Successivo » « Precedente

UN LUNGO APPLAUSO PER SERGIO (foto di Emanuela Oliva)

© foto Emanuela Oliva 3406997343  (2)

29 settembre, mattina. Cimitero monumentale di Milano.
Un lungo applauso per Sergio.

Con un’energia contagiosa - racconta Matteo Stefanelli qui a Fumettologicamente - esplosa in uno scrosciante – e straziante – applauso al feretro diretto ormai verso la destinazione finale.

C foto Emanuela Oliva 3406997343  (133)

© foto Emanuela Oliva 3406997343  (84) - Copia

© foto Emanuela Oliva 3406997343  (23)

© foto Emanuela Oliva 3406997343  (104)

© foto Emanuela Oliva 3406997343  (18)

© foto Emanuela Oliva 3406997343  (120)

Commenti

Abbiamo riflettutto a lungo prima di mettere on line alcune delle tante foto scattate questa mattina a Milano (le meno specifiche, le più corali possibile), per un saluto così personale, intimo.


Ma il compito dei cronisti è anche questo: rendere partecipe chi non ha potuto esserci di fatti così l determinanti, lancinanti per il nostro povero mondo del Fumetto. Un fatto che non si riteneva possibile, che non si voleva credere fosse possibile.


In queste foto c'è la testimonianza, con la propria presenza di persona, di tanti disegnatori, sceneggiatori, giornalisti, gente "nostra" del settore, venuta da ogni parte d'Italia a salutare un gran signore, un grande amico.

Oggi son andata al funerale di Bonelli per rispetto e x ammirazione. Ho scattato anche io fotografie solo dopo aver visto che lo facevano anche altri fotografi, son stata assolutamente discreta, ma ci tenevo a documentare l'ultimo saluto a questo grande maestro.

c'erano anche i fotografi del Corriere. E ci mancherebbe: una memoria di questo evento, per quanto minima, è bello sapere che esisterà.
Grazie.

Non avevo mai visto raccogliersi così tanti autori e operatori del settore. E credo che non si vedrà più una cosa del genere. Solo Sergio Bonelli, una persona che è stata la "pietra angolare" della storia del fumetto popolare italiano, poteva con la sua scomparsa provocare un simile pellegrinaggio. Una grande emozione.
VIVA BONELLI!

Non avevo mai visto raccogliersi così tanti autori e operatori del settore. E credo che non si vedrà più una cosa del genere. Solo Sergio Bonelli, una persona che è stata la "pietra angolare" della storia del fumetto popolare italiano, poteva con la sua scomparsa provocare un simile pellegrinaggio. Una grande emozione.
VIVA BONELLI!

Non avevo mai visto raccogliersi così tanti autori e operatori del settore. E credo che non si vedrà più una cosa del genere. Solo Sergio Bonelli, una persona che è stata la "pietra angolare" della storia del fumetto popolare italiano, poteva con la sua scomparsa provocare un simile pellegrinaggio. Una grande emozione.
VIVA BONELLI!

Non avevo mai visto raccogliersi così tanti autori e operatori del settore. E credo che non si vedrà più una cosa del genere. Solo Sergio Bonelli, una persona che è stata la "pietra angolare" della storia del fumetto popolare italiano, poteva con la sua scomparsa provocare un simile pellegrinaggio. Una grande emozione.
VIVA BONELLI!

Non avevo mai visto raccogliersi così tanti autori e operatori del settore. E credo che non si vedrà più una cosa del genere. Solo Sergio Bonelli, una persona che è stata la "pietra angolare" della storia del fumetto popolare italiano, poteva con la sua scomparsa provocare un simile pellegrinaggio. Una grande emozione.
VIVA BONELLI!

Ieri mattina anch'io ero lì ma, solo con il pensiero, visto che lavoravo nel mio ufficio in sicilia.
Grazie di aver messo la foto.
ciao Sergio

Grazie per aver postato quete foto e averci un po' resi partecipi di tanta emozione.

Bellissimo disegno, Laura! Grazie!


L.

La moltiplicazione dei commenti è sintomo della inattendibilità della rete,m, con le solite connessioni scandalose che fanno precipitare l'Italia a piombo nelle classifiche dei "terzi mondi".
Roba da matti.
Non è certo questo il lugo e il momento per protestare,.
Onore e gloria a un grande uomo come Sergio Bonelli, grande Uomo (ci tengo a sottolinearlo) oltre che immenso editore.

Spiace che anche in momenti di commozione generale come questi ci siano dei piccoli contrattempi, dovuti all'inattendibilità di questa infame Italia, che ti riportano automaticamnente alle piccinirie, all'angusto territorio nel quale dovremmo essere felici di vivere e che è devastato da disservizi di ogni tipo a causa dei soliti papponi, evasori fiscali, politici eletti a lista chiusa, papaveri mafiosi di fatto o nei comportamenti.

Auspico un po' di pulizia, che arrivi presto. Il ricordo dei tanti fumetti di Sergio Bonelli dove la Giustizia trionfa contrasta in modo stridente con quanto ci circonda.

Tanta commozione autentica, tante redattrici in lacrime: mancherà a tanta gente l'autore, l'editore, la persona.

A due passi dalla tomba c'e' Milano fumetto-Alastor: farci un salto (anche se magari non si comprano albi Bonelli - hanno cmq parecchi arretrati bonelliani) mi sembra un modo di omaggiarlo...

Sad Steve

Un caro, ultimo saluto. Fino alla prossima volta, quando leggerò un fumetto Bonelli.

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.