Successivo » « Precedente

QUATTRO ARTISTI SENZA FUTURO, di Marco Pugacioff

P1015749

Imminente è il reportage su un altro evento fantastica tenutosi lo scorso week-end, sul quale ci mette qualche pulce nelle orecchie, a mo' di antipasto, il magico Marco Pugacioff, esperto e appassionato di Fumetto popolare, autoritrattosi in una delle sue rare foto presenti in rete esattanmente nell'immagine sopra. Le valutazioni che seguono sono opera sua (e quindi me ne lavo pilatescamente le mani, errori eventuali di traduzioni compresi).

A Marco la parola!

Cari Amici,
questo sabato in un piccolo paese delle Marche, in centro Italia, è stato inagurato un piccolo museo dedicato ai disegni originali dei poster cinematografici.
In questa occasione è stata scattata misteriosamente, (da chi? Boh!) una foto in cui sono riuniti quattro artisti senza più futuro (siamo, o no, vicini al 2012?): da sinistra Ruben Oscar Villareal, ex - disegnatore di fumetti argentini, Roy Mann, Puga malato di Tiramolla e Blek Macigno, e Pierpaolo Scalera, uno dei più bravi illustratori cinematografici.

Mes chers Amì,
ce samedi dans une petite ville dans les Marches, en Italie centrale a été inauguré un musée dédié à Les dessins des affiches de cinéma originales.
A cette occasion, il a été pris mystérieusement (par qui, boh?) Une photo de quatre artistes se sont rencontrés sans avenir (nous sommes, ou non, près de 2012?): De gauche Villarreal Ruben Oscar, ex-artiste de bande dessinée de Argentine, Roy Mann, et Puga malade de Elastoc et Blek Le Roc, et Pierpaolo Scalera, l'un des meilleurs films d'illustrateurs
.

Mi querido Amigos,
este sábado en una pequeña ciudad en la Marche, en Italia central, se inauguró un museo dedicado a los diseños de los carteles de la película original.
En esta ocasión fue tomado misteriosamente ¿por quién, boh?) Una foto de cuatro artistas se reunieron sin futuro (que son, o no, cerca de 2012?): De izquierda Rubén Oscar Villarreal, el ex - dibujante de historietas de Argentina, Roy Mann, y Puga paciente de Tiramolla i Blek el gigante i Nippur, y Pierpaolo Scalera, uno de los mejores ilustradores de cine
.

Franco Picchioni-Mocambo

Questi due meravigliosi poster, compreso quella della rassegna, si devono al valente Felix De Paul. Quello sopra è di Franco Picchioni e si riferisce al film Mogambo (1953).
Quello sotto, con Claudia Cardinale (da La ragazza con la valigia, 1961).

Nano-La Ragazza con la Valigia.tif

Questa meravigliosa mostra è visitabile ancora per poco, vale a dire fino al 30 giugno (se non verrà provvidenzialmente protratta).

Museocinema-a-pennello_invito_leggero

Come ben puntualizzano gli organizzato di questa bella iniziativa, mentre sono in molti a conoscere titolo, attori, regista del film, solo pochi, purtroppo, sono in grado di identificare l’autore del manifesto.

A questa non certo trascurabile dimenticanza si è cercato di rimediare in quel di Montecosaro, rendendo onore ad artisti ingiustamente ignorati che, grazie alle fantastiche immagini evocative fissate nei cartelloni, riescono a farci immedesimare nel racconto cinematografico.

Si tratta dunque, di un dovuto tributo alla carriera di certi pittori che hanno il merito di aver lasciato alla storia italiana un grande patrimonio artistico e culturale.
Parte del quale è in bella mostra proprio in una piccolissima realtà paesana dove, alla appassionata dedizione di un singolo personaggio, si fonde armoniosamente un radicato collante familiare in un ambiente spontaneamente ospitale.

Palazzo Marinozzi, che ne è sede, fa parte del complesso architettonico costruito intorno alla porta San Lorenzo (SEC. XIII), unico ponte antico rimasto accessibile al borgo.

Pur con i naturali cambiamenti dovuti ai graduali cicli storici, l’originaria struttura fortilizia a difesa della popolazione è ancora ben visibile nella sua maestosità. Dall’immagine di castello medioevale, con tanto di torre merlata e mura di cinta (la vedrete nel prossimo post a cura di Felix De Paul), è passata nei secoli ad un graduale aspetto di dimora residenziale, culminata nel 1700 con la chiusura a tetto dell’imponente maniero.

