Successivo » « Precedente

VITO LO RUSSO, TI RICORDIAMO!

Anche se la data di emissione di questo post è il 18 settembre scorso, lo postiamo aggiornandolo in data odierna (domenica 25), affinché sia più a lungo visibile nella home page di Nàva - Sole 24 Ore.

Vito_I_love_you

Il simpatico faccione di Vito Lo Russo, nostro amico e collaboratore (noi di lui e lui di noi) della prim'ora, spunta su dall'archivio di Federico Fiecconi (a sinistra), il quale l'ha spedita a un nutrito gruppo di amici adesso, l'indomani della dipartita di Vito da questa vita terrena.

Secondo fotogramma

American_tail_fievel_goes_west Vito era nato il 12 ottobre 1961, Francesco Artibani, con il quale Vito aveva realizzato Kurt, con la voce di Fabrizio Mazzotta, ci aveva informato, nei giorni scorsi, della gravità della situazione.

Su afNews, Luca Raffaelli così lo ricorda:

(...) è stato un protagonista nel mondo dell’animazione italiana. Aveva un sogno che trent’anni fa era ancora più difficile da realizzare di quanto non lo sia oggi: far vivere uno studio di animazione in Italia.
Ci aveva provato con la VLR Graphic Cartoon, a Roma, sulla Giustiniana, divenuta poi Farmtoons, creata insieme alla sua carissima Letizia Curreli, con la quale ha condiviso davvero tutta la sua vita. Qualcuno potrà dire che ha preteso troppo, e un po’ di ragione ce l’avrebbe perché Vito pensava di poter fare tutto contando solo sul proprio talento e la propria passione
.

Con Vito abbiamo condiviso una lunga serie di avventure, in epoche diverse. Sin dalla Primavera 1979, quando ci siamo conosciuti in occasione di una Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, presentatomi da Francesco Coniglio e Riccardo Mannelli. Vito era già un forte e competente appassionato di disegni animati (aveva mosso i primi passi con un apprendistato da giovanissimo presso lo studio romano di Lello Fantasia, nella foto sotto in quel di Napoli, dove Vito lo aveva coinvolto in occasione della tappa di Gulp! SuperGulp! in quel di Bagnoli, in collaborazione con Napoli Comicon) e allora si occupava anche di grafica presso la rivista Popster, chiamata così perché si occupava di musica pop e aveva al suo interno un poster, poi divenuta più famosa come Rockstar.

Fantasia_l

Più tardi, Vito ha lavorato per i "cartoni" e gli effetti speciali con animatori romani quali Paolo di Girolamo o Manfredo Manfredi. Ai vecchi Saloni Internazionali dei Comics di Lucca organizzati dall'associazione culturale Immagine, nel momento di massimo splendore dei disegni animati in quella cittadina toscana, Vito si occupava di selezioni e proiezioni dei fiulm in concorso e non, insieme al trio abbastanza inossidabile del quale mi onoravo di far parte, con Federico Fiecconi e Luca Raffaelli, e con l'aiuto non secondario di Silvia Pompei.

Erano gli anni della direzione di Rinaldo Traini, prima che il Salone passasse a Roma, causa forti, insanabile rotture con alcune figure dell'amministrazione locale lucchese di allora.

Nel corso di quegli indimenticabili Saloni, con noi e con Vito collaborò anche Feliciano Rovai, detto Felix, che recentemente aveva portato avanti, con Vito, l'idea di "installare" a Lucca (possibilmente in collaborazione col MUF e con il suo direttore Angelo Nencetti) una versione riveduta e corretta della mostra dedicata ai "Fumetti in TV" di Gulp! e SuperGulp!, inaugurata da Vito (e da noi, suoi collaboratori, con Andrea Felice, Stefano Bartolomei e altri colleghii) a Modena e poi a Napoli, a Torino, a Rimini.

Sotto, una riproduzione della copertina del catalogo della mostra, sul quale sudammo sangue per comporlo e impaginarlo (grazie all'ottimo Paolo Altibrandi) a tempo di stra-record.

Supergulp

In seguito, Vito, con Guido De Maria, Claudio Varetto, Andrea Voglino, Fabio Licari e altri amici (sempre anche con l'apportino del sottoscritto) ha collaborato pesantemente alla realizzazione della collana di dvd sulla leggendaria trasmissione televisiva, allegati in un primo tempo alla Gazzetta dello Sport e al Corriere della Sera, e quindi, con qualche modifica e aggiunta, con TV Sorrisi e Canzoni.

