISTI

GLI "STATI GENERALI" secondo Sergio Algozzino - IL "MINIMO SINDACALE"?

STATI GENERALI: LE OPINIONI DI IVO MILAZZO, MARCELLO TONINELLI, DIEGO CAJELLI

UNA FIRMA PER IL FUMETTO - IL PUNTO DELLA SITUAZIONE, di Ivo Milazzo

OSSERVAZIONI SUL DIRITTO D'AUTORE NEL FUMETTO, di Carlo Chendi

IL FUMETTO IN ITALIA: TUTELE E PROSPETTIVE, di Raffaella Pellegrino

"AUTORI DELL'IMMAGINE" A NAPOLI COMICON, PER UN PERCORSO CONDIVISO

FUMETTISTI E ILLUSTRATORI INSIEME (da Napoli Comicon)

Commenti

In effetti nell'altro post non c'è nemmeno scritto "commenti" in alto a destra, come se fossero stati disattivati per proincipio. Ma se ieri ce n'erano, dove sono finiti quelli già scritti e letti?

Ciao Luca!!!
Un salutone!
E un grande ciao al mitico Lucio!

Quello che sopporto poco o nulla sono le critiche non costruttive, fatte solo per denigrare gli sforzi degli altri, magari tacciandoli di essere una specie di combriccola, una lobby o cose del genere, logica degno del microbo Brunetta. Pessime cose.
Cambiando argomento, ho visto molte critiche anche ai TG sul fatto che Lucio Dalla non avesse mai dichiarato apertoamente la propria omosessualità.
E da ieri mi interrogo (non ci avevo mai riflettuto): le canzoni scritte da lui, come testo, dove si rivolgeva a delle ragazze, come si devono interpretare? Sono un po' più false? O sono state create per gli altri, altruisticamente, soffocando un po' del proprio modo di pensare e sentire? Cambiando le desinenze in "o" con altre più condivisibili dalla massa in "a"? Mi spiego?
E' importante che questo dibattito si possa aprire...

Ci fu un programma con Cino Tortorella, alias Mago Zurlì, andato in onda per una Festa della Mamma, dove Lucio Dalla comparve portando con sé anche sua madre, la signora Jole Ferrari, modista. Era stato scelto perché il programma andava in onda dall'Antoniano di Bologna ed era vicino a casa.
La cosa incredibile che ricordo è che la signora Jole, molto grossa, spaccò la sedia sulla quale era seduta.
Altri tempi.
érima di "4 marzo 1943".

A parte l'argomento portante, mi sembra giusto che i NO TAV usino anche questi sistemi per pubblicizzare la loro lotta. L'arroganza anche di questa classe politica tecnica è vomitevole, mi causa un doloro fisico. Come se non ci fosse davvero speranza.
Onore al grande Lucio, non possiamo dimenticarti!

Ciao, Mirella e grazie a tutti.
Lentamente, sto cercando di recuperare i commenti svaniti nel nulla, ma che sono ancora visibili dal "dietro le quinte" di TypePad, per farli rimbalzare in coda a questo post. Nell'altro non sembra proprio previsto lo spazio per i commenti. Non so cosa sia successo.

Delle polemiche non mi prendo la briga di curarmi. Non guardo nemmeno e passo. Sterilità totale e attaccabrighismo.

Vedendo gli elementi di questo post, mi verrebbe da dire, anzi da scrivere che Bologna, questo fine settimana, è stata il centro del mondo...

Di Lucio, dopo questi giorni di chiasso, voglio ricordare le canzoni.

http://www.fumettomania.net/isolafelice/

mario benenati

Pazzeschi i commenti della Lega e della radio consociata.
http://www.corriere.it/spettacoli/12_marzo_05/lucio-dalla-lega-contro-cruccu_238cc98e-66cc-11e1-a7b0-749eb32f5577.shtml

Non ho parole per esprimere lo sdegno piu' assoluto.

Caro Andrea, questi della Lega in 18 anni hanno portato l'Italia al tracollo.
Ma quello che mi scandalizza, è assistere ad una forma di prostituzione intellettuale da parte di soggetti politici e di "miserevoli" conduttori televisivi nei loro riguardi; ma, soprattutto, vedere una parte del paese che li sostiene pure! Facevano i ministri a Roma e poi andavano nel Nord ad inneggiare alla secessione! Vorrei ricordare che, 20anni fa, durante tangentopoli, venne fuori che questi avevano preso una mazzetta da 200milioni da Gardini. E a quei tempi non contavano un "casso" per dirla alla Lucio Dalla! Chissà oggi!!!La mamma di Dalla era di origine pugliese.

Vero!
Ma la prostituzione intellettuale e' roba d'alto livello. Roba fine, al confronto.

Qui ci troviamo di fronte ad una vera e propria decerebrazione assistita!

Andrea, Nestore, questo è cretinismo, ovvero imbecilittà fatta esternazione, blaterramenti che non hanno la dignità nemmeno di passare per provocazione.
Oltretutto dire queste cose è reato, non ha l'alibi per passare sotto il facile grimandello della "libertà di parola".

