Successivo » « Precedente

SERGIO TULIPANO INTERVISTA CARTOONIST GLOBALE, SU JACOVITTI, GOTTFREDSON E SUPERGULP. CON UN CONGRUO BONUS SU DUBOUT

Supplementovitt1948fronte1

Quest'intervista e vari materiali annessi, dopo una misteriosa sparizione in una smagliatura della rete, si impone di nuovo con la sua prepoptente attualità.
Partendo da Jacovitti, o meglio del volume Jacovitti, 60 anni di Surrealismo a fumetti edito dalla NPE (Nicola Pesce Editore), il solerte Sergio Tulipano mi ha intervistato alla Fiera di Milano poche settimane fa.

Luca Tulipano

L'intervista è comparsa oggi sul sito ufficiale della manifestazione fumettistica milanese Cartoomics 2011. Come tutti i video girati alla Fiera, sono stati realizzati per conto del suo staff organizzativo della Fiera,non (questa volta) per conto della redazione di Booksweb-TV.

Ecco il link:
http://www.cartoomics.it/index.php?option=com_content&view=article&id=595:i-video-di-cartoomics-2011-parla-luca-boschi&catid=73:dallo-staff-cartoomics&Itemid=366

Il dialogo, che si vede in una congrua dimensione di quadro in chiusura di post, visto che Cartoomics è il salone del fumetto di Milano, così come milanesi sono Rizzoli e Disney, si articola anche su due collaterali usciti con il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport: Gli anni d'oro di Topolino, raccolta completa delle storie disegnate da Floyd Gottfredson, e i DVD di SuperGulp, recentementi riproposti in edicola con alcuni contenuti extra.

6_dubout

Intanto, le immagini riguardano uno dei principali ispiratori di Jacovitti, citato nel volume ma non troppo noto, soprattutto in Italia: Albert Dubout (1905-1976), che, per dirla alla francese, è stato dessinateur humoristique, illustrateur, caricaturiste, affichiste et peintre.

Una sua mostra personale si sta chiudendo adesso, oltralpe (sotto l'affiche).

Expos_musee_2010_2011_zoom

Ancora sotto l'autocarticatura decontestualizzata di Dubout, con pipa in bocca.

Albert_dubout

Ed ecco un po' di immagini esemplificative.
A questo link il sito ufficiale dell'autore.
In qualche immagine di Dubout riecheggiano anche elementi grafici di costruzione dei personaggi di altri umoristi italiani, come Attalo (al secolo Gioacchino Colizzi) o Marino Guarguaglini, persino il primissimo Nino Pagot satireggiante.

Img-552-0

Img-571-0

Img-569-0

Img-567-0

E qui di seguito, altre vignette di un secondo ispiratore di Jac: Walter Faccini, detto Walti, che Lisca di Pesce leggeva da piccolo sul Topolino giornale e che diventerà suo amico nell'età matura.

3_faccini




2010_albums_dubout_lx700

Commenti

Ottima la qualità dell'audio dell'intervista. Si sente benissimo l'effetto stereo sul mio compu, anche se ci sono dei disturbi verso la fine.
Oggi ho visto un'altra intervista tua su Iris, forse girata in quello stesso posto e qualche ora prima o dopo, osservando l'abbigliamento e lo sfondo.
Bravo Sergio Tulipano, che sta facendo un lavoro di interviste a tappeto davvero degno di nota.
E interessantissimo questo Dubout. Ma è mai uscito niente in Italia dei libri di cui si vedono le copertine nel post?

Sarei invece curioso di sapere se esistono ristampe di Walter Faccini, l'ho sempre sentito nominare ma non ho mai letto niente di lui

Faccini, be'... so che ha disegnato anche storie di Pantaleo e Coriolano e che poi Giorgetto Rebuffi e Luciano Bottaro hanno proseguito a disegnare questi personaggi. Ma non credo siano mai più state ristampate da... vogliamo fare sessant'anni?

Da vecchio collezionista posso dire che gli albi di Pantaleo (e Coriolano) sono qualcosa di molto raro e costoso. Sono riuscito a trovarne appena uno a una vecchia mostra a Castel dell'Ovo da un commerciante che ahimè è passato a miglior vita l'anno scorso.

grazie delle informazioni su Faccini. In verita' ho visto un episodio delle Ciccione Volanti su un DVD di Supergulp, quindi non e' del tutto vero che non ho mai letto niente di Faccini... quand-meme, mi piacerebbe leggere qualcos'altro di lui.
Quanto a Dubout, avevo gia' scritto in un altro post che ho in casa un Codice della Strada pubblicato dalla Elmo (casa editrice specializzata in umorismo, aveva pubblicato anche parecchio Wodehouse) e illustrato da Dubout: ho ritrovato qui una delle vignette, e' la copertina di Zéro de conduite (beh, "conduite" vuol dire "condotta" ma anche "guida di automobile")

Un altro grande "imitatore" (ma sarebbe ingeneroso chiamarlo così, diciamo affine per approccio, strabordanza visiva e pulizia grafica) era RENZO MAGGI, grafico del Pime di Milano, educatore e fumettista a tutto tondo per il mensile "Italia Missionaria" (a cui lo stesso jac collaborò) dove adattava fiabe e proverbi di tutto il mondo con uno stile amabilissimo ed efficace... Alcune immagini e notizie su

http://lelecollezionista.splinder.com/tag/renzo+maggi

Grande intervista! Io ero a pochi metri di distanza.

