Successivo » « Precedente

VIDEOCHAT FUMETTISTICHE AL TG3 E SIMPSONS INFORMALI

Realigningsimpsons

Buona cosa che il Tg3 punti così tanto sul fumetto, e ovviamente serve tutto il supporto possibile per raggiungere un buon riscontro e mantenere alti i contatti per ogni appuntamento.

Il merito di questo posizionamento tematico" è senza dubbio di Riccardo Corbò (il conduttore e cervello dell'iniziativa) e della sua agenda di contatti.

La serie di interviste in diretta, con videochat condivisa con i lettor-spettatori delle stesse, si è inagurata con Roberto Recchioni, prossimo sceneggiatore di Tex, già scrittore di Dylan Dog e Diabolik, nonché co-creatore di John Doe, di una nuova miniserie bonelliana e blogger di successo.

1329124294421Roberto_Recchioni

Nella chiacchierata ha parlato delle sue storie per la Fucina Bonelli, dei personaggi da lui creati e dello stato del fumetto oggi in Italia.

La videochat è ora visibile in archivio qui:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f5ed9357-e196-4a0c-83ca-b3787c90fa25-tg3.html

Il prossimo calendario per gli incontri tiggitreiòni, per ora è:

il 7 marzo, Silvia Ziche
il 14 marzo, Fabrizio Mazzotta
il 21 marzo, Yoshiko Watanabe
il 28 marzo, Sara Pichelli
il 4 aprile, Zero Calcare

Cosa c'entra con tutto questo l'imnagine informale dell'apertura?

Nothing. O, come dicono verso Piombino: ovo.

E' ricavata dal video sotto, che potrebbe anche causare dabnni cerebrali, seppur lievi, a chi ne fruisca.

Questo spezzatino simpsoniano, con buona pace di Matt Groening, è stato avventatamente chiamato Realigning My Thoughts on Jasper Johns: trattasi di un progesso (o procetto) artistico pensato da un certo JK Keller, che ha ridigitalizzato l'animazione dell'episodo dei Simpson intitolato Mom and Pop Art.

Keller ha spiegato come segue lo spezzatino:

Thumb-jk-keller-wax-become-2I ripped all the frames, then used software to turn the ripped images into vectors. Then I processed the files through Illustrator using the default Alignment & Distribution tools (23 different combinations).

The resulting files were then brought back together for the 23 final videos. With the audio, I used a similar process, making a spectrogram image of the audio from each cut in the episode. Then I applied a variety of processes to the image to mimic the alignment/distribution used. Then took the resulting image and turned it back into audio. The project is intended to be shown as an installation of a 9 screen grid.

Viewers would be able to adjust dials and switches to adjust volumes & video sources to create their own juxtapositions of the 23 videos.

Interested in the incorrect use of default software tools and how they can be used to generate new forms, and the absurdity that results between default digital manipulation and purposeful manual influence.

La domanda che zampilla istantanea potrebbe essere quella che lanciammo nell'ormai lontano '86 (fine anno): perché tanto odio??

Commenti

Quello sopra gli ultimi due folli video, a destra, sembra una mortadella che soi è appena cominciato ad affettare.

Una volta, una decina di anni fa, Luca era impegnato a lavorare ai fumetti dei Simpson in Italia, compresi calendari e altri oggetti, Poi è stparito tutto, non si può più pensare che in Italia qualcuno pubblichi oggi i Simpson?
I fumetti erano simpatici. Posso capire che tutto va male, non si vende nulla e la licenza per pubblicarli possa costare cara, ma se escono in Germani,a in Francia e in Inghilterra, perché in Italia no?
Scusate l'OT, a proposito.
Mi complimento anche per l'ultimo numero dei "Grandi Classici" che ha una bellissima storia antica di Carpi con un Paperone stupendo e uno strano avvoltoio venditore dai caratteri somatici politicamente scorretti.
Ah, ci sono delle stranezze di perego, ma non voglio rovinare la sorpresa a nessuno. L'ho preso stamattina.
Ormai IERI mattina.

Complimenti per la chat di Corbò e Recchioni. Spero di poter ascoltare e vedere almeno qualcuna delle successive. Quella con la Ziche in particolare.

Ma a che orario sono gli speciali del TG3?

Questo potrebbe dircelo Riccardo Corbò!

Perché i fumetti si vendono di meno ma gli allievi delle scuole aumentano?

Partecipano: Dino Caterini (Scuola Internazionale dei Comics), Francesco Coniglio (Lezioni di Fumetto all’Auditorium), Massimo Rotundo (Scuola Romana del Fumetto), Giancarlo Soldi (regista di documentari sul Fumetto)

La crisi economica è ormai spalmata su tutti i consumi ed è normale attribuirle anche la colpa del tracollo che sta vivendo l’editoria dei fumetti.
Ma non è così!

Il declino continuo delle vendite dei periodici e dei libri a fumetti, come quello della carta stampata in generale, ha origini molto più antiche della recente crisi mondiale.

E’ un declino iniziato alla fine degli anni ‘70, quando la carta stampata ha cominciato a perdere fascino, appeal e interesse, insidiata prima dalla televisione e poi dai videogames e infine dalla Rete.