Superg_imapromo2

2875

American Tail, An - Fievel Goes West (USA) Fra i lavori dei quali andava più fiero, Vito contava un lungometraggio animato alla corte di Steven Spielberg: An American Tail: Fievel Goes West (poster originale sopra), un lungometraggio del 1991 prodotto dalla Amblimation e distribuito dalla Universal Pictures. E' il sequel di An American Tail (da noi Fievel sbarca in America), realizzato con un gruppo di animatori europei, fra i quali Vito, la già citata Silvia Pompei e il talentuoso Marco Cinello, reclutati dai due registi della pellicola, Phil Nibbelink e Simon Wells, che vennero a cercare "forze fresche" da noi, a Lucca (appunto) durante uno degli indimenticabili Saloni di allora.

In questo film gli animatori si sono ispirati a Vito per creare un simpatico topo baffuto, personaggio secondario dell'epopea western di Fievel il topolino, che dietro le quinte veniva chiamato confidenzialmente Vito Mouse.

Vito aveva collaborato anche a questo blog, per esempio con questo servizio del 2007 su Narnia Fumetto, manifestazione nel corso della quale era statat scattata la foto sotto.
Vito ne è al centro, con Moreno Burattini (sceneggiatore di Zagor) e Mario Laurenti (disegnatore zagorianio, ma "prestato" a suo tempo a Dampyr).

Vito_moreno_e_2

Luca Raffaelli accenna anche ad altri capitoli dell'attività di Vito:

Insieme a Luca Boschi abbiamo realizzato un cortometraggio (What's up, Mr. Whatzup?, in cui si ingegnò a far fare le ombre ai personaggi disegnate su celluliode, distanziandoli dalla scenografie), varie pubblicità e tre servizi tv per la Rai realizzati in tecnica mista (prima di Roger Rabbit).

(...) Con Francesco Coniglio e Silver ha partecipato a diverse realizzazioni editoriali, e c’era stato sempre il suo eclettismo nel miracolo di allestire in 48 ore la mostra Disney sui 70 anni di “Topolino” in Italia.

(...)
Infine, nel 2008 un ultimo film animato, quando è produttore esecutivo del cortometraggio di Manfredo Manfredi “Bambinissimi papà” per lo Zecchino d’Oro. Vito ha continuato anche negli ultimi anni segnati dalla malattia a seguire le sue passioni, impegnandosi anche nel sociale.

Prem_lab

Nella foto sopra, databile un lustro fa, Vito è con Luigi Amodio, Direttore del Science Centre (centro) di Napoli e con Sergio Brancato, docente di Teorie e Tecniche del linguaggio cinematografico all’Università La Sapienza di Roma. Vito consegna ad una bambina che ha partecipato ai Laboratori Scarabocchiando il diploma di partecipazione "Prima matita".

Tra le cose che Vito avrebbe voluto realizzare c'era un progetto molto bello per un lungometraggio dal titolo Lungo il fiume.

Così Vito ne parlava, in un'intervista rilasciata a Oriana Maerini per Cinebazar:

E’ tutto pronto: sceneggiatura e storyboard, ma mancano i produttori. Purtroppo oggi in Italia riuscire a realizzare un film d’animazione è difficilissimo. La Rai investe solo il 10% del progetto è riuscire a reperire i fondi e molto arduo. Da noi nessuno crede più in un genere che invece ha molte potenzialità e che in America ha molto risalto e conquista una larga fetta di pubblico cinematografico.

Così è stato un po' quasi sempre, e così è oggi più che mai.

Loru_mont-1

Loru_cast

I funerali di Vito si svolgeranno martedì 20 alle 11 all’Ospedale Sant’Andrea.

Commenti

Non avevo mai conosciuto il sig.Lo Russo di persona, anche se avevo avuto modo di parlarvi internettianamente; l'ultima cortese risposta l'avevo ricevuta alcuni mesi fa; non sapevo che fosse ammalato.
Ho cercato per quel poco che potevo di ricordare la sua fugura in un mio blog, ricordando l'opera che portò lui ed altri a recuperare il vecchio materiale di "Gulp" e "Supergulp".
Condoglianze ai familiari.
G.Moeri

MOLTE CONDOGLIANZE ANCHE DA PARTE MIA, NON CONOSCEVO VITO ma ho comperato tutti i dvd di SuperGulp e lo ringrazio per questa sua fatica.
Cosa aveva fatto in particolare? L'ho visto con Luca e De Maria in una sorta di sketch nell'ultimo dvd della collana.

Grande film, quello di Fievel nel West!
Grazie a Vito per il suo lavoro, lo ricorderò nelle mie preghiere.

Un saluto a Vito, condoglianze alla famiglia. Avevo partecipato come spettatore a SuperGulp a Modena, a un incontro con Vito, Luca e Marco M. Lupoi dove si parlava di Spider-Man e dei Fantastici Quattro. Sigh!