Nelle sue innumerevoli stanze, di cui alcune con affreschi ottocenteschi, si sono alternati nei tempi dai leggendari Templari ai Padri Gesuiti, dai Nobili Pellicani ai Conti Gatti fino agli eredi Perugini e Marinozzi. Quest’ultimi, collezionisti d’arte moderna, dopo i tanti eventi organizzati come “Centro del Collezionismo”, hanno creato all’interno del palazzo uno spazio museale permanente destinato alla cartellonistica cinematografica.

Qui si possono liberamente ammirare, unica realtà a livello nazionale, numerosi bozzetti originali dipinti per manifesti di film che hanno fatto la storia cinematografica mondiale. L’ideatore di questo castello incantato è Paolo Marinozzi, che ha allestito uno straordinario e suggestivo monumento della memoria, comune ad una intera generazione.

Ha recuperato tracce, testimonianze, documenti delle dive dello dello schermo e degli assi dello sport, esponendole nella sua magica cittadella, affinchè tutti possano goderne, tornando bambini, almeno per un giorno.

E’ possibile visitare la mostra su prenotazione:

0733/229164
337/634178
Email per informazioni: museo@cinemapennello.it
Comune di svolgimento: Montecosaro
Luogo: Porta San Lorenzo - Palazzo Marinozzi
Patrocinato: Comune di Montecosaro
Organizzatore: Centro del Collezionismo

MuseoMontecosaro26 giugno'11

Commenti

E' una iniziativa lodevolissima!
Questi sono davvero dei grandi artisti, come sempre accade in Italia, troppo snobbati dai critici con la puzza al naso.
Attendo le altre informazioni su questo evento, al quale non potrò assistere. E se possibile anche di vedere un po' di questi manifesti e cartelloni in rete.
Già che il mese sta per finire volevo segnalarvi una scadenza per chi è interessato.
LA SATIRA INVESTE NELLA RICOSTRUZIONE
Scadenza del concorso DOMANI; 30 giugno

Per partecipare alla mostra-concorso consultate il bando sul sito dell' Osservatorio permanente sul dopo sisma.
http://www.osservatoriosuldoposisma.com/

Ciao!

"Senza futuro" perché nel 2012 ci sarebbe la fine del mondo?

Una bella iniziativa, e poi nella foto ci sono davvero quattro grandi autori..
un applauso agli organizzatori

Ciao, Matilde, ciao Mario, sempre bene essere IT, spero proprio che si riparli di questa mostra.
E scusatemi se vi ammorbo con un OT, ma questo è l'ultimo post al quale posso aggiungere una comunicazione, che mi sembra importante perché ancora una volta riguarda la criminalità organizzata del Bel(lissimo) Paese. In particolare la città del Comicon, gran bella manifestazione.
Si accenna anche alla Loren (non alla Cardinale, ma vabbe').
.


Rifiuti. La camorra inonda Napoli di spazzatura per accogliere il nuovo sindaco.

Articolo di "El Pai's". De Magistris effettua un viaggio d'urgenza a Roma per chiedere aiuto al governo. Napolitano pretende da Berlusconi l'adozione di misure urgenti. Incendi, arresti e caos nella citta' meridionale.

"La Camorra la fa da padrona nel business della spazzatura e questo grande spettacolo e' il suo modo di salutare il nuovo sindaco " ironizza Pietro Nertosino, un barman napoletano che passeggia con la camicia aperta fino all'ombelico e occhiali da sole a specchio su Via Verdi, a 100 metri dal Teatro San Carlo. Nel tempio della lirica recentemente restaurato mettono in scena "Pagliacci", metafora di una classe politica che in quindici anni non e' stata in grado di abilitare un normale sistema di raccolta dei rifiuti, e non lontano dagli archi che conducono al foyer c'e' una montagna di rifiuti che emana un odore nauseabondo. Napoli sta di nuovo soffocando sotto un mare di "munnezza". Ci sono circa 2.000 tonnellate di immondizia per le strade, stanotte ci sono stati incendi in tutta la citta', e il centro storico da tre giorni soffre la guerriglia organizzata da giovani "cuccioli" (della mafia) che il Sistema suddivide per il territorio in moto che nessuno e' in grado di ferma!
re. Tutto sembra pronto per l'ennesima emergenza sanitaria in 15 anni. Il calore e' opprimente, un liquido bianco trasuda dai sacchetti, il miasma degli incendi intacca i polmoni e secondo quanto ha detto il sindaco, Luigi de Magistris, se il ciclo non si normalizza c'e' il rischio di tifo e colera. Forse ha esagerato, perche' oggi il centro non emana del tutto un cattivo odore ed i cittadini di Napoli non indossano nemmeno maschere; abituati a vivere in mezzo alla sporcizia si limitano a coprirsi il naso con la mano quando spuntano rifiuti.

