Successivo » « Precedente

"DESTINAZIONE LUNA" E ALTRE RARITA' DISNEYANE

Rarità

Proseguono i post relativi all'allunaggio, ma con le modalità del tutto anonime che scoprirete leggendo di seguito.
Paolo Castagno, esperto, superappassionato e deus ex-machina con Alessandro Cella del famoso sito di discusssione e informazione disneyana Papersera, segnala un articolo poco noto di un giovane forumista (se ci legge, si faccia vivo, se vuole, e ne declineremo volentieri le generalità), che ci offre un breve excursus su pubblicazioni rare o introvabili uscite in Italia, quasi tutte edite da Arnoldo Mondadori, con la notevole eccezione...

... dei due Albi Rama usciti nel 1959 con la denominazione I Romanzi di Topolino, dai titoli Destinazione Luna e Il tesoro del Polo Nord. Ne riproduciamo, grazie al Papersera, le copertine e gli interni "animati".

L'articolo intende raccontare una Breve storia delle collane e pubblicazioni Disney sconosciute (o quasi) e mostra anche la strana collana dove nel 1950 Arnoldo Mondadori raccoglie i primi numeri di Topolino libretto in tre volumi, dal titolo comune Il libro di Topolino.
.
Il libro di Topolino
.
Sopra vedete la copertina, con dorso, di uno di essi, e anche una poor riproduzione della sovracoperta con sguardie che avvilluppava il tutto. I disegni sono del grafico di redazione Michele Rubino, all'epoca factotum, almeno fino al 1962, ma che ci risulta già pensionato un paio di anni prima, quando sarebbe stato sostituito, con un contratto part-time, da Giuseppe Perego. Ciò in preparazione della periodicità settimanale del tascabile, che sarebbe iniziata dal giugno 1960.

A proposito di questa rara pubblicazione, che oggi definiremmo tecnicamente "ricopertinato", l'articolo del Papersera denuncia dei legittimi dubbi sull'esistenza del primo, che rilegherebbe i primi volumetti tascabili del Topolino libretto.

Invece per il secondo e il terzo numero si sa per certo che esistono, "dato che almeno una copia è conosciuta", spiega il Papersera.


In questo post aggiungo qualcosa a quell'articolo, poiché, per fortuna, sono entrato in possesso di un esemplare rilegato del secondo volume.
Scopro, così, che oltre al frontespizio, vi sono contenuti i riassunti delle storie contenute dentro i singoli volumi.


Ecco, quindi, per la comune conoscenza, le introduzioni, probabilmente scritte da Guido Martina, di Topolino e i grilli magici e de L'Inferno di Topolino.
Spero che vi diverta leggerle!

.
Riassunti Inferno blog

Riassunti  Grilli blog

Commenti

Ciao a tutti, mi aspettavo un altro post sull'esplorazione lunare, cero che quel libretto "activity" (si potrebbe definire cos^?) che avete animato è proprio interessante. Chi l'ha disegnato? E' materiale americano o italiano?
E dove si può trovare?
Ho saputo che ci sarà una nuova iniziativa a Lucca sulla luna e su Giove, sull'esplorazione delle stelle, ma non ho trovato informazioni esaurienti in internet.
Qualcuno mi aiuta?


Lauretta

Leggendo i due riassunti ho visto che nel 1949-1950 c'era difficoltà a dare un nome alla città, che viene chiamata genericamente così in entrambe le storie.
Non si parlava ancora di Topolinia o di Paperopoli, vero?

Gentile Lauretta (e altri eventuali interessati, of course), l'evento di cui parli è il primo "Festival Polisensoriale" che si terrà a Lucca la sera del 10 agosto, in piazza Anfiteatro a partire dalle ore 21. Si tratta di un evento che mescolerà lirica (con una serie di arie pucciniane), fumetti e scienza. La scienza sarà rappresentata da uno sfondo proiettato su un enorme schermo dietro il palco e riprenderà le scoperte di Galileo fino alla conquista della Luna. Dopo un assaggio di prodotti locali nell'intervallo del concerto, entrano in scena anche i fumetti: i partecipanti infatti potranno recarsi al Museo del Fumetto e seguire una visita guidata alla mostra E lucean le stelle, dedicata alla scienza e al fumetto, a cura di due dei curatori, Angelo Nencetti, responsabile del museo e ideatore della rassegna, e ehm, il sottoscritto, che ha curato una delle sezioni, La scienza tra le nuvole. Fabio Castagna, responsabile dell'apparato multimediale della mostra contribuirà a meglio fruire il percorso. Maggiori informazioni le potrai comunque trovare sul sito del festival, all'indirizzo www.festivalpolisensoriale.it
Inutile dire che tutti gli interessati saranno i benvenuti.