Quando negli anni ‘90 i monitor dei computer hanno colonizzato prima gli uffici, poi le case, poi le scuole, l’interesse per la carta stampata è passato decisamente in secondo piano...
Ma il linguaggio del fumetto è potente e antico, e può prescindere dal supporto cartaceo!

Di questo si parlerà nella Tavola Rotonda organizzata sabato 2 marzo nell’ambito della manifestazione Romacomics con i più importanti esperti di didattica del fumetto.


Dalla tradizionale didattica-frontale alle nuove frontiere della didattica-on line, alle Lezioni di Fumetto quasi accademiche dell’Auditorium, il linguaggio del fumetto continua ad affascinare ed emozionare.

Premettendo che con ORazio Coclite non c'entro nulla, ringrazio molto e moltissimo Luca Boschi per il rilancio dell'iniziativa del Tg3.

Ringrazio anche Santino, per il suo gentile apprezzamento.

L'orario della diretta è alle 15:00. Fino alle 15:20 o 15:30, a seconda della mole delle domande che arrivano.

Se partecipate alla diretta, ovviamente ci fa piacere, ma comunque - come avete visto nel caso di Roberto - le chat sono tutte archiviate e quindi visibili anche in differita, quando vi fa più comodo come orario.

Attenzione, che per specifiche della piattaforma Rai, probabilmente è necessario installare Silverlight per vedere i video, che non tutti i computer di solito hanno installato.

Dopo la videochat del mercoledì, di solito c'è una "reprise" di un minuto e mezzo/due minuti alle 16:30, al GT Ragazzi, su Rai Gulp in TV. Oppure sempre su PC, sul sito della Rai.

Ma diciamo che il "succo" è ovviamente la videochat.

Al proposito, a questo punto ne approfitto per sollecitare pubblicamente il nostro Luca, per una sua presenza fisica in redazione, quando capita a Roma, ed essere lui l'ospite d'onore della chat, con tutto il suo prezioso bagaglio di conoscenza e aneddoti.

un saluto a tutti
r.

Cose personali, che trovo nel Fan Club: a Sandro Dossi piace questo elemento.

Scrive Nuccio Rotolo:


gentile luca, avrei bisogno di recuperare un copia di "maestri disney serie oro - la scuola di Rapallo" http://www.lospaziobianco.it/2860-Maestri-Disney-Oro-33-Speciale-Luciano-Bottaro-artisti-liguri perr un nostro giovane utente!
a presto. Nuccio Rotolo
- mi trovi al seguente indirizzo mail: [email protected]

Io non voglio perdermi l'incontro con Yoshiko Watanabe. Potrebbe essere una fumettista (diciamo) di una certa età, che già lavorava tanti anni fa disegnando Candy Candy in Italia quando la produzione giapponese non c'era più, era finita oppure non era accessibile per la casa editrice italiana? La Fabbri, penso fosse?
O sennò, in alternativa, se sto scazzando, può darsi che Yoshiko Watanabe prima dei libri recenti abbia disegnato altri personaggi giapponesi dall'Itlia?
Grazie a chi mi fornirà informazioni.

Lorella, dovrebbe essere lei. guarda qui

http://retronika.blogspot.com/2012/01/i-masters-italiani-di-yoshiko-watanabe.html

E in effetti sono onorato di averla come ospite. I suoi due recenti "manga" per altro, sono molto interessanti.

Non perderti però neanche l'incontro con Fabrizio Mazzotta, eh!!!

Per Nuccio Rotolo (e Franco), che ringrazio:
purtroppo per pubblicazioni di svariati anni fa, temo che la sola possibilità di trovare quel "I Maestri Disney" sia andare alle fiere di Fumetto e cercarlo, oppure rivolgersi alla rete e vedere se su ebay o altrove qualcuno lo mette in vendita.
Non credo che esista un servizio arretrati ancora attivo, soprattutto per una testata chiusa (purtroppo).


Ho guardato a questa pagina:
http://www.ebay.it/sch/i.html?_nkw=%7Bmaestri+disney%7D&_trkparms=65%253A12%257C66%253A2%257C39%253A1%257C72%253A5721&rt=nc&_dmpt=Fumetti_Occidentali&_trksid=p3286.c0.m14.l1581&_pgn=5
Ci sono altri numeri ma non quello, oppure c'è nella collezione completa della testata.
Un po' troppo, eh?

Non demordere, e con un po' di costanza spero che lo troverai. E' un bel numero, te lo garantisco!


Luca

Grazie, Riccardo, allora avevo visto giusto! Allora, la Watanabe avrà almeno sessant'anni, se lavorava alla fine degli anni Settanta-Primi Ottanta.
Strano che questa informazione non sia stata di dominio pubblico.
O almeno, io non ne avevo la certezza.

Quale info, Lorella? L'età o le sue opere?

Le opere, l'età la deduco io...


Se venerdì siete a Bologna, non vi perdete e fate un salto volendo anche nelle Biblioteca di San Giorgio in Poggiale dove si aprirà domani, 1°marzo, la mostra delle illustrazioni di Grazia Nidasio su L'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto narrato da Italo Calvino, edito da Arnoldo Mondadori.


Aperta fino al 17 marzo.
Il primo marzo alle 18:00, conferenza di Antonio Faeti.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.