De Magistris e' un ex Pubblico Ministero dell'Italia dei Valori che ha sedotto il 65% degli elettori nelle recenti elezioni comunali con il suo messaggio di ritorno alla legalita' e all'ordine. Ha promesso in campagna elettorale che in soli cinque giorni il centro e la periferia sarebbero stati ripuliti dalla spazzatura. Però dieci giorni dopo aver assunto l'incarico la situazione e' peggiore di prima. Oggi ha viaggiato con i suoi principali assessori a Roma per chiedere aiuto al ministro dell'Ambiente, Stefania Pretigiacomo, ma ieri De Magistris ha accusato Silvio Berlusconi, il premier, di aver abbandonato la citta': "Se ne frega dei napoletani ", ha detto.
.
Lo stesso sembra pensare il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha esortato il governo a prendere misure immediate per risolvere il problema della sua citta' natale con un decreto che permetta di trasportare la spazzatura in altre regioni. A Roma si dice che la Lega Nord si rifiuta di approvare il decreto, ma anche la Regione e la Provincia, che sono in mano alla destra, chiedono soluzioni a Roma. Certo e' che Berlusconi aveva gia' messo in guardia i napoletani durante la campagna elettorale che se il suo partito avesse perso la contesa, "avrebbero dovuto affidarsi al buon Dio".
"Berlusconi vuole far marcire la situazione per ricomparire come il salvatore della patria", dice il portavoce del sindaco nell'area antistante la piazza del Municipio, dove nemmeno manca una montagna di sacchetti neri e blu. Il giovane assistente e' stato sopraffatto dalle richieste di interviste dei media stranieri. Il sindaco ha approvato un piano di emergenza per attenuare i danni: raccolta 24 ore al giorno, scorta della polizia per i camion, due nuovi luoghi dove scaricare quanto accumulato e disinfezione delle strade. Ma sono solo toppe. Alla periferia di Chiaia, Ponticelli o Pozzuoli (il paesino di Sofia Loren), la situazione e' disperata.
.
Ancora una volta l'immagine che l'Italia da' di se' al mondo e' riassunta in questa scena: giovedi' un gruppo di turisti e' rimasto bloccato nell'autobus, con vista di fronte alla cattedrale e, per un paio d'ore, ha fotografato cassonetti incendiati accanto al monumento. Gli stranieri non capiscono. "Due settimane fa dormivano qui e tutto era pulito, ieri siamo tornati e tutto bruciava e c'era un odore insopportabile", dice Wiese Helger, Amsterdam, e la sua amica Vanessa Englebert, Bruxelles, entrambi di 29 anni. "Siamo stati a Roma, Napoli, Palermo e in Sicilia, ed e' davvero un peccato, perche' Napoli e' quasi la citta' piu' bella fra tutte quelle che abbiamo visto."

Blindati contro questo dramma ricorrente e le trappole dei politici, i napoletani ridono per non piangere. "Tutta la politica e' sporca ed e' uguale chi ci sia, qui nulla si mette a posto", dice Gigi, un edicolante filosofo. "Non so dirle se la camorra e' molto diversa dalla politica, o se siano la stessa cosa, ma so che ne' alla politica ne' alla camorra conviene risolvere questo problema. In caso contrario, lo avrebbero gia' fatto, non crede?".

potresti pubblicare le immagini "Vintage" di Walter Faccini?

Buongiorno, è curioso come si parli un po' di tutto.
So ch enon c'è moderatore e quindi i commenti sbandano da una parte o dall'altra...
Le cose che scrive Fusco non mi lasciano indifferente ma auspicherei un altro metodo, non so se lo conoscete.
Quando in un post c'è un commento nuovo, questo viene segnalato in qualche modo a chi segue.
Per esempioo, il titolo del post diviene visibile nel sommario.
Così, chi vuol dire cose su Napoli e la spazzatura, problema che ci preoccupa, specialmente noi del sud, può scrivere in coda a quello e non all'ultimo diponibile.