Ciao a tutti!

Grazie, Pier Luigi, mentre ero "altrove" mi hai risparmiato la spiegazione sul concertone in Piazza Anfiteatro, a Lucca, della Notte di San Lorenzo, metteremo comunque un post in materia, in questo week end!

So che mostrerete Giove co un cannocchiale agli interesati, nella sede di San Romano, dopo la visita guidata alle tavole a fumetti e alle illustrazioni della mostra.


LAURETTA:
Il disegnatore di "Destinazione Luna" e dell'altro libro animato è a tutt'oggi ignoto.
Forse Marco Barlotti (se non è in vacanza) potrebbe inviarci le scansioni di alcune di quelle pagine, dove copare Atomino Bip-Bip con il suo gemello Bep-Bep.
Questi personaggi sono comparsi su "Topolino" pochi mesi prima, creati da Romano Scarpa.
Con Alberto Becattini congetturavamo sull'identità di questo strano disegnatore, non "regolare" nelle file della Mondadori. Non ha mai disegnato fumetti, peraltro, questi due albi non sono stati editi da Mondadori.
Si potrebbe trattare di un certo Nustrini, del quale sappiamo poco e niente, abita(va) forse nel Casentino. C'era una mezza testimonianza in merito da parte di un collezionista appassionato.


Se qualcuno ne sa qualcosa e vuole parlarcene, è ovviamente il benvenuto.

SANTONASTASO
.
Hai ragione, la città in cui vive(va)no Topi e Paperi non era stata ancora ben definita, in Italia e nel mondo. Come sai per alcuni Paesi (USA e area scandinava) per molti decenni non ci troveremo davanti a due città diverse, ma a una sola, comune a tutti i personaggi Disney.
Non ti farà di seguito tutta la storia, che richiederebbe ben altro spazio (e tempo). Mi limito a ricordare a te e a tutti gli interessato che in Italia, quando la produzione di storie a fumetti diviene più consistente, sin dai primi anni Cinquanta si fa strada l'idea di ideare una città separata da quella dei Paperi per Topolino e C.


Con tutta probabilità, a suscitarla nella fantasia degli sceneggiatori è lo stesso direttore di "Topolino" Mario Gentilini, stando anche alle testimonianze dei fumettisti presenti all'epoca, che ricordano qualche piccolo dibattito sul tema.

Per esempio, Romano Scarpa ricordava di aver suggerito il nome di "Topoburgo", ma quello di Topolinia era già stato formulato (e probabilmente archiviato, dopo essere stato dimenticato) prima ancora che l'autore veneziano divenisse collaboratore del pocket disneyano.


Come gli appassionati ben sanno, la prima menzione di Topolinia avviene nella stranissima storia "Topolino e la Valle dell'Incanto", sul n. 44 di "Topolino" uscito nel 1952. Il contesto in cui si cita riguarda la festa, che coinvolge tutti gli abitanti, organizzata in occasione della annuale fiera bovina. Ma in questa città vivono sia Paperino (e Zio Paperone) che Topolino, Basettoni & C.
Nel 1950, quando escono i "documenti" del "Libro di Topolino" che ho riprodotto nel post, questa sceltra del toponimo non era ancora avvenuta.


Saluti a tutti, buoni sudori.


L.

Salve a tutti,sono Massimo Bonura di Palermo ,lo scrittore di questo articolo e volevo ringraziarvi per il fatto che avete messo in risalto il mio articolo scritto sul Papersera...spero che vi sia piaciuto...Spero anche che possa far conoscere a tutti una piccola storia di questi magnifici e rarissimi fumetti.Chiedo a Luca Boschi il suo indirizzo email di posta elettronica per avere uno scambio di idee in generale sulle varie pubblicazioni.Grazie,Massimo

Ciao, Massimo!