Così come sono reati molte esternazioni omofobe, razziste, contrarie alla logica e alla Storia quelli che attraverso varie voci la maledetta Lega ha commesso variamente nel corso della sua stupida storia, parlando all'intestino di un po' di gente nel tentativo di obnubilarne i neuroni.

Che il sangue del sud crei "devianza" se mescolato a quello del nord è un concetto che nemmeno il più spregiudicato scrittore fantasy potrebbe usare per un suo racconto immaginario.
Lasciamo questi babbioni paleolitici al loro destino, isoliamone gli effluvi nefasti in ogni modo, anche senza troppo sforzo, poiché non credo proprio che ormai, agonizzanti (sempre troppo tardi!) abbiano la minima possibilità di far presa sui cervelli di chicchessia.
Pace all'anima loro.

Andrea e Cartoonist, leggere queste vostre parole mi fanno bene al cuore e mi danno speranza!!!

Probabilmente fuori tempo massimo, e un po' da "intruso", me ne rendo conto, sento il bisogno di intervenire sull'argomento dei vaneggiamenti di chi, fino a pochi giorni fa, aveva il mandato di governare il paese, finendo per sfasciare, in definitiva, il tessuto stesso della nostra società, oggi meno civile di quanto non fosse prima del 1994. Lo faccio attraverso parole più belle, credo, di quelle che saprei utilizzare. Sono di Czeslaw Milosz.

Tu, che un semplice hai oltraggiato
ridendo sguaiato sulla sua sorte,
con intorno di buffoni una corte
per confondere bene e peccato,

benché tutti sian proni ai tuoi piedi,
virtuoso e saggio te proclamando,
medaglie d’oro in tuo onore forgiando,
lieti del giorno che loro concedi,

sicuro non ti sentire. Il poeta ricorda.
Puoi ucciderlo – un altro è già nato.
Ogni atto e parola verrà registrato.

Meglio per te un ramo dal peso piegato
in un’alba invernale e una corda.

Czeslaw Milosz

... e, ora che mi sovvengono (un poeta tira l'altro), ne aggiungo alcune (di parole) che indicano l'atteggiamento che dovrebbero, credo, avere dei politici seri. Queste sono di Mahmud Darwish


Mentre prepari la tua colazione, pensa agli altri.
[Non dimenticare il cibo delle colombe.]
Mentre combatti le tue guerre, pensa agli altri.
[Non dimenticare chi reclama la pace.]
Mentre paghi la bolletta dell’acqua, pensa agli altri.
[Che sorseggiano le nuvole.]
Mentre torni a casa, a casa tua, pensa agli altri.
[Non dimenticare il popolo delle tende.]
Mentre conti le stelle per addormentarti, pensa agli altri.
[Qualcuno non trova spazio per i sogni.]
Mentre ti emancipi con la metafora, pensa agli altri.
[Che hanno perso il diritto di parlare.]
Mentre pensi agli altri lontani, pensa a te stesso.
[Dì: magari fossi una candela nelle tenebre!]


Mahmud Darwish

Grazie davvero a Marco Cattaneo per le parole bellissime che ha riportato.
Conconrdo, naturalmente, sul fatto che Berlusconi, Bossi, una torma di ciatroni e mezze cartucce che hanno occupato i media (ancora in loro potere, peraltro: il conflitto di interessi non crediamo mica che non ci sia più, c'è chi trama per poter succhiarci altra linfa vitale ed esportarla neri paradisi fiscali) hanno peggiorato l'Itlaia e gli italiani, facendo proprio a tutti quanti una cura di imbarbarimento a loro immagine e somiglianza.
Dovrenbbero essere penalizzati a vita solo per questa schifezza senza fine che hanno compiuto.
Meno male che, come ha già scritto qualcuno, adesso la Lega è morta, si scava la tomba e si seppellisce da sola con stronzate come quelle che in questi giorni questi ebeti pusuillanimi razzisti e paranazisti riescono a proferire.
Grazie ancora, Marco, per aver citato Mahmud Darwish e Czeslaw Milosz.

Aspetta, Hellana, aspettate ragazzi a cantare vittoria!
La Lega non è morta, magari lo fosse! Per me avrebbe dovuto essere compiuto un infanticidio, troppi imbecilli le hanno dato credito e hanno permesso di far occupare a questi incapaci (a parte la capacità di appropriarsi di cose altrui e di emettere ragli) dei posti di potere.
"Roma ladrona" è una barzelletta davanti a "Lega Ladronissima". Verrà fuori a breve la truffa che è stata perpetrata ai danni degli italiani.
Ma io temo che Satana sia difficile da distruggere. E aspetterei un po' a essere certo che questo branco di oppressori sia finalmente e definitivamente sconfitto.
Anche se la Lega si polverizzerà alle prossime elezioni, le persone fisiche che sono state leghiste non credo che migliorino facendo evolvere i loro cervelli, Ci vorrù davvero parecchio per bonificare la nostra Italia.

Cambiando argomento, anche Art Tribune ha parlato del convegno:
http://www.artribune.com/dettaglio/?type=curator&id=14642&quali=conclusi

Cambiando argomento, anche Art Tribune ha parlato del convegno:
http://www.artribune.com/dettaglio/?type=curator&id=14642&quali=conclusi

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.