Ciaoissimo
Stefano

Giusto, Cippirimerlo... Renzo Maggi... Ma credo che anche Roveri, quello di Miao, abbia "imitato" a lungo Jacovitti. Un collezionista di albi orizzontali, probabilmente quelli della AVE (non ricordo la collana) Con Pippo, Pertica e Palla, mi aveva fatto notare che npon tutto il materiale contenuto era di Jac, ma qualche tavola, piuttosto simile, era di Roveri. Forse mi aveva anche mostrato la sua firma, un po' strana, con la "R" rovesciata.

Il tema di quest’anno, al quale verrà dedicata la giornata dell’8 Aprile, saranno Le Famiglie, reinterpretate e viste con l’occhio dei cartoons.

I più importanti esponenti del mondo dell’animazione internazionale delineeranno il panorama mondiale dei prodotti dedicati al tema nell’ambito del Programma Professionale del Festival.


Oltre ai panel di Disney, DeaKids, Nickelodeon e Cartoon Network, la conferenza dal titolo “Cartoons: In Famiglia per la Famiglia”, dove interverranno: Maria Mussi Bollini (Rai Tre, Manager), Giuseppe Romano (Vice Direttore Artistico del Fiuggi Family Festival), Gianfranco Noferi (Rai Ragazzi Executive) e Michael Carrington (Chief Content Officer, Turner EMEA), componente della Giuria Internazionale del Festival.

Si terranno per la prima volta nella storia del festival gli “Stati Generali dell’Animazione Italiana:


Per una nuova TV dei Ragazzi” organizzati in collaborazione con Cartoon Italia e ASIFA Italia, con un intervento conclusivo dell’On. Giorgia Meloni, Ministro della Gioventù.

Renzo Maggi era un grande, indubbiamente affine al grandissimo Jac
Invece non conosco Roveri, era anche lui al vittorioso, mi sembra di capire?

Ciao, Paolo, di Luigi Roveri parlo un po' qui, accennando a Nino Orlich:

http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2010/11/il-misterioso-orliani-o-meglio-orlich.html

In altri post precedenti ho avuto uno scambio di battute su Roveri con suo figlio e suo nipote, Giampiero Roveri e Gianluca Roveri.

Alla sua scuola è cresciuto anche Massimo Fecchi:
http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2009/01/massimo-fecchi.html

Prossimamente avrò altre cose da dire e da mostrare su di lui, sempre attivo sulla scena romana, e quindi collega territoriale di Jacovitti. Soprattutto negli anni del primo dopoguerra le loro strade si sono incrociate più volte.

Bisogna pazientare un attimo... Poco alla volta metto un po' di tutto nel blog!

Ciao,


Luca

grazie Luca, avrei dovuto ricordarmi del post su Orlich, chiaramente comincio ad avere problemi di memoria...

Quell'episodio de "Le ciccione volanti" visto a Supergulp era non solo divertentissimo ma mostrava un umorismo sottile (nonostante i "palloni gonfiati" :-D) e spensierato,m una delle cose che a quanto pare non si possono avere (5 episodi inediti!).
Condivido quanto detto nell'intervista: tanti (troppi) cartoni animati moderni hanno dei ritmi da video musicale, per non parlare dello stile volutamente scadente dei disegni, delle animazioni in stile "sposto tutto col mouse", che non valgono certo le vecchie animazioni ondeggianti e dinoccolate di Hanna&Barbera (oggi "Cartoon Network Studios"); per finire, quelli di oggi sono cartoni animati fracassoni, dan quasi fastidio, in quelli di una volta non solo non si urlava in continuazione, non si alterava la voce con continui toni squillanti, ed in più c'erano degli accompagnamenti musicali abbastanza curati.
Torna "Supergulp"? Magari coi personaggi di Romano Garofalo, che stavano finendo dentro delle animazioni come detto mi pare proprio in questa sede ... ma tornerà in tv direttamente o solo in dvd in edicola come capitò al "Roxy Bar"?
Saluti.
G.Moeri

Ciao, come ho già scritto, ci sarà forse la possibilità di vedere a Milano questa mostra del Giornalino ( http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2011/02/150-di-storie-ditalia-al-muf-di-lucca.html?cid=6a00d8341c684553ef0147e3b186b2970b#comment-6a00d8341c684553ef0147e3b186b2970b ), se tutto va come ho sentito dire ieri all'inaugurazione del WOW - Spazio del Fumetto, della Fondazione Fossati.

in questo ultimo anno sono stati (ri)stampati da l'editrice "Albert Dubout Communication" una decina di libri sul Nostro: segnalo "La Ville Sans Loi", la copertina del quale non appare in questo blog.
Il volume in questione è assai interessante e ricchissimo di figure proposte in ordine cronologico.
La prima di pagina 3 risale al 1920!!!
Tre anni prima che nascesse Jacovitti.
Meditate ragazzi miei, meditate!

in questo ultimo anno sono stati (ri)stampati da l'editrice "Albert Dubout Communication" una decina di libri sul Nostro: segnalo "La Ville Sans Loi", la copertina del quale non appare in questo blog.
Il volume in questione è assai interessante e ricchissimo di figure proposte in ordine cronologico.
La prima di pagina 3 risale al 1920!!!
Tre anni prima che nascesse Jacovitti.
Meditate ragazzi miei, meditate!

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.