Caro Vito, vecchio amico mio... mi rimane difficile accettare che non faremo più nulla insieme divertendoci, che non risponderai più alle mie battute, alle mie telefonate...ti abbraccio forte, Paolo

Ciao Vito, insieme abbiamo recuperato Supergulp...
Mi ricordo come fosse oggi quando nel 2007 eravamo a Rimin a parlare di Supergulp con Vito insieme a Luca Boschi, Federico Fiecconi e Guido De Maria; con noi c'era anche il buon vecchio Mauro Mattioli e, ad accompagnarci nel pubblico, Rosanna, moglie di Guido... Quanti amici che in poco tempo non ci sono più!

Grande Vito, simpatia fatta persona! Al di là dei meriti professionali, so che ne ricorderò sempre con grande tenerezza le caratteristiche umane: lo sguardo furbetto, i ricci e il baffino biondo, la battuta pronta, la bulimica voglia di vita, l'affetto che distribuiva e attirava con la massima naturalezza. Chi perde un amico perde un tesoro.

Anche "I mostri del Fumetto" ricorda Vito, riprendendo la biografia di Raffaelli, che racconta come (http://www.mostridelfumetto.it/mostri-di-ieri/ricordando-vito-lo-russo/) dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte e essersi diplomato Maestro in Arti Grafiche e stampa a Roma, lavora come grafico per molte testate italiane (Gruppo Dimensione Suono, Popstar, RockStar, Cioè). Collabora per lo studio Ciccorelli per titoli cinematografici e Luciano Emmer e altri produttori e registi.

Anche "I mostri del Fumetto" ricorda Vito, riprendendo la biografia di Raffaelli, che racconta come (http://www.mostridelfumetto.it/mostri-di-ieri/ricordando-vito-lo-russo/) dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte e essersi diplomato Maestro in Arti Grafiche e stampa a Roma, lavora come grafico per molte testate italiane (Gruppo Dimensione Suono, Popstar, RockStar, Cioè). Collabora per lo studio Ciccorelli per titoli cinematografici e Luciano Emmer e altri produttori e registi.

Non ho mai conosciuto personalmente Vito,nonostante fossimo parenti,causa lontananza..e purtroppo mai lo conoscerò..Una cosa la so:avevamo tanti interessi in comune e stimo molto il suo grande lavoro e l'uomo che era per ciò che sapevo di lui attraverso le parole di mia madre..Un saluto a Vito,condoglianze alla famiglia e un abbraccio forte a Letizia...

Non ho mai conosciuto personalmente Vito,nonostante fossimo parenti,causa lontananza..e purtroppo mai lo conoscerò..Una cosa la so:avevamo tanti interessi in comune e stimo molto il suo grande lavoro e l'uomo che era per ciò che sapevo di lui attraverso le parole di mia madre..Un saluto a Vito,condoglianze alla famiglia e un abbraccio forte a Letizia...

Si vede anche dalle foto che sei stato un gran simpaticone.
Penso che in vita hai fatto tante esperienze e conosciuto tante persone che puoi ritenerti felice, anche se poi non hai fatto il film che avresti desiderato.
Ti penseremo. Condoglianze a Letizia e a chi resta, che lo amava.

Ho frequentato la V.L.R. (Vito Lo Russo e Luca Raffaelli) Graphic Cartoon quando avevo 15 anni. Un 'esperienza che mi ha psicologicamente salvato dalla tristezza degli anni di liceo. Mando una preghiera e un abbraccio al caro Vito, tra i maestri che mi hanno traghettato professionalmente e umanamente in anni delicati della mia vita di regista. Caro Vito grazie di tutto e riposa in pace. Un affettuoso abbraccio di cuore a tutta la sua famiglia. Manuel

ciao Vito!

Mi ricordo anch'io, di te, Vito (mi ti rivolgo a te come se fossi qui davanti), a Milano a Cartoomics, mentre si poteva vedere una bella selezione di cortometraggi con Cocco Bill, Signor Rossi, Nick Carter, Lupo Alberto...
Tutto merito tuio. Fu per me un tuffo nel passato.
Ti penso.
Saluto tutti gli amici che hanno già scritto e con i quali sono accomunato dalla commozione per questo passaggio.

Me lo hanno detto tardi. Era meglio non saperlo.
Ciao Vito amico leale!

Me lo hanno detto tardi. Era meglio non saperlo.
Ciao Vito amico leale!

Questo ricordo di Vito è stato ripreso paro paro, per intero, anche in questo sito:

http://lagiustadistanza.com/2011/09/20/aveva-collaborato-anche-con-spielberg-scomparso-vito-lo-russo-uno-dei-piu-appassionati-cartoonist-italiani/


Gli è stato dato il seguente titolo:


Aveva collaborato anche con Spielberg. Scomparso Vito Lo Russo, uno dei più appassionati cartoonist italiani.


*****

Speriamo che serva a ricordare quasto simpatico amico, grande appassionato, stakanovista del disegno e della ripresa.