E chi è interessato a leggere quel titolo prosegue, altrimenti salta a un altro argomento.


Ma sarà possibile farlo?
Ho visto che anche negli altyri blog del Sole 24 Ore le cose funzionano purtroppo in quest'altro modo.
Dove ci sono commenti, perché in alcuni casi non ve ne sono affatto!

Grazie, continuate con questi argomenti,. La mia passione per il cinema è stimolata da post come questi. Credo che mi procurerò il catalogo.

SA parte questo, sono interessato anch'io al buon "Walti".

Ciao, Eli McBett, benvenuto (o benvenutA) nel blog!

La tua richiesta mi incuriosisce molto.


Al di là del fatto che anche questo commento non c'entra nulla con il post, posso dirti che o delle immagini di Faccini in memoria e un collezionista di vecchia data, Alessandro Capecchi, una ventuina di anni fa mi fornì addirittura una vignetta originale di Walti, ma lo stile con il quale era realizzata era molto diverso da quello segariano (tratto da Elzie Crisler Segar) che eravamo abituati a conoscere.

Lo farò in luglio, e anche se Segar aveva un debole per i marinai, cercherò di fare in modo che non sia una promessa paragonabile a quelle di costoro.


Un altro amico (e collega) collezionista, fiorentino, è in possesso dei rari Albi di Coriolano, pubblicati da Giuseppe Caregaro, con i quali Faccini e quella che poi sarebbe divenuta la casa editrice Alpe tentavano artatamente di far concorrenza, sempre con storie di ambiente pugilistico, al "Braccio di Ferro" pubblicato da Arnoldo Mondadori in formato albo.


Se non vedi comparire nulla, fatti vivo (o vivA) di nuovo all'inizio di luglio e cercherò anche di spingere questo collezionista fiorentino a fotografare almeno le copertine di queste pubblicazioni).

Ciao per ora!


L.


Su un blog chiamato CARTOONIST GLOBALE, a mio avviso si dovrebbe parlare SOLO di cartoonists ed affini, ovvero di fumetti, cartoni animati, illustrazioni, cinema dipinto...


Mi mettono molta tristezza certi interventi di persone che "forse" non conoscono il significato della parola "cartoonist", e ci fanno passare la voglia di seguire un blog così interessante, raccontandoci tutte le vicissitudini di politici e governanti, con i loro estenuanti e prolissi commenti...


Possibile che costoro non siano capaci di trovare su internet un altro blog relativo alla politica o alla immondizia di Napoli?

Cosa c'entra quest'ultima con i bellissimi dipinti di cinema?

Ciao, sono francese.
Io amo l'Italia. Tutti essere orgogliosi della vostra eredità culturale è fantastico è enorme.
Non rovinare tutto e cercare di organizzare tutti i vostri problemi.
E 'una splendida idea questo museo con tutti questi bei manifesti.
Grazie a tutti per tutto.... :)
JLparker033

Carissimo J. L Parker, benvenuto tra nooi nel blog!
Ogni volta che si aggiunge un nuovo amico sono molto felice, specialmente se ci segue dall'estero. Il tuo italiano è più che buono, spero che torni a raccontarci qualcosa della Vostra cultura, non solo fumettistica e grafica, ma anche cinematografica, musicale, narrativa e così via; molto spesso in questo blog si parla anche di artisti francesi, delle loro opere e dei personaggi che hanno creato e che, in parecchi casi, sono conosciuti e amati anche dagli italiani.


Tra non molto potrai ammirare un nuovo "stock" di originali di poster cinemantografi, opere che un amico (che ci legge) idenificava addirittura come opere di una corrente artistica specifica nata nel Novecento. Il Cartellonismo non è, forse, meno dignitoso o degno di essere tramandoto del Futurismo, del Divisionismo, dell'Astrattismo, della Tranzavanguardia e così via.
Vista in tale ottica, questa tipologia di arte applicata assume contorni inediti e tutti da indagare.

Mi auguro che qualcuno li approfondisca, magari anche in queste discussioni.


Buona giornata!


