Successivo » « Precedente

L'INEFFABILE MARIO FANTONI (preview)

Bobo e timmy.blog

Come accennavo in una risposta di questo post, la giornata di ieri, venerdì 24 febbraio, è stata "benedetta" da una felice sorpresa.

Una delle più appassionate frequentarici del seminario presso la Scuola Internazionale di Comics, e della quale devo recuperare informazioni sull'identità (mannaggia, è un elemento che abbiamo trascurato!), ma se mi legge spero che possa dirmelo (così integro il post) si è rivelata per la nuora di Mario Fantoni, grandissimo fumettista, ultimo erede, ancora attivo e disegnante, della Bottega Fantoni, vale a dire la Famiglia Fantoni, il cui capostipite fu il padre Guido, all'opera per l'editore fiorentino Nerbini.

Sopra, una tavola del Mario Fantoni comico, pubblicata sul periodico tascabile delle Edizioni Dardo Chicchirichì.
Avventura circense, forse scritta dallo stesso Mario, le cui sceneggiature erano contraddistinte da un umorismo inconfondibile, spesso verbale.

Sotto, un lavoro recente di Mario: disegni per settimanali di enigmistica, a cominciare da Domeica Quis, per il quale ha illustrato negli ultimi decenni migliaia di rebuf (firmanti spesso "MF"), e altri enigmi.

Anche la figlia di Guido, Liliana Fantoni, che lavorò a lungo anche con lui, ormai novantacinquenne, fino a qualche anno fa ha disegnato.


Gentile omaggio

In rete si legge che Mario Fantoni, nato a Firenze nel 1926, ha iniziata soli a tredici a disegnare per i giornali, esordendo con una storia di Pollicino su Pisellino (giornalino della Nerbini).

Durante la guerra collaboro col Brivido, settimanale illustrato fiorentino sul quale comparvero anche fumetti jacovitteschi, e con Topolino giornale (Mondadori).

Ghigo inizio

Questa è la vignetta di apertura di una sua remota storia per il Topolino mondadoriano, forse una delle prime di cui si abbia effettivamente traccia.

Ghigo inizio

La mezza tavola per intero, fotografata al volo da un portfolio di Mario Fantoni, che contiene anche altre pagine interessanti. Con un CLICK aumenta le sue dimensioni.

Tra non molto metteremo insieme un reportage un po' complesso sulla famiglia Fantoni e la sua ricca attività estesasi per almeno otto decenni (!).

Scaramuccia-Fantoni

Sopra, un episodio di Scaramuccia, disegnato da Mario per Tarzanetto.
Stto, particolare di una puntata del Capitano Bottego disegnato da Guido Fantoni.

06

Non c'entra con la Bottega fantoni,m ma solo con la "puntata" di ieri del seminario in oggetto.

Solo per la trentina di frequentatori della terza wave del seminario, quella dalle 18 e 15 (circa) alle 21, 30, è stato affrontato il tema dell'introYou?
duzione del colore nella televisione (nel mondo, nell'autunno 1961).
Il brano sotto, interpretato da Ludwig Von Drake, con sottotitoli messi appositamente per la versione di You Tube (o almeno così credo) si riferisce a questo.

No copyright infringement intended.

Commenti

Salve a tutti, siccome Luca non guarda nel Fan Club, segnalo a lui e a tutti questa (a sua volta) segnalazione fatta da Claudia Loop Palescandolo:


riguardo il seminario di stasera, sono riuscita a trovare il video di Pico de Paperis su youtube http://www.youtube.com/watch?v=Au1SqfxgAlk&feature=related e la seconda parte è qui http://www.youtube.com/watch?v=pWlukTTVavg&feature=related

An Adventure in Color - Ludwig Von Drake
www.youtube.com
Walt Disney and Ludwig Von Drake introduce the television audience to the magic of color in this first episode of Walt Disney's Wonderful World of Color.

Quante cose meravigliose si vedono! Il pezzo con Pico De Paperis è eccezionale!

Grazie, Claudia!
Come vedi ho inserito nel post un piccolo estratto di quella emissione del lontano 1961.
E la prossima settimana, a proposito, il seminario salta. Con chi vorrà ci vediamo a BilBOlbul al convegno professionale di animatori, illustratori e fumettisti!
E' in fase di organizzazione la possibilità di seguirlo in streaming.


Ciao!

Luca

E' vero Luca, non mi sono presentata rimedio subito.Sono Graziella Miligi e ormai sono quasi trenta anni che ho l'onore e il piacere di conoscere Mario Fantoni.Più che un suocero lo potrei definire un padre, l'ho fatto partecipe del nostro incontro e non vede l'ora di conoscerti per poterti raccontare la sua vita.
Ci metteremo d'accordo quando ci vedremo al tuo preziosissimo seminario.

Ciao, Graziella!
Be', e io da scemo non ti ho chiesto né il nome, né un recapito.
Adesso siamo a posto.
Lord Semolino, Torello Seduto, Storie varie sul "Giornalino di Lucky", la lunga serie a episodi "I 3 figli dello sceriffo", le fiabecon illustrazioni in testo per "Bombolo" (tipo "Le mille e una notte")... tutte serie indimenticabili che si devono al tuo secondo papà.
Per ora inviagli un caro saluto.
Credo che anche chi frequenta questo blog potrebbe avere qualcosa da dirgli, o da chiedergli.


A tra due venerdì!


L.

Caro Luca, mettimi tra quelli che sono interessati alla dinastia Fantoni. Su Lambiek.net sia Mario che Guido sono scandalosamente assenti. Colpa nostra non degli olandesi che fanno uno splendido servizio al fumetto. Liliana Fantoni compare ma con una scheda incompleta. Chiedi alla gentile signora Graziella se può farti avere note bio di tutti e tre. Grazie.

Salve, gcm!


Immaginavo che la storia di questa "Bottega" avrebbe sollevato qualche interesse. Con Graziella abbiamo in programma un'intervista al Grande Mario... appena sarà possibile farla (anche e soprattutto per mia impossibilità di essere tribiquo, ho almeno un paio di mesi di cose da fare, in ponte, assolutamente non invidiabil.
E un bel po' di notizie dovrebbero venir fuori anche su Guido e Liliana, in modo da rimpinguare anche le biografie in rete.
Per Graziella: quella messa on line dal negozio di comics Lambiek, una sorta di libreria anche antiquaria di Amsterdam che vale la pena di vistare, benché si trovi un po' fuorimano dallo struscio del centro, è una specie di Wikipedia dei fumetti, in lingua inglese e quindi facilmente accessibile per tutti.



Forse qualche informazione in più può anche essere raccolta strada facendo e inserita. Messa agli atti.


L.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.