Da ateo, non posso neanche sperare che trovi in un Altrove la possibilità di realizzare tutto quello che qui, per ottusità altrui o per troppa generosità (di pensiero) sua, non è riuscito a fare.
Tutto quello che resterà di lui sono dunque i suoi lavori e il posto che occuperà nel cuore di chi l'ha conosciuto. Nel mio, un posticino ce l'ha sicuramente.

Ciao Vito, vecchio amico mio... Purtroppo l'ho saputo solo oggi.
Condoglianze alla famiglia e un abbraccio forte a Letizia.

caro...caro amico mio...
sono 20 minuti che fisso lo schermo con gli occhi velati..
ti dico solo ciao...ti voglio bene.

Mi inserisco di nuovo...
Anche se il post è, naturalmente, di una settimana fa, lo aggiorno ad oggi, per mantenerlo presente nella home page e dargli maggior visibilità. Ne ho un altro in predicato, per il quale sto raccogliendo materiali (chi ne avesse è pregato di segnalarmeli, anche direttamente nel blog se non dispone di mie mail private).

Ho finalmente rintracciato, questa mattina, un "simulacro" di "Vito Mouse" realizzato per il secondo "American Tail" alla Amblimation.


Ringrazio tutti gli amici, e naturalmente anche gli amici di Vito che non conosco, che hanno voluto soffermarsi qui per scrivere due righe di affetto e testimonianza.


In particolare, fra gli ultimi, in questa colonna, Marcello Toninelli, Marco Sabbatini (Cartoon Studio), Lello Fantasia (al quale scriverò presto personalmente per chiedere un po' di cose) e naturalmente Silvano Caroti!

E' molto tempo che non ci sentiamo, Silvano, e c'è, credo anche da parte di Luca Raffaelli e di Francesco Coniglio, con i quali ci siamo visti in occasione dell'ultimo saluto a Vito, di ri-contattarci per un'ipotesi di progettino. Un'esperienza della quale anche tu sei stato partecipe, ormai tre decenni fa (circa). Ora non anticipo niente, ti esprimo solo la mia volontà di restare, anche in questo modo labile, in minimo contatto.


A quella famosa Fiera del Libro per Ragazzi del '79 credo fossi presente anche tu (con certezza potrei dirti di quella del 1980, abbiamo fatto un po' di strada insieme nelle corsie dei padiglioni, ma allora ci conoscevano già dalla "Vecchia Talpa", incontri avvenuti nella primavera '79 subito dopo l'incontro con Vito a Bologna).


E andavate tutti a dormire da una signora che aveva una specie di bed & breafast poco tradizionale, ubicato sotto il ponte nei pressi della stazione.

Ciao per ora!

Luca

Caro Vito, non ci siamo visti da molti anni ma ho un caro ricordo di te. Bienvenue au cercle des réalisateurs disparus. Vincent

Non lo so... I tempi sono cambiati, e di molto, certo, rivedere e "giocare" con i vecchi amici... mi piacerebbe e tanto....
Ma di scuole on life ce ne sono, ed ottime e sono anche molto ben fatte quelle on line (vedi quella di Francesco e Laura)...forse la formula vecchia talpa, tipo talk show, ma in diretta sulla rete...boh... nahhh! non ci fare caso, è la mucca pazza che avanza!

Ho conosciuto Vito Lo Russo vent'anni fa, quando cercavo lavoro come disegnatore di fumetti.
Molti del settore mi trattavano guardandomo dall'alto in basso, come spesso succede all'inizio.
Vito no.
Lui mi trattava con un modo rispettoso come fossi un collega importante, e semplice come un amico sincero.
Aveva gia' lavorato per Spielberg, ed erano gli anni '90, anni in cui, volendo, in questo mestiere potevi anche "tirartela".
Negli anni successivi Vito ha continuato a trattarmi sempre nello stesso modo, senza mai cambiare atteggiamento, nonostante il mio peso professionale fosse aumentato.
Ed ancora una volta gli sono stato grato, per avermi sempre trattato senza etichette, ne' negative (prima), ne' positive (dopo).
Oggi attraverso questa pagina sono venuto a sapere che non c'e' piu', e mi dispiaccio, e tanto.
Chi mi conosce sa quanto io tenda ad essere gentile e disponibile con tutti, senza alzare barriere o preconcetti professionali e non.
Ma di certo non sa che questo atteggiamento mentale "pulito" l'ho imparato anche ispirandomi allo spessore umano di Vito Lo Russo.
Andrea Cascioli.

vito, sono venuta in bacheca a farti gli auguri... poi ho capito e...
quante chiacchiere insieme, quanti racconti, quante risate. poi ti ho perso di vista e me ne dispiace davvero.
bravo. simpatico. spiritoso. perbene come pochi. una persona a cui chiunque avrebbe affidato le sue cose più preziose.
ciao, vito.
con tanto affetto.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.