Piacere di fare la tua conoscenza.
Come avrai capito, il tuo commento, segnalato a me a una mailing list da uno dei due "decani" del Papersera mi è sembrato degno di nota, e anche suscettibile di corollari.


T'invierò senz'altro il mio indirizzo, e se avrai dei commenti o delle osservazioni da fare su questo tema e su altri (disneyani, ma non solo) sarai senz'altro il benvenuto!


Luca

Gentile Dott. Luca Boschi,
Le chiedo cortesemente se puo' comunicarmi il Suo indirizzo di posta elettronica per poterLa disturbare al fine di chiederle il Suo competente ed illuminante parere circa l'autenticita' o meno di una tavola originale ( daily strip ) di Donal Duck da me acquistata in USA.
In attesa di un Suo cortese riscontro, Le porgo i miei piu' cordiali saluti

Caro Vito,

ho ricevuto (diamoci del tu, OK?).
Provvedo, sono incuriosito di vedere questa tavola!
A presto,


Luca

Ciao Luca,
hai potuto ricevere le mie email con gli allegati ?

Attendo fiducioso !

Buona giornata,
Vito

Salve, Vito!
Ricevuto, in ritardo.
Ti rispondo subito in privato!

Luca

Carissimo, ancora non ho ricevuto la tua email : attendo trepidante ! Buon weekend, Vito

Ciao Luca ,ho un annuncio molto importante da fare su Il libro di Topolino :

Mi devo correggere ,esiste ufficialmente un solo numero de Il libro di Topolino (originale) che ristampa i nn. dal 10 al 15 di Topolino libretto.La pubblicità è anche sul n. 22.Tutti gli altri numeri SONO DEI FALSI ARTIGIANALI ! messi in circolazione poco dopo: quelli dal 7 al 12 ,e tutti gli altri. Degli originali dovrebbero esistere circa 10 copie,di cui solo 1 o 2 con l' introvabile sovracoperta. Per l' articolo mi sono basato con i dati sull' Inducks che sono errati (spero qualcuna li corrregga,li ho già segnalati) . Concludo : Quello originale quindi è quello che ristampa dai nn. 10 al 15.

Un saluto ,Massimo B. :)

Grazie, Massimo, torneremo più a lungo su questo. La cosa è singolare. A parte l'annuncio su "Topolino" è curioso che in un libro si inseriscano storie già iniziate e altre che non finiranno al suo interno.


Da dove ricavi questa certezza? Hai potuto confrontare gli esemplari creati artificiosamente?
E il fatto che ve ne sia appena una decina in circolazione da cosa lo ricavi? Notizie di venditori?

Ulteriore domanda (e poi chiudo): sei tu il fortunato possessore della "sovraccopertina" con bandelle di Michele Rubino, che ho riprodotto anche nel post?


Grazie, alla prossima!


Luca

Allora si è molto curioso questo fatto,che sinceramente non mi so neppure io spiegare!

Riguardo alle copie ,alcuni miei amici collezionisti posseggono sia gli originali sia i falsi e li hanno confrontati ma la cosa più importante è che è stata controllata l' immagine della storia iniziale(in caso te la mando via posta elettronica) ed corrispondeva alla puntata del n. 10 de L' inferno di Topolino di Bioletto e Martina.

La decina è una fonte ricavata da tutti i collezionisti di cui sono a conoscenza che lo posseggono.

No purtroppo non sono io il fortunato possessore della sovraccoperta, io invece mi limito a conservare un altro rarissimo ed introvabile libro ''Disney''...


Comunque della copertina è molto bello rivedere i principali personaggi di Topolino con Paperino,mi sembra una sorte di remake a Gottfredson

A presto :)

Massimo B.

P.S a breve sarà pronto un mio nuovo articolo su un tema molto appassionante

Lucaa anche grazie alla mia segnalazione ora sull' Inducks è stata quasi del tutto aggiustata l' indicizzazione dell' unico vero Libro di Topolino ;)

Scrivi un commento

I commenti per questa nota sono chiusi.