Luca

Roy Mann is perhaps today, the senior-most, and undoubtedly the best artist of Phantom comics.
It's a pity that he never got a chance to showcase his awesome talent for King Features Syndicate, USA.
Its high time that someone takes into account his talents, his experience and his sheer creativity, and offers him a suitable assignment.

Dear PC Sarkar, thanks for writing and even more for following our (poor) blog.


I know that you are from (and in) India, and that maybe you are unable to read many articles of "Cartoonist Globale".
Indeed, I really hope you enjoy some art!

About Roy Mann, I agree with you that's a pity.
Hey, is there someone of the KFS people in the house?

Dear Luca.. thanks for your reply. I did not know about Cartoonist Globale, but now I have added it as a book mark, and will go through it.. using Google Translate.

When Sy Barry left KFS, the Phantom art was so degraded that I stopped reading the comics altogether. Subsequently, I came to know of Roy, and collected many of his comics, from Egmont, Frew and Fratelli Spada. I realised that here was an awesome artist, especially when he worked with Germano Ferri, but was sad that Roy never got a chance to showcase his talents globally. I am a Phantom fan since late 1960s, and that makes me pretty senior too. My life's desire will be fulfilled, if Roy gets to draw full-color Phantom comics in English, for a world-wide audience. His talent should not be wasted. Unfortunately, sitting here in India, there is nothing I can do for him, except give him my best wishes and hope that he gets his due.

che bello!! pure dall'India, il grande continente amato da Salgari scrivono per dire che Romano è un sacco bravo a disegnare the phantom ( e con lui Germano Ferri ).
Solo un appunto, amico indiano ( che mi piacerebbe chiamarti Tremal-Naik ), per me i fumetti devono essere stampati in bianco e nero, perchè così sono i disegni originali. Il colore è aggiunto in seguito, da altra persona che non è il disegnatore stesso.
E il bianco e nero e il colore fanno a cazzotti come diciamo in Italia ( non vanno d'accordo ).
Ciao dall'Italia.
how nice! also from India, the great continent loved of Salgari write to say that Roman is a lot better at drawing the phantom (and with him Germano Ferri).
Just a note, Indian friend (who I like to call Tremal-Naik), for me, the comics are printed in black and white, so why are the original drawings. The color is added later by another person who is not the same artist.
And the black and white and color are to blows as we say in Italy (not mix).
Ciaoooo

Caro Pugacioff,
beh, insomma.... non sempre i fumetti nel bianco e nero dell'inchiostro di China ( leggi Cina) originale sono colorati da una terza persona, o comunque colorati senza l'approvazione e consigli del disegnatore delle matite/chine ( poi, ben si sa, a volte c'è chi fa le matite e chi inchiostra)
Pensiamo a Dan Dare in un ipotetico bianco e nero originale, senza nessun tipo di sfumature.
Poi, certo , le strips originali del Topolino giornaliero dovrebbero essere rigorosamente in bianco e nero, ma.... il mercato al giorno d'oggi esige il colore. Pensiamo alle ultime atrocità commesse a proposito ( Boschi, cospargiti il capo di cenere!!) e non rimane altro che rabbrividire.


Insomma, la questione non è così semplice come si potrebbe pensare

Caro Tomaso... I colori del Topolino del CorSera non sono opera mia, che inorridii più volte, adesso forse posso anche scriverlo, per come sono stati dati. Ma anche chi era responsabile in Disney ha fatto di tutto per evitare i risultati più deleteri.
Sappi che tuttavia, adesso il tutto sta per uscire anche in Francia, per Glénat, e con lo stesso format italiano. Quindi, a quamnto pare la cosa è stato comunque interessante.
Spero che lavorino un po' sui toni del colore, i cromisti di Glénat...

Non è poi vero che "il mercato al giorno d'oggi esige il colore", l'ho detto più volte.
Sin dalla loro prima ristampa americana, negli anni Trenta, le quotidiane di Mickey Mouse furono pubblicate a colori.
E così anche giunsero in Italia la prima volta, così le pubblicò Nerbini e poi Mondadori.

Se poi pensiamo alle versioni sul "Topolino d'Oro", si può discutere sui materiali usati allora da Mondadori. E lì, indistintamente, furono pubblicate in bianco e nero le strisce quotidiane, le tavole domenicali (che andavano a colori) e "lucidi" di questo e quello, che... non andavano proprio pubblicati!

O no?


:-)

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.